Mobilità integrata, accordo Fs-Federico II. Un’Academy per formare i talenti del futuro

da | Giu 18, 2018 | Cronaca | 0 commenti

 Il progetto didattico inizierà il prossimo ottobre nel polo di San Giovanni a Teduccio. Le iscrizioni scadono il 13 luglio

Ferrovie dello Stato sceglie Napoli per la creazione della prima Mobility Academy, un percorso di formazione, realizzato in partnership con l’Università Federico II, dedicato alla mobilità integrata. L’iniziativa è stata presentata lo scorso 13 giugno dal rettore dell’Ateneo federiciano Gaetano Manfredi, dall’amministratore delegato di FS italiane Renato Mazzoncini e dal presidente di Anas Ennio Cascetta, al quale è affidata anche la direzione del comitato scientifico del corso. “Con Fs Mobility Academy vogliamo creare un gruppo di giovani talenti – ha dichiarato Mazzoncini – altamente specializzati, con capacità professionali, tecniche e scientifiche fondamentali per lavorare nel settore delle infrastrutture e della mobilità, caratterizzato da un forte progresso tecnologico e dinamismo”.

Il progetto didattico, in partenza a ottobre 2018, durerà 9 mesi e sarà sviluppato secondo una metodologia di “blended learning”, centrata sull’integrazione tra formazione in presenza, attività laboratoriali e didattica esperienziale. Sarà quindi articolato in due sessioni: la prima, teorica, volta a consolidare e integrare le competenze possedute con lezioni frontali, interventi seminariali e testimonianze dal mondo delle imprese; la seconda, pratica, con di Giovanna Rossi l’elaborazione di project work, l’affiancamento di un tutor per ogni allievo e gli stage nelle aziende del Gruppo FS, italiane o estere.

All’Academy, che avrà sede nel polo di San Giovanni a Teduccio, potranno prendere parte da 30 a 50 studenti italiani e stranieri, in possesso di una laurea magistrale in discipline ingegneristiche, economiche o fisiche, selezionati – previo invio della domanda di ammissione sul portale Fs entro le ore 14 del 13 luglio – da un’apposita commissione giudicatrice attraverso test psico-attitudinali individuali e di gruppo atti a verificare il bagaglio di conoscenze culturali e la motivazione, un colloquio tecnico e prove di accertamento della conoscenza della lingua inglese. A testimonianza dell’esclusività formativa prevista per i partecipanti, la volontà di Fs, il cui investimento nel progetto per questo primo anno ammonta a 150 mila euro, di ammettere al corso, come uditori, i suoi dipendenti, in un numero non superiore al 20% dei candidati individuati, con l’obiettivo di garantire anche ai membri del gruppo l’upgrade di competenze necessario a tenere il passo della trasformazione della mobilità in atto.

Il mondo dei trasporti sta cambiando in modo velocissimo – ha commentato Ennio Cascetta – e gli ingegneri di oggi devono avere una visione a 360 gradi della mobilità, della tecnologie, degli strumenti nuovi che servono a dare risposte nuove ai bisogni di trasporto delle persone e delle merci”. La collaborazione tra la Federico II e il Gruppo Fs a Napoli, sede della prima ferrovia italiana, rappresenterà quindi una possibilità formativa innovativa per le metodologie previste, di alto livello per la presenza di docenti provenienti dalla Federico II ma anche da altre università italiane e soprattutto, così come dichiarato dal rettore Manfredi, “non solo una concreta possibilità di inserimento occupazionale per i giovani che vi parteciperanno ma anche la garanzia di acquisizione di un vero ‘patrimonio di skill’ prezioso e indispensabile per intercettare i cambiamenti nel mondo lavorativo, sapervisi adeguare e poter crescere ed eccellere. Una straordinaria opportunità per i migliori talenti che vogliono affrontare la sfida del futuro”.

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

Vomero, controlli e sanzioni nelle zone della movida

Vomero, controlli e sanzioni nelle zone della movida

Lo scorso fine settimana gli agenti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri e del Comando Provinciale della Guardia di Finanza e gli agenti della Polizia Metropolitana, con il supporto degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Campania e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te