L’armatore Vincenzo Onorato: “Spazio agli italiani nel settore marittimo”

da | Mag 29, 2018 | Cronaca | 0 commenti

Il comandante ha presentato il centro studi “#Salviamo il futuro”

Salvare il futuro del paese e dei tanti giovani che in Italia non hanno prospettive di lavoro. È l’obiettivo dichiarato da Vincenzo Onorato, armatore di quarta generazione, che da anni porta avanti la lotta per l’occupazione degli italiani sulle navi del nostro paese. Una lotta che in passato gli ha anche portato accuse di razzismo nei confronti dei lavoratori extracomunitari, che il comandante Onorato respinge fermamente: “Non sono mai stato contro i lavoratori extracomunitari – spiega -, ma contro l’abuso che molti armatori perpetrano da anni assumendoli con stipendi molto inferiori a quelli dei contratti degli italiani, pur beneficiando degli sgravi fiscali. Non avrei nulla da ridire se quegli stessi lavoratori avessero lo stesso stipendio dei marittimi italiani. Dico di più, sono convinto che a quelle condizioni probabilmente i nostri lavoratori sarebbero preferiti perché più preparati, e questo è ancora più grave, perché vuol dire che l’interesse economico dell’armatore è superiore a qualsiasi altro aspetto”.

Qual è la differenza reale tra lo stipendio di un comunitario rispetto a un extracomunitario a bordo di una nave con bandiera italiana? Anche qui Onorato è molto chiaro: “Un extracomunitario guadagna circa mille dollari e al momento dell’imbarco i sindacati guadagnano 190 euro indipendentemente dalla nazionalità dell’assunto – prosegue il comandante -. Un marittimo italiano costa circa il quadruplo. Se dovessimo badare solo ai conti non ci sarebbe partita, ma io i miei dipendenti li conosco tutti personalmente e non potrei andare da loro e dirgli di andare via lasciandoli per strada solo perché così potrei guadagnare di più, come ha fatto qualche mio collega”.

Ma è davvero così insostenibile la scelta di assumere marittimi italiani? Sembra di no, ad ascoltare i dati dell’azienda di Onorato: “Lo scorso anno abbiamo avuto un utile di 22 milioni di euro. Vuol dire che se il management è qualificato si può lavorare bene anche seguendo alla lettera le leggi italiane, che esistono ma che purtroppo spesso vengono bypassate per altri interessi e nessuno, finora, ha avuto il coraggio di denunciarlo”.

Tutto questo si inserisce in un contesto drammatico per l’occupazione italiana, non solo nel settore marittimo. “Nel nostro campo un giovane spende circa 4mila euro per la formazione e non ha alcuna assicurazione sull’assunzione. Abbiamo studiato il fenomeno della disoccupazione con il centro studi “#Salviamo il futuro”, che ho creato proprio per analizzare questi fenomeni, ed è venuto fuori che in Italia si spendono 12,7 miliardi l’anno per la formazione di giovani che poi investono all’estero queste capacità acquisite – ha aggiunto Onorato nel corso della presentazione di questo primo studio nella sede della Scuola Vela di Mascalzone Latino, il suo team velico leader a livello internazionale -. Guardando alla Campania, abbiamo oltre 900mila disoccupati, di cui oltre la metà è in una fascia d’età bassa e non è neanche in cerca di un lavoro. Una situazione insostenibile che deve rappresentare una priorità per qualsiasi futuro governo, che mi auguro sia di netto cambiamento rispetto al passato, quando le lobby hanno avuto la precedenza sugli interessi dei lavoratori”.

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Sicurezza, occupazione, esperienza di gioco. Ecco le tre risposte che il gambling italiano deve dare al futuro. Da quando per la prima volta, per contrastare la diffusione della pandemia Covid 19, i lavoratori del settore del gioco legale hanno dovuto tirare giù la...

Vomero, donna muore in un incendio

Vomero, donna muore in un incendio

Allarme al Vomero attorno alle 12 vigili del fuoco ambulanze e forze dell'ordine dirette verso piazza Fuga. Angoscia dei genitori con i figli che anche stamattina nelle vicine scuole. Una donna 94enne è morta carbonizzata. Al momento si sa che l'incendio era in una...

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

Vaccinarsi contro il Covid in farmacia a Napoli è già realtà ma da oggi, grazie all’iniziativa privata, nei locali della “Croce verde” si potranno “curare” anche il disagio e la solitudine delle persone più deboli. L’idea è semplice e nasce dalla sinergia tra la...

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Nei giorni scorsi un uomo è rimasto ferito a un passaggio a livello nei pressi della stazione di Casalnuovo. All’arrivo della chiamata alla Sala Operativa del Compartimento Polfer di Napoli si è subito attivata la macchina dei soccorsi: sul posto è giunto personale...

Restituire la fiducia ai giovani

Restituire la fiducia ai giovani

di Cinzia Rosaria Baldi * Intervista a Emilia Narciso neo presidente Unicef Campania L’Unicef  Italia in questi giorni  festeggia  i trent’anni dalla ratifica nel nostro Paese della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, diritti messi direttamente...

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

È stato completato e consegnato all’Amministrazione Comunale il progetto esecutivo del Lungomare di Napoli, dal titolo "Riqualificazione ciclo-pedonale del Lungomare di Napoli, tratto compreso tra Piazza Vittoria e il Molosiglio". Il progetto, esito di una gara...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te