Col Psg si può anche pareggiare

da | Nov 6, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

Il punto. Per superare il girone della Champions League, agli azzurri potrebbe bastare pareggiare con i francesi

Torna la Champions. San Paolo gremito come non accade da tempo, per una notte che può fare la storia del Napoli in Europa. Il 5-1 contro l’Empoli non ha esaltato né pubblico né Ancelotti che s’è arrabbiato e ha messo la squadra in guardia: “L’Empoli ha giocato meglio di noi, ma le difficoltà del secondo tempo ci hanno fatto capire cosa dovremo evitare martedì. Meglio così perché siamo stati avvertiti per tempo”. La vittoria, comunque, è servita a consolidare la classifica e a preparare con massima attenzione la partita della stagione per Ancelotti e gli azzurri. Partita da dentro o fuori contro il Psg. Sfida crudele e decisiva. Nel girone della morte il Napoli è secondo (5 punti), in testa c’è il Liverpool (6 punti) mentre il Psg è terzo (4 punti). Fuori gioco la Stella Rossa con l’unico punto conquistato proprio contro il Napoli. Il Napoli ha fatto quasi il massimo, è ancora imbattuto ma gli mancano i due punti di Belgrado riscattati parzialmente dalla vittoria contro il Liverpool e dalla superlativa prestazione al Parco dei Principi con vittoria sfumata in pieno recupero.

Ambizioni rilanciate e speranze autorizzate per gli azzurri, visto quello che hanno saputo fare contro due delle corazzate europee. Domani sera, però, serve l’impresa, serve un solo risultato, la vittoria, per centrare al 99% la qualificazione agli ottavi di finale di Champions. Basta anche pareggiare e si rimarrebbe un punto avanti al Psg ma si dovrebbe sperare in un risultato positivo del Liverpool a Parigi, cosa non impossibile… Però come dice l’adagio “Chi fa da sé…”. Meglio allora contare solo sulle proprie forze. Sembrava un girone impossibile alla vigilia e, quello di Parigi, un match con poche speranze contro una squadra che in campionato ha vinto 12 volte su 12 con un media gol di oltre tre reti a partita. Invece Ancelotti rimescolando uomini e modulo è andato a Parigi senza timore, andando in difficoltà nei primi minuti di entrambi i tempi ma poi riuscendo a riprendere gara e campo, dando dimostrazione di coraggio, forza e concretezza.

Cosa dovrà fare il Napoli al San Paolo per stendere il miliardario Psg? Dovrà superarsi in tutto e per tutto perché i francesi scenderanno al San Paolo col solo scopo di vincere e non risparmieranno energie di alcun genere pur di centrare il risultato e operare il sorpasso. Giocare come a Parigi, dunque, potrebbe non bastare se i francesi metteranno le marce alte, forti di una “rosa” preponderante di giocatori, con un centrocampo ricchissimo e attaccanti in grado di decidere da soli la partita e soprattutto sapendo bene quello che il Napoli può fare. Dopo l’Empoli bisognerà vedere come gireranno le gambe degli azzurri ma soprattutto che testa avranno nell’affrontare una squadra in grado di fare l’impresa al San Paolo. Avranno il brac cino corto per l’importanza della gara, si faranno sopraffare dall’ansia di prestazione o sapranno mantenere calma e nervi saldi senza soggezione alcuna? Tuchel attaccherà, ma questa volta tenendo ben solida la difesa e compatte le due linee in fase di non possesso, con un centrocampo tecnico e propositivo che però non lascerà campo alle ripartenze e alle giocate degli azzurri.

Chi sarà per il Napoli l’osservato speciale? Di Maria, Rabiot, Mbappè, Cavani o Neymar? Ancelotti confermerà l’undici del Parco dei Principi o escogiterà qualche altra soluzione per “incartare” per la seconda volta il tedesco Tuchel? Interrogativi leciti e intriganti per una partita da vivere tutta d’un fiato, dove sarà intrigante capire dove agiranno Insigne, Mertens e Fabian Ruiz o Hamsik. È gara da tripla e quel che è certo è che gli azzurri dovranno buttare cuore e coraggio oltre l’ostacolo. Ci vorrà orgoglio ed una squadra super con una difesa compatta e concentrata, un centrocampo disposto alla “guerra” con pressing costante e gioco d’anticipo.

Soprattutto ci vorranno giocatori che non dovranno sbagliare l’ultimo tocco come troppo spesso accade agli azzurri. Ci vorrà tutto questo e potrebbe non bastare contro il Psg delle stelle milionarie. Ci vorrà il cuore del “vecchio” San Paolo, chiamato ancora una volta ad essere il dodicesimo giocatore in grado di fare l’ennesimo “miracolo” prima di ritornare, testa e piedi, a riprendere la corsa in campionato. Con la speranza di non dover rimpiangere il pareggio di Belgrado. Vamos a matar il toro francese.

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto, il toro alla fine deve cedere alla furia di Osimhen che la risolve con uno stacco perentorio, azzurri a punteggio pieno dopo 8 giornate. Magico Napoli - Inizio della partita molto equilibrato, per l'ottimo schieramento tattico di entrambe...

Napoli, adesso infilza il Toro

Napoli, adesso infilza il Toro

Il match con i granata per continuare la serie positiva e magari allungare ancora sulle inseguitrici A caccia dell’ottava meraviglia, il Napoli, nell’arena del Maradona cercherà di matare un Toro sempre difficile da battere. È ancora vivo il ricordo della partita...

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti, al Maradona gli azzurri non riescono, in dieci, a contenere lo Spartak Mosca, finisce 2-3 ma tutto è ancora possibile. Prima caduta - Ottima partenza per il Napoli che impiega solo 11 secondi per passare in vantaggio,...

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari finisce 2 a 0, azzurri nuovamente primi in classifica e sesta vittoria consecutiva su sei giornate di campionato, Osimhen la sblocca poi è lui stesso a procurarsi il rigore nel secondo tempo, trasformato da Insigne per il 2 a 0 finale. Napoli Cagliari...

Napoli: che sorpresa!

Napoli: che sorpresa!

Grande inizio di stagione. E i tifosi tornano a seguire la squadra con passione Dopo appena cinque giornate di campionato è pericoloso azzardare pronostici soprattutto in chiave partenopea, ma in generale si può affermare che le previsioni della vigilia secondo cui la...

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Sampdoria, Osimhen incontenibile firma una doppietta, doppio assist di Insigne e Lozano, Ruiz raddoppia mentre il sigillo è di Zielinski. Cinque vittorie su cinque e azzurri primi a punteggio pieno. Poker bis - Seconda vittoria...

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Napoli spettacolare, 4 gol all'Udinese nella Dacia Arena, Osimhen e Rrahmani nel primo tempo, Koulibaly e Lozano per il tris e il poker nella ripresa, unica squadra a punteggio pieno. Napoli spettacolare - Chiamato all'ennesima vittoria in campionato, per conquistare...

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina e spreca tanto, va sotto di due gol e nel secondo tempo, con Osimhen la pareggia a 3 minuti dalla fine. Il Napoli domina a Leicester - Partita ricca di emozioni quella che va in scena al Leicester City Stadium, per la prima di Europa League. Il Napoli...

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, a 5 minuti dalla fine il senegalese firma il gol vittoria, Juventus KO al Maradona e -8 in classifica. Ancora Koulibaly- Napoli Juventus non può essere una semplice partita, è la partita più sentita del campionato, orario insolito di sabato alle 18...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

Napoli-Venezia 2 a 0, prima vittoria dell'era Spalletti nel giorno del suo battesimo al Diego Armando Maradona e finalmente ritornano i tifosi allo stadio. Napoli-Venezia è anche la prima partita di Spalletti, da allenatore del Napoli, nell'impianto di Fuorigrotta...

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Il sorriso stanco di Eriksen su un volto ancora visibilmente sofferente è l’ennesimo campanello d’allarme all’Uefa ed al suo presidente, Ceferin, di una situazione ormai arrivata al limite per come l’organismo di Nyon sta gestendo il calcio europeo. Ceferin dopo la...

Confessioni di una mente geniale

Confessioni di una mente geniale

Dopo mesi di silenzio stampa, finalmente il presidente del Napoli torna a parlare. E lo fa a modo suo Finalmente una reazione, un cenno di vita c’è stato. Non del Napoli ma del suo proprietario che s’è “confessato”, si fa per dire, al “Passepartout Festival” di Asti....

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League, bruttissima prestazione dei ragazzi di Gattuso che non riescono a battere il Verona, 1-1 e i bianconeri ringraziano. Napoli fuori dalla Champions League - Tensione alle stelle al Maradona di Fuorigrotta, dai primi minuti del match,...

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli-Verona: gli azzurri giocano per non rovinarsi la Champions e le vacanze; motivi più convincenti di ogni modulo tattico. Difendendo il quarto posto dalla Juventus, posizione appena conquistata a dispetto di Cassandre e menagrami, Gattuso e i suoi avranno...

Due vittorie per l’Europa che conta

Due vittorie per l’Europa che conta

Il lavoro di Gattuso, nonostante difficoltà e critiche, ha aperto il ciclo del Napoli che verrà C’è un proverbio napoletano che recita testualmente “Chi fraveca e sfraveca nun perde maie tiempo”. Cioè, chi costruisce e poi si trova a dover abbattere quello costruito,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te