festival, musica, soccavo, nadir
Tempo di lettura: 2 minuti

Dal 18 luglio a Soccavo: Enzo Gragnaniello tra gli ospiti

Si scrive NaDir si legge Napoli Direzione Opposta , festival giunto alla sua quarta edizione, che quest’anno prenderà forma e ritmo dal 18 al 22 luglio nell’area del polifunzionale di Soccavo, per anni costoso monumento all’incuria e all’abbandono. Un evento nato con l’obiettivo di raccontare e far vivere la periferia partenopea riscoprendo un edificio a lungo dimenticato dalle istituzioni, portandovi una moltitudine di artisti e appassionati di musica, arte e cultura.

Tanti gli ospiti attesi: da Enzo Gragnaniello a La Famiglia passando per A Toys Orchestra, storico gruppo campano che torna in città dopo quattro anni di assenza, Soviet Soviet, Fitness Forever e Sula Ventrebianco. Ma spazio anche al rap con Oyoshe e Peppoh, due protagonisti dell’hip hop nostrano degli ultimi anni, che il 20 luglio saliranno insieme sul palco per un set a quattro mani e due flow. Insomma, il meglio della scena italiana al fianco di quella napoletana e di artisti emergenti del nostro territorio.

Una manifestazione che mira, quest’anno più che mai, ad unire il mondo musicale a dibattiti, panel, presentazioni, assemblee, performance, mostre, autoproduzioni e cultura a 360 gradi. Ad aprire il NaDir Festival, martedì 18 e mercoledì 19 luglio, due giornate ad ingresso gratuito all’insegna di incontri, workshop, giochi e di tante attività dedicate soprattutto ai più piccoli. Un’opportunità unica per vivere al meglio la parte conviviale di Nadir, il festival degli attivisti della rete Ndo realizzato in collaborazione con tante realtà sociali che operano nell’area di Napoli e in particolare a Soccavo: il culmine di un anno di attività politica sul territorio e di produzione culturale a cura del Nadir Collective all’interno dello Scugnizzo Liberato. Un insolito evento, indipendente e rigorosamente autofinanziato, che aiuterà a puntare i riflettori anche su sprechi ed incuria, facendosi portatore di socialità, aggregazione, elaborazione politica e cultura a tutto tondo a partire proprio dalla musica.