Aggancio in vetta: la missione del Napoli non impossibile

71
missione del Napoli, paolo del genio

Nello scorso fine settimana c’è stata l’ultima sosta del 2018. Ora si riparte dal prossimo weekend con una rincorsa al primo posto tutta d’un fiato per gli azzurri, che hanno un calendario meno impegnativo della Juventus in campionato e sperano di poter realizzare l’operazione aggancio. Si arriva fino alla fine di quest’anno solare con una serie incredibile di partite da giocare senza pause. Domenica al San Paolo si inizia giocando di nuovo, dopo tanto tempo, alle 15. Il Napoli affronta allo stadio San Paolo il Chievo ultimo in classifica e reduce dal cambio di allenatore dopo le dimissioni di Giampiero Ventura e l’arrivo sulla panchina veneta di Mimmo Di Carlo.

La formazione che Carlo Ancelotti sceglierà domenica dovrà tenere conto dei rientri dalle nazionali ed anche degli impegni che verranno dopo, ovvero a distanza di tre giorni quando ci sarà la gara con la Stella Rossa al San Paolo per la quinta giornata del girone di Champions e dopo otto giorni quando si giocherà di lunedì sera con il Napoli che dovrà andare a Bergamo in una gara difficilissima contro l’Atalanta. Prevedibile un po’ di turn over ma non tanti cambi di formazione tra una partita e l’altra. Ormai l’orientamento di Ancelotti è questo: cambiare due o tre giocatori per gara facendo giocare tutti ma lasciando tanti minuti e tanto campo a quelli che stanno dando maggiori garanzie. Difficile fare previsioni per la formazione domenica prossima ma è molto probabile che i calciatori che sono rimasti a Napoli, non avendo avuto convocazioni dalle loro nazionali, avranno una maglia da titolare. Da valutare anche la condizione fisica di alcuni giocatori che sono di nuovo a disposizione: col Chievo è l’occasione giusta per rivedere in campo Ghoulam, anche se solo per un pezzo di partita, dopo uno stop lungo più di un anno. Anche Younes ha recuperato dall’infortunio ed in allenamento sta dando risposte molto positive. Il tedesco potrebbe cominciare ad andare in panchina contro il Chievo: sarebbe la prima volta per lui con la maglia del Napoli. Tra poco, dunque, il Napoli potrà contare, oltre che sul fondamentale recupero di Ghoulam a sinistra, anche su un nuovo esterno d’attacco che potrà dare nuove soluzioni in fase offensiva.

Se dovesse giocare bene in quel ruolo, Younes con il rientro anche di Verdi, è facile ipotizzare che Fabian Ruiz e Zielinski che finora hanno occupato quella posizione, possano anche tornare nel ruolo di centrale di centrocampo. Non male in vista della rincorsa al primo posto. Tante le soluzioni quindi a disposizione di Ancelotti che dovrà fare tutte le valutazioni in questo tour de force di gare che vanno da inizio a fine dicembre quando si dovranno giocare tantissime partite, comprese le due che chiuderanno il mese di novembre, e tirare tutte le conclusioni per valutare se sarà il caso di fare anche qualche intervento sul mercato a gennaio.