Napoli, riprende “AAA Accogliere Ad Arte”: oltre 50 le visite in programma nei luoghi d’arte 

da | Ott 8, 2018 | Cultura&Spettacolo, Vivere Napoli | 0 commenti

Da ottobre 2018 anche dipendenti del trasporto pubblico ANM, personale che lavora all’interno del porto e addetti del settore alberghieropartecipano ai percorsi di incontro con il patrimonio culturale della città, insieme a tassisti, agenti di polizia municipale e custodi già coinvolti nel 2017. Oltre 50 le visite guidate in programma nei luoghi d’arte per 450 persone. Entrano a far parte di AAA Accogliere Ad Arte anche nuovi Musei ed Enti e nuovi sostenitori privati.

Per migliorare l’accoglienza di turisti e visitatori AAA Accogliere Ad Arte sta facendo incontrare le bellezze di Napoli con le categorie professionali che per prime danno il benvenuto in città. Il 15 ottobre 2018 AAA Accogliere Ad Arte riprende con oltre 50 visite guidate per 450 personecoinvolgendo la città e diventando sempre più una comunità dell’accoglienza. Ai 200 tassisti, agenti di polizia municipale custodi, giàcoinvolti nel 2017, si aggiungono, infatti, in questa nuova sessione, 250 persone tra dipendenti del trasporto pubblico ANM, personale che lavora all’interno del porto e addetti del settore alberghiero. Obiettivo per tutti creare una comunità  dell’accoglienza diffusa, pronta a dare indicazioni a turisti e visitatori desiderosi di conoscere l’immenso patrimonio di arte, ma anche il prezioso carico di umanità che rende Napoli unica.

AAA Accogliere Ad Arteinoltre, riparte con l’adesione di nuovi musei istituzioni culturali. Ai musei ed enti che promuovono il progetto, Catacombe di Napoli, Complesso museale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, il Cartastorie / Museo dell’Archivio Storico del Banco di Napoli, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Museo Cappella Sansevero, Museo e Real Bosco di Capodimonte, Pio Monte della Misericordia, Associazione Salviamo il Museo Filangieri onlus, si aggiunge la partecipazione di Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano, Museo del Tesoro di San Gennaro e dei nuovi musei che ospiteranno le visite guidate, Castel dell’Ovo, Madre · museo d’arte contemporanea Donnaregina, MetroART, Museo delle Arti Sanitarie e Farmacia Storica degli Incurabili, Museo Civico Gaetano Filangieri, Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, Teatro di San Carlo.

“L’obiettivo ambizioso di questo percorso – commenta Francesca Amirantecoordinatrice di Accogliere Ad Arte – è di associare alla parola conoscenza le parole: affezione, partecipazione, consapevolezza, orgoglio, identità. Quest’ultima parola intesa come espressione di una collettività coraggiosa e sicura di sé che vuole conservare, promuovere, condividere, e non ciecamente solo difendere, quel patrimonio d’arte e cultura che gli è caro e che fa parte di una storia personale e collettiva”.

Della comunità di AAA Accogliere Ad Arte fanno parte oggi anche nuovi e convinti sostenitori privati che contribuiscono economicamentealla realizzazione delle attività. Al rinnovato sostegno di Reale Mutua, si aggiunge, infatti, quest’anno, il contributo di Metropolitana di NapoliAeroporto Internazionale di NapoliCostruire e Compagnia Marittima Meridionale.

“La metropolitana delle tre ͞A  (architettura, arte e archeologia) – commenta Ennio Cascetta, Presidente di Metropolitana di Napoli spa –  possiede un enorme patrimonio. Tra la Linea 1 e la Linea 6 della metropolitana sono esposte 160 opere d͛’arte di circa 102 artisti, un vero e proprio museo obbligatorio. La bellezza ha rappresentato una scelta importante per le linee della Metropolitana”. “Oggi circa 176 mila persone visitano le stazioni proprio come luoghi della cultura e sappiamo che sempre più sarà così diventando uno dei musei più visitati. Il museo obbligatorio͟ della Metropolitana di Napoli è oggi l’unico grande attrattore moderno in una città che deve tutto il suo turismo a monumenti o musei di epoca borbonica o precedente. Non potevamo dunque che essere al fianco di un progetto come questo” – conclude Cascetta.

 

“Per noi ha una valenza importante sostenere il progetto Accogliere Ad Arte – dice Armando Brunini, AD Gesac Spa – Aeroporto Internazionale di Napoli – in quanto significa puntare sul  concetto di accoglienza e di benvenuto nella nostra città, attraverso non solo la valorizzazione di vere e proprie chicche del nostro straordinario patrimonio artistico e culturale, ma attraverso le persone che rappresentano i migliori ambasciatori del nostro territorio”.

“Spero – commenta Giovanni Fiore di Costruire – che altre istituzioni possano accogliere e promuovere questo progetto che fa bene alla città perché accresce e valorizza l’arte dell’accoglienza che è un’esigenza sempre più avvertita.”

 

“L’Azienda Napoletana Mobilità ha accolto con entusiasmo l’invito a entrare nella comunità che anima il progetto Accogliere ad Arte – sottolinea Nicola Pascale, Amministratore Unico ANM – Questa nuova esperienza assume per l’azienda una doppia valenza: da un lato attraverso il confronto e il lavoro di formazione in rete, ci viene offerta l’opportunità di rafforzare il legame del nostro personale di front line con il patrimonio culturale di cui è ricca la nostra città;  dall’altro offriamo con i nostri esperti del team MetroART un importante contributo di conoscenza alle altre categorie professionali coinvolte nel progetto, erogando a nostra volta momenti di formazione dedicati alla valorizzazione del patrimonio artistico e architettonico delle stazioni dell’arte del metrò”.

Il viaggio nel patrimonio di Napoli per tassisti, vigili urbani, dipendenti ANM, personale che lavora nel porto e personale alberghiero comincia il 15 ottobre dalle 10 alle 12 con la visita al Museo Archeologico Nazionale di Napoli e prosegue il  16 ottobre dalle 10 alle 12 con la visita a Castel dell’Ovo per le persone che già hanno partecipato lo scorso anno. Al termine del percorso di conoscenza e incontro con i tesori della città, ai partecipanti sarà consegnata la Carta Famiglia al Museo che consentirà loro di entrare gratuitamente, per una volta, con i componenti della famiglia in alcuni dei musei promotori creando così un effetto moltiplicatore di conoscenza.

Successo per il Festival delle Arti

Successo per il Festival delle Arti

Grande festa per la cerimonia finale della rassegna di Noi per Napoli giunta alla sua VI edizione Olga De Maio e Luca Lupoli, noti artisti lirici del mondo musicale partenopeo, vincitori di numerosi concorsi internazionali, Pavarotti International, Mascagni, Mario...

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

  Un altro straordinario ritratto di Napoli è l’oggetto del “classico” di questa settimana, parliamo di Neapocalisse saggio sociologico dal solido impianto narrativo, pubblicato a Napoli nel 1990. L’opera invero risaliva al decennio precedente frutto della...

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

La recensione di questa settimana riguarda il denso quaderno di appunti di un grandissimo pianista e compositore meridionale il quale, poco più che cinquantenne, appartiene all’olimpo dei classici del pianismo mondiale. Parliamo di Francesco Libetta, grande musicista...

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te