Younes: “Titoli terrificanti su di me. Napoli è splendida. Ora vi racconto la verità sull’infortunio”

da | Set 19, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

Le dichiarazioni dell’attaccante sulle vicende di mercato degli ultimi mesi e sul suo infortunio

Ho commesso degli errori, mi sono fidato delle persone sbagliate e sono stato ingenuo. Sono responsabile di tutto ciò che faccio e delle conseguenze. Ho imparato molto da questa vicenda. Ho capito di chi posso fidarmi e di chi no. Ho imparato ad accettare le cose così come sono ed ho capito che anche fuori dal campo bisogna stare bene. Sono successe molte cose che non mi hanno lasciato indenne, per questo non ne ho parlato fino ad ora. Adesso però sto bene”.

Ha dichiarato così  Amin Younes, l’ex attaccante dell’Ajax nel corso di un’intervista con l’agenzia tedesca Dpa. A proposito poi del “rifiuto” dello scorso gennaio al Napoli ha aggiunto:

Sono stato consigliato male e le comunicazioni sono state pessime, ma io non ho firmato nessun contratto. Non è vero che non sono venuto a Napoli perché non mi piaceva la città, nemmeno l’avevo vista. I tre giorni a Napoli li ho passati al centro sportivo di Castel Volturno. Quei titoli di giornale sono terrificanti, sono qui da due mesi e Napoli è una città splendida. I napoletani sono molto amichevoli. Non è stato fatto un torto solo a me, ma anche a loro. E sul contratto con il  Wolfsburg non c’è nulla di vero. Ci sono stati contatti con altri club in questi mesi, non posso aggiungere altro. Ma una cosa posso dirla: non ho firmato nulla. Con il Napoli ci siamo incontrati a luglio ed abbiamo discusso di tutto. Alla fine ho trovato persone sensibili ed anche il club ha chiarito che avrei fatto al caso loro. Mi hanno confermato nonostante mi fossi infortunato gravemente dopo l’accordo.

Sull’infortunio ha aggiunto quindi:

Mi allenavo con un preparatore e durante uno sprint mi sono lesionato il tendine d’Achille. Per fortuna Ancelotti ha voluto comunque tenermi, è stato un grande apprezzamento. Non ha creduto a tutto ciò che è stato detto, si è fatto la sua idea. E se avesse creduto che potesse esserci qualche problema, certamente non mi avrebbe voluto in squadra All’inizio attorno a me sentivo una sensazione strana, come se tutti avessero un interrogativo su di me. Penso di potergli far cambiare idea. Per ora sono tornato ad allenarmi sul terreno di gioco, corro e faccio alcuni esercizi con il pallone. Ma non voglio predire il giorno in cui tornerò a giocare, perché l’infortunio è davvero complicato”.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te