Amerigo Sarri, ieri a Calenzano per seguire il “Giglio d’oro”, il premio dedicato ai campioni di ciclismo, ha rilasciato alcune dichiarazioni su suo figlio, l’ex tecnico azzurro ora al Chelsea.

Maurizio ora a Londra è felice. Ma voleva restare a Napoli. Lì Maurizio ha lasciato il cuore e secondo me ci sarebbe rimasto volentieri. Forse è successo qualcosa col presidente, ma in Inghilterra adesso sta benissimo. Al Chelsea ed è molto amato. Si è trovato subito a suo agio perché conosceva già la lingua inglese che aveva imparato quando aveva lavorato in banca per quattro mesi”, ha affermato il padre, dichiarando di essere andato a trovarlo a Londra nei giorni precedenti e di aver visto anche una sua partita, “per la prima volta”: normalmente evita per il carico emotivo relativo all’evento.

Amerigo Sarri, sollecitato poi sulla “squadra del cuore” del figlio ha rivelato: “Da piccolo alle scuole elementari era tifoso del Napoli perché era nato lì poi però col passare del tempo la Fiorentina gli è entrata nel cuore. Personalmente mi piacerebbe vederlo in viola e non so se in passato ci sono stati dei contatti perché generalmente in quei pochi momenti in cui stiamo insieme non parliamo quasi mai di calcio”.