L’ammissione di Allegri: “Non posso paragonarmi a Guardiola e Ancelotti…”

da | Ott 26, 2018 | Sport | 0 commenti

Il tecnico della Juve rifiuta il paragone con i due grandi allenatori Guardiola e Ancelotti. A fare la differenza le vittorie in Champions

Basso profilo e nessuna ostentazione e anzi grande cautela e attenzione nelle parole Massimiliano Allegri alla vigilia della trasferta contro l’Empoli.

Durante la conferenza stampa odierna parlando della competizione europea, con riferimento al suo accostamento a tecnici come Guardiola o Ancelotti da parte di Mourinho, ammette infatti: “In Champions League ci sono molti più spazi e rispetto al campionato riusciamo a far valere maggiormente la qualità tecnica. L’altra sera per me è stata una bella serata di calcio in uno stadio meraviglioso come quello di Manchester la squadra ha giocato bene. Stiamo crescendo anche sotto il piano del gioco. Quest’anno la società ha fatto ottimi acquisti, ha preso un campione come Ronaldo. Poi stiamo a due anni con gli stessi giocatori che più giocano insieme più si conoscono. Ed è cresciuta di più autostima e sicurezza e per me ieri è stata una bella serata come me ne hanno fatte passare altre i miei giocatori. Quando smetterò me la ricorderò con piacere. Guardiola ha vinto tanto e lo troveremo competitivo, Ancelotti ha vinto la Champions da giocatore e da allenatore, io non sono paragonabile a loro, purtroppo ho perso due finali. Speriamo sia l’anno buono questo”.

Sulla formazione per l’incontro con i toscani dichiara poi: “Cristiano a riposo? Facciamo un passo alla volta, non posso sapere cosa accadrà tra un mese. Abbiamo due partite di campionato e poi dobbiamo assicurarci il passaggio del turno contro lo United. Servirlo meglio? Dobbiamo essere più lucidi nell’ultimo passaggio. L’Empoli gioca bene e calcio è la quarta per possesso palla nella metà campo avversaria. Per quello che produce, la Juve dovrebbe segnare di più”.

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali dei club fondatori, Agnelli si dimette da presidente dell'Eca, dura la reazione dell'Uefa. Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali, i club fondatori di questa nuova...

La cattiva globalizzazione è un danno. Anche nel calcio

La cattiva globalizzazione è un danno. Anche nel calcio

C’era un tempo, neanche troppo lontano, quando per 14 anni, dal 1966 al 1980, le squadre di calcio italiane non potevano piú tesserare stranieri in quanto la Federazione di calcio, in nome di un orgoglio italiano ferito, dopo i penosi mondiali del 1966, decise di...

Ippica, Lotteria di Agnano, edizione memorabile

Ippica, Lotteria di Agnano, edizione memorabile

“È stata un'edizione del gran premio Lotteria memorabile e poco prevedibile come nelle attese, perché tanti i campioni in campo, tanti i motivi e i retroscena di una delle più belle edizioni di sempre. A parte il vincitore Zacon Gio in binomio con Telethon, i...

Calcio, ecco quando si saprà se il campionato potrà ripartire

Calcio, ecco quando si saprà se il campionato potrà ripartire

Col fiato sospeso e col cuore in gola. Perché per il calcio la prossima settimana fino al 18 maggio saranno giorni decisivi. Dopo il via dato dalla cancelliera Merkel alla ripartenza della Bundesliga e i buoni propositi dei governi spagnolo e inglese per Liga e...

Ora il calcio ha la necessità di ripartire

Ora il calcio ha la necessità di ripartire

La teoria evoluzionistica di Darwin parte da un concetto fondamentale che è la capacità di adattamento degli esseri viventi, non necessariamente solo l’uomo, alle modificazioni dell’ambiente e di altri fattori naturali che possono intervenire. Trasmutando i fatti,...

Sul calcio nessuno decide. Ecco le posizioni delle parti in causa

Sul calcio nessuno decide. Ecco le posizioni delle parti in causa

Ancora non sono riuscito a capire se il ministro Vincenzo Spadafora si stia comportando con il calcio e tutte le sue componenti come il bimbo che porta il pallone nel parco o nel cortile di casa che vuole decidere lui solo chi degli altri bimbi deve giocare, come deve...

Il braccio di ferro tra Lega e Coni che non conviene a nessuno

Il braccio di ferro tra Lega e Coni che non conviene a nessuno

È diventato un braccio di ferro, politico ma non solo. Economico, sociale, ideologico? C'è di tutto dietro il “no” alla ripresa degli allenamenti di calcio per le società il 4 maggio prossimo. Ma c'è soprattutto l'arroganza, quella dell'inusuale tandem politico...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te