Scioperi e guasti, mezzi pubblici nel caos. Un dipendente Ctp: “Nessuno è al sicuro”

da | Ott 9, 2018 | Cronaca | 0 commenti

Trasporti. Momento nero per la Ctp, l’azienda che serve l’area metropolitana di Napoli e la provincia di Caserta: passeggeri imbufaliti

Scioperi, malori, aggressioni e disagi: il trasporto pubblico a Napoli è al collasso. In queste giornate difficili ne parliamo con un dipendente dell’azienda Ctp, azienda che serve l’area metropolitana di Napoli e la provincia di Caserta, che vuole però restare anonimo.

Può descrivere l’attuale situazione Ctp?
È quella che conosciamo tutti, e cioè che l’azienda è ad un passo dal fallimento”.

Da quanto tempo non ricevete lo stipendio?
Lo stipendio ora arretrato è quello di settembre, che ci hanno detto percepiremo agli inizi di novembre, o fine novembre forse”.

Di chi è la colpa di questa drammatica situazione dei trasporti?
La colpa è della nostra Proprietà, la Città metropolitana, che non riconosce le indicizzazioni per il risanamento aziendale”.

Quale potrebbe essere una soluzione per superare questo momento?
Non so quale possa essere la soluzione, di certo ci sono persone che hanno la responsabilità di quanto accade. In questo momento non ci sono molte alternative o ci danno i soldi oppure si va in tribunale con i libri contabili”.

Come potete continuare a lavorare in questa situazione e cosa può dirmi del parco vetture?
Continuare a lavorare in questa situazione è difficilissimo. Le vetture sono ferme per guasti e molte sono da rottamare . Trovare pezzi di ricambio e fare manutenzione non è possibile per carenza proprio di soldi, per non parlare degli stati d’animo di noi lavoratori”.

Oltre alle proteste di questi giorni avete in mente di fare altro?
Al momento non sappiamo cosa altro fare. Ci stiamo rassegnando ad uno stato di cose che non possono cambiare con il semplice desiderio di volerle cambiare. Mezzi a disposizione oggi? Nessuno, salvo davvero impegno e sacrificio da parte di tutti”.

Durante i turni di lavoro vi sentite al sicuro?
Non ci sentiamo mai sicuri sul lavoro, vuoi per la carenza di manutenzione mezzi, vuoi perché sono fatiscenti. Molte volte davvero lavoriamo con il culo per terra”.

Cosa dire alle persone ormai sempre più esasperate dal collasso del trasporto pubblico?
L’utenza purtroppo ci odia. Cosa potrei dirle? Non è colpa di noi autisti che ogni giorno viaggiamo in questo stato, non è colpa dell’autista che sta facendo il suo percorso se magari è saltata una corsa. E si aspetta anche più di un’ora sulle fermate. Non è colpa nostra, ma ora come ora li inviterei a protestare insieme a noi. Il trasporto locale è in una bara e semmai si salvasse da questo baratro direi loro di contribuire al pagamento del titolo di viaggio visto che comunque sui pulmini abusivi l’euro esce sempre. I servizi si pagano, purtroppo è così”.

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te