Lo scontro tra i due durante l’amichevole tra Brasile e Uruguay alimenta il clima di contrasto esistente da tempo che favorirebbe l’addio del Matador al Psg e il suo possibile ritorno al Napoli

Brasile -Uruguay. Tensione alle stelle tra Cavani e Neymar. L’ultimo scontro è avvenuto ieri sera durante il match amichevole disputatosi a Londra. Il Matador intervenuto in ritardo sul brasiliano ha protestato con l’arbitro, beccandosi quindi l’ammonizione. Nel momento in cui ha cercato di aiutare Neymar a rialzarsi ecco però che il verdeoro ha ritirato la mano e rifiutato le accuse. Scintille e accuse reciproche tra i due. Già in passato si erano resi protagonisti di gelosie e scontri accesi in merito a punizioni o rigori da battere nel Paris Saint Germain, dove giocano insieme.

Un crescendo di tensione tra Cavani e Neymar nel tempo che alimenta il sogno napoletano del ritorno dell’uruguaiano in maglia azzurra. Secondo quanto riportato dall’edizione odierna della Gazzetta dello Sport poi “Aurelio De Laurentiis avrebbe fiutato la situazione evidente e fatto le sue mosse”. 

Si legge: “ADL ha ovviamente premesso che il Matador deve fare uno sconto sull’ingaggio (ora guadagna 10 milioni netti e ricchi bonus), ma è chiaro che punta a una generosa spalmatura. Manovre di avvicinamento più concrete rispetto alle leggende metropolitane di agosto. Con Carlo Ancelotti a far da gran cerimoniere è chiaro che Cavani si sente ancor più a suo agio. Il feeling tra i due mette tutti di buon umore. E Napoli sogna”.