La cultura napoletana di nuovo a “cavallo”

da | Mag 26, 2018 | Cultura&Spettacolo | 0 commenti

L’accademia di arte equestre rilancia la storia

Domenica 27 maggio, presso la Villa Comunale di Napoli,  prenderà vita un evento dedicato al cavallo napoletano. A presentare sarà Rosaria De Cicco, e come ospiti ci sarà il presidente dell’accademia Giuseppe Maresca, l’architetto Federico L.I. Federico, il giornalista Domenico Orsini e Alessandro Manna, laureato in Conservazione dei Beni Culturali.

Durante questa giornata si vuole celebrare la nascita della nuova ‘Accademia di Arte Equestre Napoletana’ che rilancia il destriero partenopeo, emblema della nostra città.  Il presidente dell’accademia, Giuseppe Maresca, spiega quale è stato il motivo che ha spinto a fondare l’accademia: «Si è voluta riprendere la tradizione del 500 che c’era a Napoli. La prima scuola di equitazione al mondo è nata nel 1523, ed è stata fondata da Federico Grisone, un napoletano. Si intende rilanciare l’immagine del cavallo partenopeo, una figura quasi leggendaria, che fa parte dei cinque destrieri più importanti al mondo, posizionandosi tra mito e realtà».

Maresca si prefigge di infondere nell’animo dei napoletani l’antica passione per l’arte equestre, in tal modo si valorizzerebbe anche l’immagine della città e di tutto il territorio campano, regalando a Napoli anche  una forza attrattiva legata al turismo. Inoltre aggiunge: «È un segnale che mi auguro vorranno accogliere i responsabili della gestione del nostro territorio che va esaltato e rilanciato con iniziative eco-sostenibili, di valorizzazione e salvaguardia dell’ambiente».

Poche città possono permettersi di raccontare la storia attraverso un animale. «Domenica ci sarà un architetto che mostrerà tutte le immagini del primo maneggio in muratura costruito nel 1500 a Napoli e che oggi è parte della Caserma Bianchini».

Maresca continua spiegando: «Una tradizione prettamente napoletana, in quanto erano tutti cavalieri partenopei che insegnavano ai regnanti europei l’arte di stare a cavallo. Sembra strano ma l’arte di cavalcare non è nata in Inghilterra ma a Napoli».

Il cavallo napoletano inoltre è stato fonte di ispirazione per molti artisti, infatti durante l’evento verrà esposta una mostra d’arte con opere che lo raffigurano insieme ai cavalieri napoletani del ‘700. A grande sorpresa verrà mostrato anche il nobile calesse napoletano, chiamato conchiglia: qui ogni oggetto protagonista è in qualche modo legato alla città. Infine il presidente dell’accademia ci anticipa che ci sarà un momento dedicato alla lettura di alcuni versi di una poesia nobilissima di Napoli: un inedito del 1500 che parla di cavalli e cavalieri.

Ricordiamo che l’appuntamento di domenica è alle ore 10.00 e l’ingresso è gratuito.

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te