Spiagge di Napoli maltrattate dai bagnanti. Pulizia e recupero ormai arrivano “dal basso”

da | Giu 18, 2018 | Cronaca | 0 commenti

Degrado. Il litorale della città tra rifiuti e abbandono: sempre più diffuse le iniziative di sensibilizzazione delle associazioni

Inizia la bella stagione, le giornate si allungano, fa buio più tardi e un sole caldo abbraccia un cielo sereno incorniciando la città di Napoli: la città del sole. L’aria frizzantina che preannuncia l’estate diffonde una voglia irresistibile di recarsi in spiaggia per godersi un po’ di mare. Nel week end la città si sveglia con un caotico via vai di macchine e motorini, diretti verso i più noti litorali partenopei. Spesso e volentieri le famiglie si recano al mare portando con sé il famoso sacco della “marenna”, contenente il pranzo e le bibite per soddisfare ogni tipo di bisogno.

Purtroppo per mancanza di civiltà, di educazione e di cultura, i vari rifiuti generati dai pasti vengono abbandonati sulle spiagge, spiagge che si affollano di buste e bottigliette di plastica, unite a mozziconi e spazzatura varia. Sabato 9 giugno il WWF ha organizzato una maratona per ripulire la spiaggia della Gaiola, un’area marina protetta del Golfo di Napoli che sorge in via Posillipo.

L’iniziativa chiamata “Spiagge Plastic Free” è stata promossa a livello nazionale, e punta a sensibilizzare contro l’inquinamento del mare causato dai rifiuti. Il CSI Gaiola Onlus (Centro Studi Interdisciplinari Gaiola Onlus), che si occupa di ricerca e divulgazione scientifica per la tutela e la valorizzazione dell’ambiente marino-costiero, ha ospitato l’evento. Un raduno che ha visto la partecipazione di numerosi volontari che hanno speso il loro tempo per la pulizia della spiaggetta di Cala S. Basilio: un’attività che li ha coinvolti anche attraverso l’utilizzo di kayak per ripulire il mare a favore di una pesca sostenibile. Come la Gaiola tantissime altre bellezze che affacciano sul mare partenopeo vivono un attuale stato di abbandono, dettato dal menefreghismo comune, radicato nella cultura napoletana.

Un atteggiamento di inciviltà che “calpesta e maltratta” le spiagge di Napoli. Tali litorali, che affacciano sulla costiera e sulle isole di Ischia e di Capri, e che regalano paesaggi mozzafiato invidiati da ogni parte del globo, attirando milioni di turisti ogni anno, non meritano di essere ripagati in questo modo. Bisogna prendersi cura delle bellezze che Napoli ci offre, e quindi ben vengano iniziative che operano per sensibilizzare e civilizzare la popolazione attraverso l’organizzazione di eventi, proprio come ha fatto il WWF. Amare la propria città vuol dire rispettarla, e trattarla con lo stesso garbo che si riserva quando si visita una città straniera. Bisognerebbe imparare ad essere tutti i giorni un po’ turisti della propria città.

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Alessandro Scarlatti, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza di un negozio di abbigliamento il quale ha raccontato che, poco prima,...

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Dieci anni trascorsi mettendo al centro le storie, i volti, le esperienze e i bisogni delle persone a ridotta mobilità e con disabilità. L'impegno del Gruppo FS su questo fronte si è concretizzato anche grazie alle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, un servizio di...

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Agenti della polizia locale dell’unità di San Lorenzo, coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti in vico grotta della Marra, a due passi dalla Curia di Napoli, rimuovendo 65 paletti installati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. “Il nostro...

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

Nelle difficili condizioni della Pandemia Globale, la processione "Reggimento Immortale" in Italia è stata organizzata in un formato online. I coordinatori dei Reggimenti Immortali delle 16 città italiane di Roma, Milano, Napoli, Bari, Genova, Verona, Bologna, Udine,...

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

I militari della Stazione Carabinieri di Monteruscello, in esito a una perquisizione delegata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Palermo a seguito di una denuncia sporta dai genitori di un minore presso la Stazione di Palermo Borgo Nuovo, hanno tratto in...

Napoli, piazza Amedeo: tenta una rapina. Fermato

Napoli, piazza Amedeo: tenta una rapina. Fermato

Martedì scorso gli agenti del Commissariato San Ferdinando, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti all’interno della stazione metropolitana di piazza Amedeo per la segnalazione di una tentata rapina commessa da un uomo armato di un coccio di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te