“Più Sud, Più Italia”: Mezzogiorno al centro nella convention di Forza Italia a Paestum

da | Ott 22, 2018 | Cronaca | 0 commenti

Boccia: «Il Mezzogiorno non ha votato per il reddito di cittadinanza ma per l’occupazione. Questa manovra economica è inaccettabile culturalmente»

Si è tenuta oggi al Savoy Beach Hotel di Capaccio Paestum  la giornata di studi Più Sud, Più Italia – Magna Graecia 2018 organizzata dal coordinamento provinciale di Forza Italia Salerno e dal gruppo parlamentare alla Camera dei Deputati.

La convention, iniziata questa mattina alle ore 10, ha visto la partecipazione di diversi esponenti nazionali del partito. Tra gli altri: Enzo Fasano (coordinatore provinciale), Mariastella Gelmini e Annamaria Bernini (capigruppo FI alla Camera e al Senato), il senatore Domenico De Siano, Mara Carfagna, Maurizio Gasparri, e Renato Brunetta.

Nella sezione pomeridiana dei lavori, quest’ultimo, deputato e responsabile del dipartimento della politica economica di Forza Italia, è intervenuto insieme al presidente di Confindustria Enzo Boccia al dibattito sul tema Non c’è futuro senza sviluppo, il Sud non merita elemosine: la strada per la ripresa, coordinato dall’onorevole Gigi Casciello, dichiarandoLa strategia di politica economica di questo esecutivo è un’inutile provocazione per fare campagna elettorale per le europee. È un grande imbroglio, un dito negli occhi della Commissione. Ma i mercati non accetteranno dita negli occhi. Io dico a Salvini di staccare la spina a questo governo, si rischia l’emergenza democratica ed economica. Dopo di che insieme potremo ricostruire per essere più forti in Europa, insieme ai corpi intermedi. Considero questo governo una tragedia, sarà difficile riparare ai guasti che sta producendo. I capitali scappano dall’Italia, che è diventato un Paese dove non interessa più investire».

Il presidente degli industriali ha quindi spiegato: «La manovra economica e il reddito di cittadinanza pensato dal Governo significano rinunciare completamente alla sfida dello  sviluppo del Mezzogiorno, significano dire “non ce la faremo”. Del resto in questa manovra non c’è alcun riferimento al Mezzogiorno, al suo sviluppo, agli investimenti al Sud. È una manovra debole sulla crescita, distratta sul Mezzogiorno e con idee di sussistenza da offesa alla dignità della persona. Si rischia la paralisi del Paese se non si riduce il deficit della produzione rispetto altri paesi, in particolare in riferimento alla Germania. Occorre un cambio di pensiero in Europa e in Italia superando la politica dei saldi di bilancio, creando più occupazione e produzione».  Diverse le soluzioni elencate dal presidente: «Serve più intervento pubblico, detassare totalmente i premi di produzione, ridurre il deficit con i tedeschi. Occorre un patto tra sindacati e Confindustria per incrementare la produttività e di conseguenza i salari, un piano di inclusione giovani e riequilibrare le risorse».

Incisivo infine l’intervento di Gigi Casciello che ha sintetizzato efficacemente l’orientamento del partito: «Per evitare la marginalizzazione del Paese e perché gli italiani non siano costretti a rassegnarsi alla decrescita felice ed alla confusione fiscale, Forza Italia saprà essere protagonista di una nuova proposta politica. E l’incontro di oggi a Paestum con il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, conferma quanto siano essenziali il colloquio ed il rapporto con le forze intermedie del Paese».

Ha chiuso la giornata  il momento di confronto della vicepresidente della Camera Mara Carfagna con gli amministratori locali, i giovani e i dirigenti del partito durante il dibattito: Non c’è centrodestra senza Forza Italia, le nuove sfide che ci attendono.

“Un contratto autonomo per gli infermieri”

“Un contratto autonomo per gli infermieri”

Il presidente del sindacato Nursing up, Antonio De Palma: “Alveo autonomo di contrattazione e vera libera professione: il nostro futuro passa da qui. E vanno garantiti subito uno stipendio degno e l’indennità di specificità infermieristica” “Perché la nostra...

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Trieste, attraverso un'Associazione che raggruppa alcuni fra i più importanti gruppi imprenditoriali cittadini e del Nord-Est si prepara a lanciare una sfida europea sul tema della finanza sostenibile. I contenuti del progetto, che ha il sostegno di aziende ma anche...

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Alessandro Scarlatti, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza di un negozio di abbigliamento il quale ha raccontato che, poco prima,...

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Dieci anni trascorsi mettendo al centro le storie, i volti, le esperienze e i bisogni delle persone a ridotta mobilità e con disabilità. L'impegno del Gruppo FS su questo fronte si è concretizzato anche grazie alle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, un servizio di...

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Agenti della polizia locale dell’unità di San Lorenzo, coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti in vico grotta della Marra, a due passi dalla Curia di Napoli, rimuovendo 65 paletti installati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. “Il nostro...

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

Nelle difficili condizioni della Pandemia Globale, la processione "Reggimento Immortale" in Italia è stata organizzata in un formato online. I coordinatori dei Reggimenti Immortali delle 16 città italiane di Roma, Milano, Napoli, Bari, Genova, Verona, Bologna, Udine,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te