“Quello che vedo”, la serie web sull’autismo di Maurizio Casagrande

da | Nov 9, 2018 | Cultura&Spettacolo | 0 commenti

“Quello che vedo”, questo il nome della serie web sull’autismo con la regia di Maurizio Casagrande

Quello che vedo è una serie web sull’autismo, un disturbo evolutivo complesso che, se non opportunamente trattato, può diventare altamente invalidante, in quanto coinvolge le funzioni cerebrali sottese principalmente allo sviluppo della comunicazione e della capacità di interazione sociale.

in foto Antonio D’Amora e Vincenzo Catapano

Ma prima di essere una serie web, Quello che vedo, è un progetto sociale che nasce dalla determinazione di tre giovani autori campani, Vincenzo Catapano, Laura Pepe e Maia Salvato di portare alla ribalta mediatica le problematiche correlate ai disturbi dello spettro autistico, sensibilizzando un pubblico che troppo spesso è distratto.Spesso ci si sente lontani da questo genere di problematiche pur vivendole quotidianamente, come nel caso della presenza di uno studente autistico nella propria scuola, nella propria classe, nel proprio banco.

in foto: Maurizio Casagrande, Anna Spagnuolo (a destra) e la piccola Lucia Manfuso (a sinistra)

Gli autori sono mossi dalla convinzione che un’attività di informazione e sensibilizzazione sul tema, che sia “non formale” e magari alternativa ai tradizionali schemi di comunicazione, possa più efficacemente contribuire a costruire, soprattutto fra i giovani, un clima che faciliti l’inclusione, integrazione e una corretta socializzazione del ragazzo autistico. Il percorso che ha portato alla stesura del soggetto prima, e della sceneggiatura poi, inizia con una intensa attività di osservazione, di studio e di sperimentazione “sul campo”, presso il Centro Neapolisanit di Ottaviano (NA) che ha per suo scopo istituzionale l’ abilitazione, l’ educazione e la riabilitazione di soggetti con deficit fisici-psichici-sensoriali, un centro quindi specializzato soprattutto nel trattamento di persone affette da autismo.

in foto: Maurizio Casagrande, accanto Tiziana De Giacomo, alle saplle Mariateresa Amato, Caterina Gramaglia (a sinistra)

La regia del progetto è stata affidata all’attore e regista napoletano Maurizio Casagrande che si è avvalso di un cast di attori prevalentemente napoletani: Fabio Fulco, Anna Spagnuolo, Mimmo Esposito, Vincenzo Catapano, Susy Del Giudice, Caterina Gramaglia, Tiziana De Giacomo, Igor Petrotto, Salvatore Catanese, Maria Teresa Amato, e i piccoli Antonio D’ Amora e Lucia Manfuso. “Quello che vedo” racconta la storia di Filippo Balestrieri (Vincenzo Catapano), ragazzo autistico di 25 anni, di suo padre Carlo Balestrieri (Fabio Fulco) e del suo fratellino Mirko Balestrieri (Antonio D’ Amora). A scuola la maestra assegna un compito a Mirko, il cui titolo è proprio “Quello che vedo” e da lì partirà, attraverso immagini e flashback, il racconto della quotidianità della famiglia Balestrieri: una “quotidianità diversa” che a Mirko piace così com’ è, anche perchè non riuscirebbe ad immaginarne un’ altra differente. L’autismo di Filippo fa da sfondo ad altre storie con al centro l’ integrazione di altre forme di “diversità‘’ .

Di seguito i link per vedere le sei puntate della serie:

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

“Il  mio incontro col male”

“Il mio incontro col male”

Parlano i sacerdoti esorcisti. Squarci su un mondo misterioso Uno degli inganni del Maligno sarebbe quello di far credere che non esiste. Secondo altri Satana sarebbe una proiezione della mente per deresponsabilizzarci rispetto a comportamenti inaccettabili (la lotta...

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

ll soprano e il tenore dell’associazione Noi per Napoli impegnati in numerosi progetti artistici e sociali L’associazione Culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti, direttori artistici, il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli (nella foto),...

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

“Pandemia e Pandemie da salto di specie, emergenza o convivenza?”: in distribuzione il prezioso e quanto mai attuale e utile volume instant-book di Academ editore, con le risposte alle tante e complesse domande sull’emergenza sanitaria in corso e le gravi implicazioni...

Eventi e musica, Mooks si allarga

Eventi e musica, Mooks si allarga

Nella libreria del Vomero sarà inaugurato un piano dedicato all’intrattenimento Aprirà le porte al pubblico lunedì 19 luglio il nuovo hub del Mondadori bookstore di via Luca Giordano targato Mooks, un nuovo piano della grande libreria vomerese dedicato...

Allamentarse nunn’ abbasta  cchiu’…

Allamentarse nunn’ abbasta cchiu’…

A lengua napulitana verace va scumparenno Sempe cchiù pperzone s’allamentano pecché ’a lengua napulitana verace va scumparenno e ppecché pure cchille che ancora l’ausano spisso nu’ ssapeno scrivere manco doje righe senza piglià zarre e rrancefellune. E overamente...

Il premio Liburia a Salvio Zungri

Il premio Liburia a Salvio Zungri

La sesta edizione del prestigioso evento condotto dall’attore Gabriele Blair e dall’artista Anna Capasso Si è svolto giovedì 15 luglio, nel Chiostro della Parrocchia del S.S. Rosario ad Afragola in provincia di Napoli con inizio alle ore 19 il “Premio Liburia 2021”,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te