Il forum. Quando gli azzurri non scendono in campo, la domenica diventa triste. Lo sanno bene i tanti supporters partenopei che si incontrano sul web

Il tifoso napoletano e la pausa del campionato. “Sto fine settimana il Napoli non gioca…”: “NOOOOO!!!” A casa mia si scatena il panico: una via di mezzo tra il fuja fuja come quando si deve buttare la monnezza e la catalessi post cenone di Capodanno. Waaaaa e mò??? Che facimme? Usciamo??? E perché? Non siamo abituati. Ci dobbiamo vestire, preparare… amma vede’ a gente… “Amò facciamo una cosa: andiamo da Ikea”: solo a sentire questa parola, mio marito se smonte piezze piezze, pure senza o chiavino… e riesce pure a turnà inta a scatola… Ma comme fa? Eh sì, lo ammetto: la pausa del campionato è na tragedia greco-romana a casa mia. I panni sull’asse da stiro sono i soli ad essere felici. Pensano va buò… mò non tiene scuse, mò c’adda stirà per forza. E tu guardi il Monte della Pietà che ammicca, il ferro da stiro che si appiccia da solo, senza manco infilare la spina inta a currente e maledici tutte le coppe esistenti, pure quella del nonno. In giro ci sta un’apatia generale. Teniamo tutti la stessa espressione scunsulate da personaggi in cerca d’autore. Allora mi sono chiesta: Ma è un sentimento generalizzato? Vale per tutti quanti? Così ho lanciato un sondaggio, a cui hanno aderito in tanti, che ci hanno pure messo la faccia, non solo le male parole con tanto di fiocchetti. Ho raccolto alcuni dei commenti. Buon divertimento.

Imma Bene: “La pausa per le nazionali è come quando ti sei organizzata una serata romantica con tuo marito. Affibbiato i 5 figli, i 3 cani ed i 2 gatti anche a Jack lo Squartatore, pur di avere nu poco e privacy. Cucinato piatti afrodisiaci e speziati, sperando di passare direttamente al dolce perché tanto nun sai cucena’ ed è meglio che non lo assaggiate nemmeno quello che hai preparato. Acceso le candele dopo averci rimesso duje accendini, le dita, meza tenda. Aver indossato un completo ultra sexy perché tanto… chi me guarda? Mò stute pure nu pare e candele per fare penombra… E sul più bello, te bussa a suocera alla porta, perché è rimast a pere ca’ macchina e nun sape comme adda turna’ a casa”.
Marina Mercaldo:Il tifoso napoletano durante la pausa nazionali è come il casatiello senza cicoli, l’acqua della provola e una terza tetta: si sente inutile”.
Adriana Cappiello: “La pausa per le nazionali è come quando stai vedendo un film… sei al momento clou, tra poco si saprà l’assassino, chi era l’amante segreta del protagonista e chi ha vinto il bingo con il cui provento è stato realizzato il mega impianto di piscine scena del crimine, e antrasatt zomp a current…Tu rimman tutt surat appis a seggiá e vuó sapé comme va a ferní. Quando la luce torna t truov annanz na chiorm e muort e feriti senza capi ne comme e ne perché… E chest’è!”.
Giuseppe Ragusi: “La pausa per le nazionali è momento di guallera malinconica ed acuta, tra una pella e l’altra”.
Salvatore Sgo: “L’inutilità della pausa per la Nazionale è pari solo all’inutilita’ delle partite della nazionale”.
Antonio Esposito: “A pausa per le nazionali? È come quando tu stai llilli per fare…”gol”e tua moglie ti dice fermati fermati aspetta aspetta! E allora pensi ad Allegri,alla Juve… e t pass tutt o sfizij. Gestire”.
Raffaele Sarracino: “La pausa Nazionale è come quando ti stai facendo una passeggiata ce sta nu sole ca spacca ‘e prete ma all’improvviso se capota ‘o tiempo, inizia a piovere e jastemmi tanti chitemmuorti”.
Lidia Ferrillo: “La pausa del campionato è come il 15 agosto con 35 gradi; stai al mare e ti viene il ciclo”.
Emiliano Mancusi: “Una parentesi inutile tra un ktm e l’altro”.
Dario Quattromani: “La pausa delle nazionali è quando l’attesa del piacere NON è essa stessa il piacere. Ma proprio no. È quando da piccolo aspetti babbo Natale con i regali importanti e sgami che invece è tuo zio con la panza assai (e con il baccalà ancora in mezzo ai denti) che affanna manco fosse Sisifo, con quel sacco in mano. Un trauma! Per un tifoso napoletano la pausa è quando fiducioso aspetti la Cumana che ultimamente ti hanno detto essere puntuale. A te e a quelli vicini a te pare quasi quasi che sta arrivando, vedete i fari, forse. E invece passa un’ora, e poi infine sali, fiducioso ancora di arrivare in orario decente quando a Fuorigrotta senti esclamare “CAMBIO” e devi scendere dal treno, ricominciare da capo. A quel punto, sconfitto, pensi a te, a ciò che ti affligge, ai tuoi traumi da bambino, e pure allo zio baccalà vestito di rosso; e poi pensi che invece di stare là potevi trovarti davanti alla tv o magari alla stadio a vedere il Napoli, cumana permettendo. E no! I Mondiali, Ventura e Mancini. Ma che ce sta a fà sta pausa delle nazionali?”.
Giuseppe Conte:La pausa per la Nazionale è un momento così triste che improvvisamente ti accorgi di quanti parenti hai”.
Giuseppe Di Filippo: “Dunque la pausa Nazionale, è comm a quann stai accumminciann e prelimirar cu muglieret e tuo figlio te bussa alla porta… sang ra culonn che ‘ndussecazione”. Aurora Garra: “La pausa per le nazionali è come quando esce una giornata solare, estiva, calda, dopo avere sistemato i costumi e gli abiti leggeri, per il cambio di stagione…”. Paolo Esposito: “A dummeneca senza o Napoli è comme a mettere o wurstel rint a na tiella e friarielli!!!”.
Domenico Ferraiuolo: “È comme a dummeneca senza a braciola”. Emiliano Serpe: “La pausa per le nazionali per il tifoso napoletano è come quel genitore che da per la prima volta la macchina al figlio neopatentato: spera che torni tutto intero a casa. Quando gioca l’Italia, poi, vorrebbe la macchina del tempo per uccidere Garibaldi e affondare le navi dei Mille”.
Sara Caiazza: “La pausa per la Nazionale è come quando aropp venti anni apre l’Edenlandia e tu si cuntent comm quando eri nu criatur… e po scopri ca e tronchi, la casa delle beffe e il castello dei pirati stann chiusi… e che l’ate araput a fa?”.
Domenico Del Prete: “La pausa delle nazionali è comm a fest ro paese a casa mia in quanto la mia signora pretende di essere scarrozzata a destra e sinistra e non ci sono scuse che tengano”. Monica Nisivoccia: “La pausa per la Nazionale mi fa sentire monca come Insigne senza ó tiraggir, Mertens senza Crotone, ó Comandante senza à sigaretta, Carletto senza ó sopracciglio e a Giuventus senza l’aiutino”.
Ernesto Cinquepunti Cozzolino: “La pausa del campionato è quel momento in cui la domenica a pranzo ti accorgi di non essere solo a tavola… e se fann chiammà pur mamm e papà”. Gustavo Pisano: “Insigne Insigne Insigne …tiro a giro… goal. Ma allora non è il Napoli sarà la Nazionale”.
Ernest Pretzel: “La pausa della Nazionale è un apostrofo azzurro tra un kitammuort e l’altro”. Giovanni Bratomi: “Giri e rigir nun saje che te vere’, mo do un’occhiata a Nazionale… e che cacchio nun gioca neanche cusciutella e Frattamaggiore”. Armando Di Ruggiero: “Stasera tornando a casa fate una carezza ai vostri bambini e dite loro: a’ sosta adda murì”.
Margot Pour Les Amis: “La pausa per le nazionali è “la corazzata potemkin del calcio… una cagata pazzesca!”.
Giovanni Scognamiglio: “La pausa per la Nazionale è comme a bulletta da munnezza. Tu lo sai che una volta all’anno arriva ma puntualmente ta scuord. Poi succede che hai messo da parte quei 3/400 euro con tanta fatica, torni a casa e truov a busta verde dinto a cassetta da posta”.
Enzo Esposito: “Appunto è ‘na Nazionale… non una Camel, ‘na Marboro o mejo ancora nù sigaro Havana!”. Pasquale Piscopo “La pausa per le nazionali è come l’estate da ragazzino, quando ti sei appena fidanzato e devi partire per le vacanze con i genitori: avrai amici, mare e corse in bicicletta ma tu continuerai a pensare a lei”.
Carlo Ferrara: “E per una domenica posso dormire di più, senza il rito di svegliarsi alle 6/8 per vedere il Napoli (vivo in Colombia) Ma mai ore di sonno furono più tristi…”.
Mario Giuseppe Bernardi: “FORZA NA… a no è l’Ita(g)lia …a cet cet mo’ me la guardo “.
Simona Altieri: “La pausa della Nazionale è come quando sei in bagno e realizzi che è fernuta ‘a carta!”.
Galano Alfonso: “A libertà, a libertà, pur a Nazionale l’adda pruvà!!”.
Ciro Costabile: “La pausa per le nazionali è come quando te stai vedenno ‘nu film ca te piace assaje e fernesce ‘o primmo tempo, e nun tiene ‘e solde pe t’accatta’ manco ‘na busta ‘e patatine”.
Elisa Naive:La pausa delle nazionali è come quando la domenica a pranzo apri il paccotto delle pastarelle e la tua preferita non c’è, o se ci sta, c’è sempre chi fa prima di te e tu non puoi dire niente, mastichi amaro, e aspetti il prossimo paccotto. Tristezza, sipario. Fino a quando non ci vai tu in pasticceria e ti fai fare il vassoietto come piace a te, tiro a giro incluso, 3 Allan, 3 Koulibaly, 2 Fabian Ruiz e 1 capitano, che ci sei affezionata”.
Luisa Moccia: “La pausa per la Nazionale è… mo nun teng scuse, aggia fa o’cagn e stagion!”. Bruno Striano: “La pausa per la Nazionale è come l’andropausa: te cachi sotto sulo ‘a pensa’ c’adda venì”.
Ernesto Nocerino: “La pausa delle nazionali è come quando stai nel pullman, ma a due fermate da casa sagl o contrullor”.
Maria Rosaria Esposito: “La pausa della Nazionale è come quando organizzi una serata romantica, tavolo vista mare, sei vestita tutta elegante e sensuale, ti passa a prendere il tizio ed in macchina spara a tutto volume un cd di Gigi D’Alessio!”.
Saicontare Peppino: “La pausa della Nazionale è come l’atmosfera che si respira quann ce sta ‘o muort mmiez ‘a casa”.
Corrado Ray Donovan: “È come quando riesci a strappare un “sì” per un’ uscita a quella che ti ha fatto spantecare per 3 mesi, finalmente ti organizzi… e poi torni a casa e tua mamma ti dice: “Ti ricordi che sabato abbiamo la festa di zia Annarella?”. Vincent Vega: “Uannmmeddie sta semmana ce sta’ a pausa pa Nazionale? KTM, ABEM, CROC, CSAG, MEMV, AKTV, MAM”.
Walter Palm:La pausa della Nazionale è senza filtro: nuoce gravemente alla salute!”.
Raffaele Perillo: “Per me la pausa è come quando vengono i testimoni di Geova e al citofono ti dicono: “Portiamo la luce eterna”. E vulesse piglia’ a paccheri ma poi prevale la pazienza e mi limito a dire: No grazie, non cambio operatore”.
Alessandro Galli: “La pausa per le nazionali è come quando incontri una che te la vuole dare la sera stessa in cui la conosci, ma poi ti ricordi che è una vita che non “inzuppi il biscotto” e, arrivati al momento clou, lei ti fa l’applauso per aver battuto ampiamente il record di velocità di Usain Bolt”.
Francesco Aliperti Bigliardo: “Arap’o furno convinto e frateto o piccerillo s’é magnato a parmigiana e mulignane”. Alessandro del Gaudio: “La pausa per la Nazionale:quando ti accorgi che il blu non è come l’azzurro eppure sti blu si fanno chiamare azzurri e tu lo sai invece che l’azzurro quello vero è nata cos… Seconda ipotesi. La pausa per la Nazionale: tutti a cantare fratelli d’Italia ma fino a ieri le stesse ugole cantavano ‘o Vesuvio lavali col fuoco’ e ti viene da ridere a pensare quant frate strunz che teng”.
Pas Cantilena: “La pausa delle nazionali è come la Juve: nu piatt’ vacant”.
Angelo Ceraso: “Drin drin “Angiole’ sto fine settimana vulimm finalment asci’ con il Camper?”, “Va be’, tanto o’ Napule nun gioca”.
Luigi Amore: “La pausa nazionali? Una tregua in famiglia (moglie gobba juventina)”. Giuseppe Vecchione:La pausa del campionato è un po’ come quando aspetti la domenica per mangiare ragù, tracchiulelle e parmigiana, e invece ti mettono a tavola il brodo vegetale con la pastina”.