Lo sviluppo psicomotorio dei bambini: la ricetta per favorirlo è il movimento

da | Giu 26, 2018 | Calcio Napoli

L’insieme di ingredienti alla base della composizione del corretto movimento

 

di Attilio Gallone (personal trainer Kyra Club Palestre)

Il bambino non è un adulto in miniatura e la sua mentalità non è solo quantitativamente, ma anche qualitativamente, differente da quella degli adulti, per cui un bambino non soltanto è più piccolo, ma anche diverso”. (Claparède 1937).

Prendendo spunto da questa affermazione, quali sono gli elementi che portano un bambino ad uno sviluppo psicofisico completo e armonico? In primis, il movimento: bambini ed adolescenti hanno bisogno di una certa quantità di movimento. Generalmente i bambini controllano da soli questo bisogno con il loro grande impulso a muoversi soprattutto attraverso il gioco. Il movimento è importante per lo sviluppo motorio dei bambini e delle bambine e il gioco è il modo con cui essi si esprimono al meglio. Il movimento permette anche di acquisire abitudini di vita sane. Praticare una piacevole e stimolante attività motoria è condizione necessaria affinché il bambino si diverta e desideri fare nuove esperienze. Per i bambini i primi anni di vita sono importantissimi, lo sviluppo degli schemi motori di base è una tappa fondamentale soprattutto nel periodo infantile e preadolescenziale, cioè il periodo che va dalla nascita agli ultimi anni della scuola elementare. Per questo motivo l’educazione fisica nella scuola primaria è diventata, nell’ultimo decennio, oggetto di grande attenzione da parte degli operatori del settore. Purtroppo quest’attenzione da parte delle amministrazioni, le scuole, del Coni, delle associazioni sportive sparse sul territorio, risulta essere quanto mai frammentata e scarsamente articolata, perché gli obiettivi prefissati da ogni singolo soggetto risultano ridursi solamente ad una generica “necessità di movimento” da parte dei bambini (campi estivi ecc.). L’attenzione da prestare nei confronti del bambino dal come si muove al controllare la sequenza corretta degli obiettivi motori, è spesso sostituita dall’indirizzare da subito i bambini ad un’attività sportiva piuttosto che un’altra, o addirittura dal far provare ai bambini più attività a distanza di pochissimo tempo (spesso anche nello stesso anno scolastico). In questa maniera si condiziona il giusto apprendimento da parte del bambino, perché ognuna delle attività prima praticate ha caratteristiche e contenuti differenti con riferimento alla specificità dello sport.

Ma qual è la ricetta, cioè l’insieme di ingredienti che stanno alla base della composizione del movimento corretto?I primi elementi da tenere in conto sono:

1) Know-how (acquisizione delle competenze): il primo in ordine di grandezza che compone il 50% di questa ricetta, cioè quello che il bambino apprende sia spontaneamente e sia tramite l’insegnamento. Se la spontaneità non è stimolata ed affiancata a strumenti che permettono lo sviluppo dell’apprendimento in tutte le sue potenzialità, il bambino si troverà ad avere un deficit di apprendimento e cercherà di correggerlo utilizzando in maniera impropria altri componenti della ricetta del movimento.

2) Ripetizione della conoscenza acquisita: se analizziamo attentamente le fasi del gioco, il bambino ripete perché si diverte e costruisce relazioni sia con se stesso sia con i compagni; questa seconda componente è produttiva solo se risulta essere strettamente collegata alla prima.

3) Condizione: questa è una componente che comporta una maggiore difficoltà nel modificare gli schemi  motori assimilati che, in seguito alla ripetizione consapevole, diventano automatici quando innescati. Gli aspetti condizionali riguardano forza, resistenza e velocità e rinforzano e consolidano questa componente proiettando il bambino nella fase dell’utilizzo determinato e consapevole.

4) Talento: compone solo il 5% degli aspetti elencati, ma non è ultimo per importanza. Si tratta di ciò che ognuno di noi ha come possibile moltiplicatore degli apprendimenti.  Esso viene spesso consumato ed utilizzato nelle componenti precedenti per colmare un errore di impostazione, tale da ridurlo così ad un correttore di situazioni o comportamenti sbagliati. Affinchè i bambini possano essere correttamente indirizzati verso lo sport, è opportuno considerare questa ricetta per il movimento, poiché si confonde troppo spesso lo sport e i benefici che se ne traggono con la prestazione sportiva e/o il risultato.

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

Dodici puntate alla fine del romanzo

Dodici puntate alla fine del romanzo

Gattuso deve guidare il Napoli alla conquista di un posto in Europa, possibilmente in Champions League Cessate le antiche turbolenze, dimenticati - per ora - i velenosi e traditori contatti del presidente con altri allenatori dopo la “fatal” Verona, e stoppate...

Il gap italiano con i top club europei

Il gap italiano con i top club europei

Le notti d’ Europa, nonostante i progressi e la strada della gioventù intrapresa da Mancini con la sua nazionale, hanno confermato il gap ancora esistente tra i nostri top club e i club europei, anche quelli di non primissimo livello, come hanno dimostrato...

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

In questi anni mandati via giocatori che sarebbero invece tornati molto utili Il Napoli in questi ultimi anni non è stato sempre avveduto in fase di mercato. Ci sono su piazza e perfettamente impiegati tanti calciatori, acquistati e non valutati correttamente, che...

Haaland, che rimpianto per Adl

Haaland, che rimpianto per Adl

Il centravanti norvegese fu trattato per primo dal Napoli, ma chiedeva uno stipendio troppo alto L’occasione della vita sprecata. Un rimpianto senza fine: il Napoli avrebbe potuto acquistare per una cifra diciamo quasi irrisoria il fuoriclasse del presente e del...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te