Il calciomercato ora entra nel vivo

da | Giu 25, 2018 | Sport | 0 commenti

Tra breve le partenze potrebbero essere più numerose degli arrivi

Il nuovo conducator è in Russia in veste di commentatore. Aurelio Primo è indaffarato, immaginiamo, nel suo studio romano. Verdi è azzurro da tempo. Fabiàn Ruiz da poco, e intanto s’è già goduto un pezzo di città. Dopo essere sbarcato con famiglia al seguito da una nave di crociera. Tutto molto soft. Qualche selfie sul molo davanti al Maschio Angioino, tanto per gradire. Il mondialone di Putin distrae un po’ tutti. Anche l’ultrà più sfegatato. Per il momento, non c’è da fare salti di gioia. Tra breve, le partenze potrebbero essere più numerose degli arrivi. Ora c’è anche Callejòn in lista d’attesa: aspetta una chiamata dal Milan dove s’è già accasato Reina. E Hysaj potrebbe raggiungere a Londra il maestro, sempreché Sarri chiuda col Chelsea. Non a caso Aurelio Primo ha bloccato da un po’ l’austriaco Leiner del Salisburgo che piace tanto (anche a me, in verità). Jorginho è praticamente da considerarsi “inglese”, sponda Manchester City ed Hamsik non ha certo rinunciato alle sirene cinesi. Si tratta di trovare un accordo con Pechino. Chiaro Aurelio Primo: pagare moneta, vedere cammello. Cioè lo slovacco, ex capitano dei record, che non è tra i preferiti di Carletto. Infine, il portiere che non c’è. Ancelotti vorrebbe Areola che ben conosce dai tempi parigini. Aurelio Primo preferirebbe Meret, furlano come Zoff. La scelta di un numero uno di valore è delicata e di estrema importanza. Mondiale docet.

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali dei club fondatori, Agnelli si dimette da presidente dell'Eca, dura la reazione dell'Uefa. Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali, i club fondatori di questa nuova...

La cattiva globalizzazione è un danno. Anche nel calcio

La cattiva globalizzazione è un danno. Anche nel calcio

C’era un tempo, neanche troppo lontano, quando per 14 anni, dal 1966 al 1980, le squadre di calcio italiane non potevano piú tesserare stranieri in quanto la Federazione di calcio, in nome di un orgoglio italiano ferito, dopo i penosi mondiali del 1966, decise di...

Ippica, Lotteria di Agnano, edizione memorabile

Ippica, Lotteria di Agnano, edizione memorabile

“È stata un'edizione del gran premio Lotteria memorabile e poco prevedibile come nelle attese, perché tanti i campioni in campo, tanti i motivi e i retroscena di una delle più belle edizioni di sempre. A parte il vincitore Zacon Gio in binomio con Telethon, i...

Calcio, ecco quando si saprà se il campionato potrà ripartire

Calcio, ecco quando si saprà se il campionato potrà ripartire

Col fiato sospeso e col cuore in gola. Perché per il calcio la prossima settimana fino al 18 maggio saranno giorni decisivi. Dopo il via dato dalla cancelliera Merkel alla ripartenza della Bundesliga e i buoni propositi dei governi spagnolo e inglese per Liga e...

Ora il calcio ha la necessità di ripartire

Ora il calcio ha la necessità di ripartire

La teoria evoluzionistica di Darwin parte da un concetto fondamentale che è la capacità di adattamento degli esseri viventi, non necessariamente solo l’uomo, alle modificazioni dell’ambiente e di altri fattori naturali che possono intervenire. Trasmutando i fatti,...

Sul calcio nessuno decide. Ecco le posizioni delle parti in causa

Sul calcio nessuno decide. Ecco le posizioni delle parti in causa

Ancora non sono riuscito a capire se il ministro Vincenzo Spadafora si stia comportando con il calcio e tutte le sue componenti come il bimbo che porta il pallone nel parco o nel cortile di casa che vuole decidere lui solo chi degli altri bimbi deve giocare, come deve...

Il braccio di ferro tra Lega e Coni che non conviene a nessuno

Il braccio di ferro tra Lega e Coni che non conviene a nessuno

È diventato un braccio di ferro, politico ma non solo. Economico, sociale, ideologico? C'è di tutto dietro il “no” alla ripresa degli allenamenti di calcio per le società il 4 maggio prossimo. Ma c'è soprattutto l'arroganza, quella dell'inusuale tandem politico...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te