Al via la sesta edizione della “Giornata contro l’abbandono degli animali”

da | Giu 28, 2018 | Cronaca, Vivere Napoli

Sabato 30 giugno e domenica primo luglio 2018 nelle principali piazze italiane

Con l’arrivo dell’estate si avvicina anche il triste fenomeno che vede crescere il numero dei randagi: animali domestici presi in adozione per essere fedeli “compagni di vita”, ma che finiscono per diventare solo un peso per i rispettivi padroni. Padroni che scelgono di liberarsene compiendo un gesto di egoismo, di irresponsabilità e privo di umanità, dettato dal desiderio temporaneo di andarsene in vacanza durante la stagione estiva. Anche quest’anno l’Enpa ha organizzato la sesta edizione della “Giornata anti-abbandono”, dedicando due intere giornate nelle 140 principali piazze italiane: sabato 30 giugno e domenica primo luglio 2018. I volontari Enpa presenti si porranno l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi che riguardano il randagismo, la tutela dell’animale e la prevenzione dei reati contro gli animali. Il tema centrale contro l’abbandono degli animali ha come claim: “Abbandonarmi è un reato! Testimonia“.

Forse non è ancora molto conosciuto il fenomeno del nuovo randagismo, in quanto, seppur crescono le adozioni dei trovatelli, aumenta anche il numero dei nuovi abbandoni, in particolare gli abbandoni di “altri animali” come conigli, iguane, agnelli e così via: la cifra registrata si aggira intorno ai 2.850 tra il 2015 e il 2017. A tal proposito anche Marco Bravi, presidente del Consiglio Nazionale di Enpa e responsabile del Centro Comunicazione e Sviluppo Iniziative,  si è espresso: “È un dato su cui bisogna riflettere perché se gli abbandoni “tradizionali” sono un fenomeno noto che catalizza l’attenzione dell’opinione pubblica, il nuovo randagismo è ancora poco conosciuto e non ha lo stesso impatto emotivo. Per questo, la giornata anti-abbandono è dedicata anche agli altri trovatelli“.

L’appuntamento è anche in provincia di Napoli e cliccando sul seguente link è possibile conoscere tutte le piazze che hanno aderito all’iniziativa: https://comunicazionesviluppoenpa.org/antiabbandono

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te