Napoli polivalente e senza titolarissimi

da | Set 24, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

Da Rog a Verdi: ora sono tutti sulla corda

Avrei pagato una cena a base di ostriche e champagne a chi, all’annuncio della formazione del Napoli contro il Torino, avesse detto “Oggi matiamo il Toro di Mazzarri senza pietà”.
Nessuno, credo, avrà pensato a scelte precise di Ancelotti in funzione della gara contro i granata e, accetto scommesse, tutti o quasi, invece, a pensare a un ennesimo turn-over per trovare la quadra giusta. Ha vinto il Napoli e bene anche, ma ha vinto soprattutto Ancelotti. Perché per molti soloni si trattava ancora di capire se il tecnico fosse davvero convinto della qualità della rosa a sua disposizione o piuttosto volesse fare l’aziendalista di comodo per accontentare il presidente e testare, in una trasferta insidiosa, gente come Rog, Luperto, Verdi, Mertens e lo stesso Hamsik proponendolo in un centrocampo a quattro soprattutto in fase di non possesso. La risposta è stata vincente ma soprattutto convincente. Ancelotti senza strepiti e senza clamore, ma con grande ordine e mestiere, ha dimostrato di essersi impadronito della sua nuova “creatura” conferendole lucidità, coraggio, calma ma soprattutto fiducia. Ed è arrivato anche quel pizzico di fortuna che spesso in passato è mancato. Non è stato un modulo a sgretolare le certezze del Torino ma l’idea del tecnico azzurro, affatto semplice nella sua pur intrinseca semplicità, di andare a pressare subito alti i granata, dando fiducia a uomini finora poco utilizzati. E sì che era una partita difficile per mille e più motivazioni. Ma la serenità e l’assoluta sicurezza con cui gli azzurri hanno preso in mano le redini del gioco, prima afferrando metaforicamente alla gola il Toro, poi controllando la gara anche nei pochi momenti di difficoltà in cui hanno dovuto subire il ritorno dei granata, ci dicono di una maturità che c’è anche se, a mio sommesso avviso, la squadra ancora non ha piena coscienza delle proprie capacità e della propria forza. Torino granata è stato un ulteriore step che Ancelotti ha realizzato con una squadra non sua. Perché, diciamolo con onestà, per il tecnico si trattava, si tratta, di costruire il “nuovo” Napoli con gli stessi uomini del Napoli “vecchio” ma rivoltandolo come un calzino, con una mentalità e sistemi, sì, al plurale, di gioco tanto diversi da cambiare i connotati tecnici, tattici e finanche ruolo per alcuni giocatori.

La storia dell’evoluzione tattica del calcio è fatta di continue contaminazioni e non deve perciò sorprendere se Ancelotti stia tentando di costruire una squadra polivalente tatticamente capace di contare su tutti gli elementi della rosa puntando ad una organizzazione armonica dei reparti che non penalizzi, tuttavia, la fantasia, l’estro di giocatori come Insigne, Mertens, Zielinski, Hamsik, Verdi e, vedrete, anche di Fabian Ruiz che sta studiando per crescere. La flemma, la tranquillità mostrate sin qui dal tecnico sono frutto della sua lunga esperienza e della capacità immediata di lettura e di comprensione non solo della singola gara ma dei giocatori a disposizione e dell’intero ambiente che lo circonda. Non sembri un paradosso, ma la praticità di Ancelotti unita alla sua idea di un calcio che possa combinare risultati e divertimento anche nella imprevedibilità di formazioni a prima vista estemporanee, lo rende molto più “napoletano” del pragmatico ed inflessibile Sarri, legato in modo viscerale alla sua idea di calcio. Con questo non vogliamo esaltare Ancelotti e dire che a Torino ha mostrato capacità taumaturgiche verso squadra e interpreti, ma è un fatto che si siano visti giocatori più intraprendenti e con minore paura di sbagliare, che “rischiano” la giocata senza tentennamenti consapevoli che, se la sbagliano, devono esser pronti a recuperare. La scommessa di Ancelotti è complessa ma può essere coronata da successo se si guarda la classifica e gli organici delle squadre accreditate più del Napoli alla vigilia. Nel calcio, come nella vita, i “miracoli” possono anche avvenire ma quel che conta è la normalità, la quotidianità . Torino è stata, speriamo, solo una tappa nel segno di una raggiunta “normalità” vincente. Mercoledì sera contro il Parma e sabato di nuovo a Torino contro la Juventus si attendono conferme di crescita. Ancelotti non vuole “miracol mostrare” o vender sogni ai napoletani ma costruire, come recita una famosa pubblicità, solo solide realtà. Rimettersi in gioco con questo Napoli è, forse, la sfida più intrigante di una carriera fatta di molti trionfi e qualche delusione. E allora, “Adelante con juicio” Carletto… e buena sorte!

Napoli: che sorpresa!

Napoli: che sorpresa!

Grande inizio di stagione. E i tifosi tornano a seguire la squadra con passione Dopo appena cinque giornate di campionato è pericoloso azzardare pronostici soprattutto in chiave partenopea, ma in generale si può affermare che le previsioni della vigilia secondo cui la...

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Sampdoria, Osimhen incontenibile firma una doppietta, doppio assist di Insigne e Lozano, Ruiz raddoppia mentre il sigillo è di Zielinski. Cinque vittorie su cinque e azzurri primi a punteggio pieno. Poker bis - Seconda vittoria...

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Napoli spettacolare, 4 gol all'Udinese nella Dacia Arena, Osimhen e Rrahmani nel primo tempo, Koulibaly e Lozano per il tris e il poker nella ripresa, unica squadra a punteggio pieno. Napoli spettacolare - Chiamato all'ennesima vittoria in campionato, per conquistare...

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina e spreca tanto, va sotto di due gol e nel secondo tempo, con Osimhen la pareggia a 3 minuti dalla fine. Il Napoli domina a Leicester - Partita ricca di emozioni quella che va in scena al Leicester City Stadium, per la prima di Europa League. Il Napoli...

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, a 5 minuti dalla fine il senegalese firma il gol vittoria, Juventus KO al Maradona e -8 in classifica. Ancora Koulibaly- Napoli Juventus non può essere una semplice partita, è la partita più sentita del campionato, orario insolito di sabato alle 18...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

Napoli-Venezia 2 a 0, prima vittoria dell'era Spalletti nel giorno del suo battesimo al Diego Armando Maradona e finalmente ritornano i tifosi allo stadio. Napoli-Venezia è anche la prima partita di Spalletti, da allenatore del Napoli, nell'impianto di Fuorigrotta...

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Il sorriso stanco di Eriksen su un volto ancora visibilmente sofferente è l’ennesimo campanello d’allarme all’Uefa ed al suo presidente, Ceferin, di una situazione ormai arrivata al limite per come l’organismo di Nyon sta gestendo il calcio europeo. Ceferin dopo la...

Confessioni di una mente geniale

Confessioni di una mente geniale

Dopo mesi di silenzio stampa, finalmente il presidente del Napoli torna a parlare. E lo fa a modo suo Finalmente una reazione, un cenno di vita c’è stato. Non del Napoli ma del suo proprietario che s’è “confessato”, si fa per dire, al “Passepartout Festival” di Asti....

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League, bruttissima prestazione dei ragazzi di Gattuso che non riescono a battere il Verona, 1-1 e i bianconeri ringraziano. Napoli fuori dalla Champions League - Tensione alle stelle al Maradona di Fuorigrotta, dai primi minuti del match,...

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli-Verona: gli azzurri giocano per non rovinarsi la Champions e le vacanze; motivi più convincenti di ogni modulo tattico. Difendendo il quarto posto dalla Juventus, posizione appena conquistata a dispetto di Cassandre e menagrami, Gattuso e i suoi avranno...

Due vittorie per l’Europa che conta

Due vittorie per l’Europa che conta

Il lavoro di Gattuso, nonostante difficoltà e critiche, ha aperto il ciclo del Napoli che verrà C’è un proverbio napoletano che recita testualmente “Chi fraveca e sfraveca nun perde maie tiempo”. Cioè, chi costruisce e poi si trova a dover abbattere quello costruito,...

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l'Udinese, al Maradona finisce 5-1, azzurri al secondo posto in attesa delle sfide di domani. Il Napoli strapazza l'Udinese - Dopo essersi insediati in zona Champions, gli azzurri cercano di consolidare la posizione in classifica, Gattuso schiera...

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te