Premio Strega 2018: la napoletana Federica Amuro realizza le sculture per i vincitori

da | Lug 8, 2018 | Cultura&Spettacolo

È una giovane artista dell’Accademia di Napoli la vincitrice del bando della BPER per la realizzazione dello speciale riconoscimento destinato ai finalisti del Premio Strega 2018

Si chiama Federica Amuro, la giovane artista napoletana che, grazie a un bando organizzato dalla BPER Banca e rivolto alle Accademie di Belle Arti di Bologna, Roma e Napoli, ha realizzato l’opera destinata ai vincitori del Premio Strega 2018.

BPER Banca quest’anno ha istituito, infatti, un riconoscimento speciale per ciascuno dei cinque autori finalisti consegnato durante il corso della serata da Gian Enrico Venturini, vice direttore generale dell’istituto di credito. A vincere, la proposta “Ad un visibile parlare”, scultura che l’artista partenopea ha realizzato in collaborazione con il collega nonché fidanzato Simone Talpa, entrambi  artisti ed allievi della Scuola di Pittura dell’Accademia di Napoli del triennio della docente Rosaria Gini, che per l’occasione ha accompagnato gli studenti alla serata di premiazione al Ninfeo di Villa Giulia a Roma.

Simone Talpa, Federica Amuro, Rosaria Gini

L’opera è una rappresentazione contemporanea fatta di materiali moderni e tecniche antiche. Carta, ferro, legno e oro compongono una narrazione che evoca il fascino del sapere attraverso la semplicità dei linguaggi artistici. Ha la base in legno finemente lavorata con l’antica e preziosa tecnica della doratura trattata con il bolo e le lacche e ha lo scopo di identificare il libro come bene prezioso. Dalla base parte anche un filo dorato che regge un aereo di carta come metafora della lettura, mezzo per poter viaggiare in mondi e universi paralleli. Le macchie di colore hanno l’obiettivo di rievocare ricordi individuali e sensazioni collettive. L’opera con le sue forme e i suoi colori rimanda, inevitabilmente, alla bellezza delle parole che compongono la poetica della scrittura.

Ancora una volta l’Accademia di Napoli è protagonista nel panorama nazionale grazie al talento dei giovani allievi – dichiara Rosaria Gini -.  La Scuola di Pittura, attraverso i diversi linguaggi artistici, dà la possibilità ai discenti di indirizzare la propria ricerca artistica in maniera libera ma guidata, fornendo loro competenze e tecniche specifiche dandogli la possibilità di spaziare dalla pittura a cavalletto alle installazioni passando per le performance alle tecniche extramediali. Il dovere di un docente – continua – è quello di coltivare talenti e indirizzarli con il giusto equilibrio e con la giusta presenza, senza invasioni e contaminazioni personali. I giovani hanno bisogno di punti di riferimento ma nella totale libertà di scelta, anche a livello didattico. Fiera di aver guidato e accompagnato i miei studenti alla realizzazione  di un Premio importante come questo”.

Laboratorio di pittura

Entusiasta anche la vincitrice Federica Amuro: “Grazie alla Bper Banca e a Lorena de Vita abbiamo vissuto un’esperienza indelebile – racconta – una serata di grandissimo livello culturale. Abbiamo respirato la speranza che il mondo può migliorare grazie alla cultura e all’arte. Sono felicissima di aver dato il mio contributo a questo prestigioso premio  e ringrazio tutti coloro che mi hanno seguito nella realizzazione. Prenderò questa esperienza come uno start per un prossimo progetto artistico insieme alla mia dolce metà: Simone Talpa”.

Presenti alla serata a rappresentare l’Accademia di Napoli anche Federica De Rosa, docente di storia dell’arte ed Enrica d’Aguanno, coordinatrice della Scuola di Design della Comunicazione.

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

  Un altro straordinario ritratto di Napoli è l’oggetto del “classico” di questa settimana, parliamo di Neapocalisse saggio sociologico dal solido impianto narrativo, pubblicato a Napoli nel 1990. L’opera invero risaliva al decennio precedente frutto della...

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

La recensione di questa settimana riguarda il denso quaderno di appunti di un grandissimo pianista e compositore meridionale il quale, poco più che cinquantenne, appartiene all’olimpo dei classici del pianismo mondiale. Parliamo di Francesco Libetta, grande musicista...

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te