Al via il Napoli Strit Festival

da | Giu 8, 2018 | Cultura&Spettacolo, Vivere Napoli | 0 commenti

Apre Aluei e il suo ‘Mantra’ del silenzio in musica a Piazza Dante

Parte oggi venerdì 8 giugno in Piazza Dante la decima edizione del Napoli Strit Festival che per due giornate invaderà di arte di strada sul tema del silenzio il percorso attraverso Port’Alba fino a Piazza Bellini e all’Accademia di Belle Arti. La rassegna torna dopo 11 anni in città all’inserimento nel programma del Napoli Teatro Festival e alla volontà di Ettore De Lorenzo, ideatore del festival e determinato a rilanciarlo. Il via avverrà appunto in Piazza Dante alle 17.30 con “Mantra” una performance musicale di Aluei, musicista napoletano che da 18 anni vive a Los Angeles lavorando alle colonne sonore delle grandi produzioni cinematografiche. “Il suono è terapeutico – racconta lo stesso Aluei – e a Napoli è doppiamente terapeutico perché ci sono bellissime voci, grazie alla nostra napoletanità che esprimiamo nel canto. In ‘Mantra’ è fondamentale la partecipazione di tutti quelli che amano il canto, i musicisti, chiunque suoni uno strumento o danzi. Da Piazza Dante tutti insieme irradieremo la città da uno stato di silenzio a uno stato di gioia“.

  Aluei sarà anche protagonista dell’evento di sabato alle 17, quando da Napoli partirà uno “shhhh” collettivo per far riflettere tutti sul valore del silenzio e sul peso delle parole, ma decine sono gli eventi in programma (cartellone completo sulla pagina Facebook del Napoli Strit Festival) a cominciare dallo Slam Poetry in Piazza Bellini di sabato sera, fino alle esibizioni de “La baracca dei buffoni”, dell’Uomo ombra Sergio Longobardi, Los Filonautas e il Circo Bipolar.

   “La Regione Campania – ha dichiarato il presidente Vincenzo De Luca – ha fortemente voluto il ritorno di un evento così amato dalla città e in grado di rendere protagonisti i cittadini-spettatori, abbattendo quel muro che spesso divide i produttori culturali con il pubblico. La nostra intenzione è quella di allargare quest’esperienza anche agli altri capoluoghi regionali, per espandere questo modello di produzione culturale e questa visione nel segno della partecipazione attiva e del coinvolgimento dal basso dei cittadini ai processi culturali. La cultura non può essere un diritto per pochi”.

Arte di strada, perché arte per tutti, quindi, un bisogno primario come spiega il direttore artistico del Napoli Teatro Festival Ruggiero Cappuccio: “Mi chiedo spesso – spiega – perché la cultura in Italia interessa molto a chi ha pochi soldi, perché i ricchi a parte collezionare arte non sono molto interessati alla cultura. Per questo ho abbassato da 34 a 8 euro i prezzi dei biglietti del Teatro Festival e ho voluto l’unione delle energie con lo Strit Festival, una manfestazione che ha avuto una presenza storica a Napoli e aveva il diritto di tornare. Il tema del silenzio mi appassiona perché è nel silenzio che sono nati  più grandi sogni dell’umanità, è nel silenzio che Beethoven scrive la sua più grande sinfonia, è nel silenzio che Leonardo dipinge il Cenacolo. E il silenzio è quello che auguriamo a quelle persone che farebbero bene a fare silenzio“.

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

  Un altro straordinario ritratto di Napoli è l’oggetto del “classico” di questa settimana, parliamo di Neapocalisse saggio sociologico dal solido impianto narrativo, pubblicato a Napoli nel 1990. L’opera invero risaliva al decennio precedente frutto della...

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

La recensione di questa settimana riguarda il denso quaderno di appunti di un grandissimo pianista e compositore meridionale il quale, poco più che cinquantenne, appartiene all’olimpo dei classici del pianismo mondiale. Parliamo di Francesco Libetta, grande musicista...

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te