I primi tre mesi di Ancelotti

da | Nov 5, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

Tre mesi sono bastati a Carlo Ancelotti per diradare ombre, dubbi e pure qualche critica iniziale, dopo la scelta di allenare il Napoli e vivere in una città difficile. Adesso che le cose sono visibili nella più assoluta trasparenza, che il “progetto” Ancelotti sembra aver preso piede in maniera decisa, è lecito porre alcune domande a chi, nella scelta di Ancelotti, vedeva il canto del cigno, ormai vecchio e stanco e pure con qualche necessità da… disoccupato.

È vero che il calcio business moderno autorizza a pensare di tutto e di più e soprattutto “a male”, però andrebbe innanzi tutto verificato, prima di lanciarsi in giudizi avventurosi e di una faciloneria che avrebbe del comico se non fosse tragica, di chi si parla, del suo retroterra culturale e della personalità mostrata in anni di carriera. E siccome il signor Ancelotti fa parte della ristretta cerchia di allenatori giramondo e vincenti viene spontaneo allargare il discorso e porsi le seguenti domande: perché questi allenatori (cito Mourinho, Guardiola ma mi viene da pensare soprattutto a Capello e Lippi arrivati addirittura in Cina, ndr) hanno fatto valigia, alcuni per sedi lontanissime e forse anche scomode? Forse la voglia di portare, a mò di missionari, il verbo calcistico e, per gli italiani, diffondere la tradizione pedatoria di casa nostra? Oppure il desiderio di misurarsi con realtà diverse per maturare nuove esperienze ? Parliamoci chiaro: la principale se non l’unica spinta provata, comune a tutti, è stata la prospettiva di ancor più lauti guadagni. Fatto che, sia chiaro, non è una colpa. E Ancelotti, al pari di altri bravissimi tecnici non è sfuggito a questo dogma, essendosi gestito come un normale lavoratore, altamente specializzato, che grazie ad una globalizzazione sempre più massiccia gli ha consentito di guadagnare cifre importantissime visti i risultati ottenuti in mezza Europa dove sono approdati, e questo è un mistero, nababbi diventati possessori di ricchezze enormi disposti a investirne a iosa pur di primeggiare. È stata la deriva definitiva dello sport inteso come somma di valori ed il definitivo passaggio ad uno sport inteso come show business.

Poi, però, ecco che Re Carlo, ovvero Carletto Ancelotti, l’allenatore più vincente del globo, con contratti milionari ed in doppia cifra, sceglie il Napoli come squadra e Napoli come città in cui vivere e lavorare. La Napoli città caotica e difficile, dei problemi sociali irrisolti e “pericolosa” per gli scippi, le rapine; ma anche della squadra “zero tituli” con una tifoseria troppo caliente e vogliosa di tornare a vincere e tifosi dubbiosi del “nuovo” dopo aver visto e vissuto per tre stagioni la “grande bellezza” di Maurizio Sarri, lui sì, approdato al Chelsea perché “con il prossimo contratto mi devo arricchire”. Ed aveva ragione pure lui, il bravissimo operaio in tuta Sarri. Ma, l’uomo, dov’era l’uomo come lo cercava Diogene, lanterna in mano? Ecco, all’improvviso, convinto da De Laurentiis, apparire Ancelotti che dice: “Io mi diverto ad allenare i ragazzi, in piena umiltà, e questa squadra che ha un livello qualitativo medio alto mi emoziona” e ad un amico giornalista, dopo qualche delusione estiva, confessa: “Per tre anni questi ragazzi hanno conosciuto e frequentato un solo calcio, però hanno tradito qualche difficoltà a cambiare registro e a sollevare lo sguardo oltre la siepe e a impadronirsi di altre conoscenze. Con pazienza ce la faremo”.

E tre mesi sono stati sufficienti a far capire, urbi et orbi, che il calcio per Ancelotti non è solo business e quattrini ma anche piacere di lavorare e tornare a fare l’allenatore a tempo pieno e non solo il gestore di grandi campioni. La sfida, a mio sommesso avviso, l’ha già vinta. Senza stress e con la semplicità e l’umiltà che ne hanno fatto un grande allenatore e soprattutto una persona vera, sincera, a differenza di altri tecnici sempre stressatissimi ed in guerra con tutti. Forse, il Napoli e De Laurentiis hanno trovato la “normaità” per diventare grandi. E credetemi, soldi e fatturato c’entrano poco.

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

Dodici puntate alla fine del romanzo

Dodici puntate alla fine del romanzo

Gattuso deve guidare il Napoli alla conquista di un posto in Europa, possibilmente in Champions League Cessate le antiche turbolenze, dimenticati - per ora - i velenosi e traditori contatti del presidente con altri allenatori dopo la “fatal” Verona, e stoppate...

Il gap italiano con i top club europei

Il gap italiano con i top club europei

Le notti d’ Europa, nonostante i progressi e la strada della gioventù intrapresa da Mancini con la sua nazionale, hanno confermato il gap ancora esistente tra i nostri top club e i club europei, anche quelli di non primissimo livello, come hanno dimostrato...

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

In questi anni mandati via giocatori che sarebbero invece tornati molto utili Il Napoli in questi ultimi anni non è stato sempre avveduto in fase di mercato. Ci sono su piazza e perfettamente impiegati tanti calciatori, acquistati e non valutati correttamente, che...

Haaland, che rimpianto per Adl

Haaland, che rimpianto per Adl

Il centravanti norvegese fu trattato per primo dal Napoli, ma chiedeva uno stipendio troppo alto L’occasione della vita sprecata. Un rimpianto senza fine: il Napoli avrebbe potuto acquistare per una cifra diciamo quasi irrisoria il fuoriclasse del presente e del...

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna, doppietta del capitano azzurro che apre le marcature e nel momento in cui la squadra di Mihajlovic la riapre, il magnifico si carica i suoi sulle spalle e firma il definitivo 3 a 1. -Insigne trascina il Napoli- Dimenticare...

Napoli, serve la testa giusta

Napoli, serve la testa giusta

Contro il Bologna gli azzurri devono sbloccare al più presto il risultato Assistendo tra l’incredulo e lo sconcertato al finale di Sassuolo-Napoli ho pensato subito al lapidario giudizio che Mourinho dette di Balotelli: “Ha un solo neurone che gli funziona a...

La Lega Calcio allo sfascio

La Lega Calcio allo sfascio

Il caso-Napoli non ha insegnato nulla ai presidenti delle società. Ci ricascano con il Torino L’atteggiamento della Lega Calcio sulla vicenda Lazio-Torino è davvero imbarazzante. Lascia interdetti. Come è possibile che il mondo del calcio, nella sua versione...

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Ci sono momenti nella vita, nei quali comprendi che qualcosa si è rotto. Qualcosa in cui credevi, qualcosa che ti ha portato tanto vicino al successo memorabile che quasi te lo senti addosso. La sconfitta, pardon, il pareggio subito a Reggio, a partita praticamente...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te