Il cinema napoletano a Charleston e a Cardiff con Arci Movie

da | Ott 24, 2018 | Cultura&Spettacolo | 0 commenti

Arci Movie sbarca a Charleston al “Nuovo Cinema Italiano Film Festival” (25 – 28 ottobre) e all’ “Italian Film Festival” di Cardiff (16-18 novembre) dove cura la sezione dedicata al cinema napoletano.

 “Fare promozione del cinema oggi – dice Roberto D’Avascio presidente Arci Movie – significa, guardandosi intorno, cogliere la forza delle storie per immagini che vengono da Napoli. Per questo Arci Movie, che nel tempo ha sostenuto in tantissime rassegne la cinematografia napoletana – facendo proiezioni nelle sale tradizionali come nei parchi pubblici, nelle scuole come anche nelle carceri – si trova oggi a promuovere autori e opere della nostra città in festival di qualità come quello di Charleston (Usa) o Cardiff (Gran Bretagna), vetrine internazionali ma anche luoghi di incontro, per far conoscere storie, personaggi, paesaggi, condizione e sogni che la nostra produzione cinematografica sta elaborando con originalità estetica e forza narrativa”.

Dal 25 al 28 ottobre torna il “Nuovo Cinema Italiano Film Festival” di Charleston che presenta il cinema italiano contemporaneo più significativo dal punto di vista artistico sia di registi affermati che emergenti ed è il principale evento cinematografico italiano nella regione.

Arci Movie ha iniziato una importante collaborazione con il Festival dalla metà del 2017 che nasce dalla comune mission culturale di promozione del cinema italiano, da quello più popolare a quello di ricerca, con un’attenzione particolare per le opere di qualità di giovani registi italiani che spesso non riescono a trovare una distribuzione per i loro film. Arci Movie riconosce nelle attività del festival di Charleston un’azione strategica fondamentale per far conoscere il cinema italiano, in particolare per la sua collocazione universitaria, capace di far emergere un forte profilo didattico che l’associazione coltiva da quasi trent’anni nella periferia orientale di Napoli.

Nell’edizione 2018 del festival di Charleston, Arci Movie collabora alla definizione e alla curatela di una “Finestra di Cinema Napoletano” con Ammore e malavita” dei Manetti Bros, “Gatta Cenerentola” di Rak, Sansone, Cappiello, Guarnieri, “Ferrante fever” di Giacomo Durzi, “Napoli velata” di Ferzan Ozpetek; al festival con il presidente di Arci Movie, Roberto D’Avascio saranno presenti Alessandro Rak, Dario Sansone, Luigi Scialdone, Giacomo Durzi.

L’idea di dar vita a questa piccola sezione del festival nasce dalla consapevolezza della qualità e del valore di una diffusa produzione di cinema “napoletano”, caratterizzata non solo dall’affermazione di registi napoletani (Paolo Sorrentino o Mario Martone), ma anche da giovani opere, da cortometraggi, da film di animazione, dal mondo del documentario, in sintesi da un magma cinematografico che ruota attorno alla città partenopea e che negli ultimi anni ha attirano anche importanti registi non campani, come Ferzan Ozpetek, i Manetti Bros o Gianni Amelio.

Una collaborazione ci sarà anche con l’”Italian Film Festival” di Cardiff che si svolgerà dal 16 al 18 novembre. Il Festival porta sugli schermi gallesi un’immagine dinamica dell’Italia contemporanea mettendone in luce bellezza, complessità e contraddizioni. La selezione di film spazia tra diversi generi cinematografici che vanno dalla commedia al dramma, al documentario e all’animazione, con una forte enfasi sulle nuove forme narrative e le produzioni indipendenti. Durante gli ultimi due anni il Festival è diventato un importante punto d’incontro per attori, produttori e registi da ambedue le sponde della Manica.

A Cardiff l’Arci Movie porterà il suo contributo curando  la sezione napoletana del Festival composta dal regista Marino Guarnieri per “La gatta Cenerentola” e del cantautore Nelson autore delle musiche di “Ammore e malavita”.

Successo per il Festival delle Arti

Successo per il Festival delle Arti

Grande festa per la cerimonia finale della rassegna di Noi per Napoli giunta alla sua VI edizione Olga De Maio e Luca Lupoli, noti artisti lirici del mondo musicale partenopeo, vincitori di numerosi concorsi internazionali, Pavarotti International, Mascagni, Mario...

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

  Un altro straordinario ritratto di Napoli è l’oggetto del “classico” di questa settimana, parliamo di Neapocalisse saggio sociologico dal solido impianto narrativo, pubblicato a Napoli nel 1990. L’opera invero risaliva al decennio precedente frutto della...

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

La recensione di questa settimana riguarda il denso quaderno di appunti di un grandissimo pianista e compositore meridionale il quale, poco più che cinquantenne, appartiene all’olimpo dei classici del pianismo mondiale. Parliamo di Francesco Libetta, grande musicista...

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te