Napoli polivalente e senza titolarissimi

da | Set 24, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

Da Rog a Verdi: ora sono tutti sulla corda

Avrei pagato una cena a base di ostriche e champagne a chi, all’annuncio della formazione del Napoli contro il Torino, avesse detto “Oggi matiamo il Toro di Mazzarri senza pietà”.
Nessuno, credo, avrà pensato a scelte precise di Ancelotti in funzione della gara contro i granata e, accetto scommesse, tutti o quasi, invece, a pensare a un ennesimo turn-over per trovare la quadra giusta. Ha vinto il Napoli e bene anche, ma ha vinto soprattutto Ancelotti. Perché per molti soloni si trattava ancora di capire se il tecnico fosse davvero convinto della qualità della rosa a sua disposizione o piuttosto volesse fare l’aziendalista di comodo per accontentare il presidente e testare, in una trasferta insidiosa, gente come Rog, Luperto, Verdi, Mertens e lo stesso Hamsik proponendolo in un centrocampo a quattro soprattutto in fase di non possesso. La risposta è stata vincente ma soprattutto convincente. Ancelotti senza strepiti e senza clamore, ma con grande ordine e mestiere, ha dimostrato di essersi impadronito della sua nuova “creatura” conferendole lucidità, coraggio, calma ma soprattutto fiducia. Ed è arrivato anche quel pizzico di fortuna che spesso in passato è mancato. Non è stato un modulo a sgretolare le certezze del Torino ma l’idea del tecnico azzurro, affatto semplice nella sua pur intrinseca semplicità, di andare a pressare subito alti i granata, dando fiducia a uomini finora poco utilizzati. E sì che era una partita difficile per mille e più motivazioni. Ma la serenità e l’assoluta sicurezza con cui gli azzurri hanno preso in mano le redini del gioco, prima afferrando metaforicamente alla gola il Toro, poi controllando la gara anche nei pochi momenti di difficoltà in cui hanno dovuto subire il ritorno dei granata, ci dicono di una maturità che c’è anche se, a mio sommesso avviso, la squadra ancora non ha piena coscienza delle proprie capacità e della propria forza. Torino granata è stato un ulteriore step che Ancelotti ha realizzato con una squadra non sua. Perché, diciamolo con onestà, per il tecnico si trattava, si tratta, di costruire il “nuovo” Napoli con gli stessi uomini del Napoli “vecchio” ma rivoltandolo come un calzino, con una mentalità e sistemi, sì, al plurale, di gioco tanto diversi da cambiare i connotati tecnici, tattici e finanche ruolo per alcuni giocatori.

La storia dell’evoluzione tattica del calcio è fatta di continue contaminazioni e non deve perciò sorprendere se Ancelotti stia tentando di costruire una squadra polivalente tatticamente capace di contare su tutti gli elementi della rosa puntando ad una organizzazione armonica dei reparti che non penalizzi, tuttavia, la fantasia, l’estro di giocatori come Insigne, Mertens, Zielinski, Hamsik, Verdi e, vedrete, anche di Fabian Ruiz che sta studiando per crescere. La flemma, la tranquillità mostrate sin qui dal tecnico sono frutto della sua lunga esperienza e della capacità immediata di lettura e di comprensione non solo della singola gara ma dei giocatori a disposizione e dell’intero ambiente che lo circonda. Non sembri un paradosso, ma la praticità di Ancelotti unita alla sua idea di un calcio che possa combinare risultati e divertimento anche nella imprevedibilità di formazioni a prima vista estemporanee, lo rende molto più “napoletano” del pragmatico ed inflessibile Sarri, legato in modo viscerale alla sua idea di calcio. Con questo non vogliamo esaltare Ancelotti e dire che a Torino ha mostrato capacità taumaturgiche verso squadra e interpreti, ma è un fatto che si siano visti giocatori più intraprendenti e con minore paura di sbagliare, che “rischiano” la giocata senza tentennamenti consapevoli che, se la sbagliano, devono esser pronti a recuperare. La scommessa di Ancelotti è complessa ma può essere coronata da successo se si guarda la classifica e gli organici delle squadre accreditate più del Napoli alla vigilia. Nel calcio, come nella vita, i “miracoli” possono anche avvenire ma quel che conta è la normalità, la quotidianità . Torino è stata, speriamo, solo una tappa nel segno di una raggiunta “normalità” vincente. Mercoledì sera contro il Parma e sabato di nuovo a Torino contro la Juventus si attendono conferme di crescita. Ancelotti non vuole “miracol mostrare” o vender sogni ai napoletani ma costruire, come recita una famosa pubblicità, solo solide realtà. Rimettersi in gioco con questo Napoli è, forse, la sfida più intrigante di una carriera fatta di molti trionfi e qualche delusione. E allora, “Adelante con juicio” Carletto… e buena sorte!

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

Dodici puntate alla fine del romanzo

Dodici puntate alla fine del romanzo

Gattuso deve guidare il Napoli alla conquista di un posto in Europa, possibilmente in Champions League Cessate le antiche turbolenze, dimenticati - per ora - i velenosi e traditori contatti del presidente con altri allenatori dopo la “fatal” Verona, e stoppate...

Il gap italiano con i top club europei

Il gap italiano con i top club europei

Le notti d’ Europa, nonostante i progressi e la strada della gioventù intrapresa da Mancini con la sua nazionale, hanno confermato il gap ancora esistente tra i nostri top club e i club europei, anche quelli di non primissimo livello, come hanno dimostrato...

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

In questi anni mandati via giocatori che sarebbero invece tornati molto utili Il Napoli in questi ultimi anni non è stato sempre avveduto in fase di mercato. Ci sono su piazza e perfettamente impiegati tanti calciatori, acquistati e non valutati correttamente, che...

Haaland, che rimpianto per Adl

Haaland, che rimpianto per Adl

Il centravanti norvegese fu trattato per primo dal Napoli, ma chiedeva uno stipendio troppo alto L’occasione della vita sprecata. Un rimpianto senza fine: il Napoli avrebbe potuto acquistare per una cifra diciamo quasi irrisoria il fuoriclasse del presente e del...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te