I primi tre mesi di Ancelotti

da | Nov 5, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

Tre mesi sono bastati a Carlo Ancelotti per diradare ombre, dubbi e pure qualche critica iniziale, dopo la scelta di allenare il Napoli e vivere in una città difficile. Adesso che le cose sono visibili nella più assoluta trasparenza, che il “progetto” Ancelotti sembra aver preso piede in maniera decisa, è lecito porre alcune domande a chi, nella scelta di Ancelotti, vedeva il canto del cigno, ormai vecchio e stanco e pure con qualche necessità da… disoccupato.

È vero che il calcio business moderno autorizza a pensare di tutto e di più e soprattutto “a male”, però andrebbe innanzi tutto verificato, prima di lanciarsi in giudizi avventurosi e di una faciloneria che avrebbe del comico se non fosse tragica, di chi si parla, del suo retroterra culturale e della personalità mostrata in anni di carriera. E siccome il signor Ancelotti fa parte della ristretta cerchia di allenatori giramondo e vincenti viene spontaneo allargare il discorso e porsi le seguenti domande: perché questi allenatori (cito Mourinho, Guardiola ma mi viene da pensare soprattutto a Capello e Lippi arrivati addirittura in Cina, ndr) hanno fatto valigia, alcuni per sedi lontanissime e forse anche scomode? Forse la voglia di portare, a mò di missionari, il verbo calcistico e, per gli italiani, diffondere la tradizione pedatoria di casa nostra? Oppure il desiderio di misurarsi con realtà diverse per maturare nuove esperienze ? Parliamoci chiaro: la principale se non l’unica spinta provata, comune a tutti, è stata la prospettiva di ancor più lauti guadagni. Fatto che, sia chiaro, non è una colpa. E Ancelotti, al pari di altri bravissimi tecnici non è sfuggito a questo dogma, essendosi gestito come un normale lavoratore, altamente specializzato, che grazie ad una globalizzazione sempre più massiccia gli ha consentito di guadagnare cifre importantissime visti i risultati ottenuti in mezza Europa dove sono approdati, e questo è un mistero, nababbi diventati possessori di ricchezze enormi disposti a investirne a iosa pur di primeggiare. È stata la deriva definitiva dello sport inteso come somma di valori ed il definitivo passaggio ad uno sport inteso come show business.

Poi, però, ecco che Re Carlo, ovvero Carletto Ancelotti, l’allenatore più vincente del globo, con contratti milionari ed in doppia cifra, sceglie il Napoli come squadra e Napoli come città in cui vivere e lavorare. La Napoli città caotica e difficile, dei problemi sociali irrisolti e “pericolosa” per gli scippi, le rapine; ma anche della squadra “zero tituli” con una tifoseria troppo caliente e vogliosa di tornare a vincere e tifosi dubbiosi del “nuovo” dopo aver visto e vissuto per tre stagioni la “grande bellezza” di Maurizio Sarri, lui sì, approdato al Chelsea perché “con il prossimo contratto mi devo arricchire”. Ed aveva ragione pure lui, il bravissimo operaio in tuta Sarri. Ma, l’uomo, dov’era l’uomo come lo cercava Diogene, lanterna in mano? Ecco, all’improvviso, convinto da De Laurentiis, apparire Ancelotti che dice: “Io mi diverto ad allenare i ragazzi, in piena umiltà, e questa squadra che ha un livello qualitativo medio alto mi emoziona” e ad un amico giornalista, dopo qualche delusione estiva, confessa: “Per tre anni questi ragazzi hanno conosciuto e frequentato un solo calcio, però hanno tradito qualche difficoltà a cambiare registro e a sollevare lo sguardo oltre la siepe e a impadronirsi di altre conoscenze. Con pazienza ce la faremo”.

E tre mesi sono stati sufficienti a far capire, urbi et orbi, che il calcio per Ancelotti non è solo business e quattrini ma anche piacere di lavorare e tornare a fare l’allenatore a tempo pieno e non solo il gestore di grandi campioni. La sfida, a mio sommesso avviso, l’ha già vinta. Senza stress e con la semplicità e l’umiltà che ne hanno fatto un grande allenatore e soprattutto una persona vera, sincera, a differenza di altri tecnici sempre stressatissimi ed in guerra con tutti. Forse, il Napoli e De Laurentiis hanno trovato la “normaità” per diventare grandi. E credetemi, soldi e fatturato c’entrano poco.

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Il sorriso stanco di Eriksen su un volto ancora visibilmente sofferente è l’ennesimo campanello d’allarme all’Uefa ed al suo presidente, Ceferin, di una situazione ormai arrivata al limite per come l’organismo di Nyon sta gestendo il calcio europeo. Ceferin dopo la...

Confessioni di una mente geniale

Confessioni di una mente geniale

Dopo mesi di silenzio stampa, finalmente il presidente del Napoli torna a parlare. E lo fa a modo suo Finalmente una reazione, un cenno di vita c’è stato. Non del Napoli ma del suo proprietario che s’è “confessato”, si fa per dire, al “Passepartout Festival” di Asti....

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League, bruttissima prestazione dei ragazzi di Gattuso che non riescono a battere il Verona, 1-1 e i bianconeri ringraziano. Napoli fuori dalla Champions League - Tensione alle stelle al Maradona di Fuorigrotta, dai primi minuti del match,...

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli-Verona: gli azzurri giocano per non rovinarsi la Champions e le vacanze; motivi più convincenti di ogni modulo tattico. Difendendo il quarto posto dalla Juventus, posizione appena conquistata a dispetto di Cassandre e menagrami, Gattuso e i suoi avranno...

Due vittorie per l’Europa che conta

Due vittorie per l’Europa che conta

Il lavoro di Gattuso, nonostante difficoltà e critiche, ha aperto il ciclo del Napoli che verrà C’è un proverbio napoletano che recita testualmente “Chi fraveca e sfraveca nun perde maie tiempo”. Cioè, chi costruisce e poi si trova a dover abbattere quello costruito,...

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l'Udinese, al Maradona finisce 5-1, azzurri al secondo posto in attesa delle sfide di domani. Il Napoli strapazza l'Udinese - Dopo essersi insediati in zona Champions, gli azzurri cercano di consolidare la posizione in classifica, Gattuso schiera...

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te