Venerdì al Teatro San Carlo “Troppi diritti”

da | Mag 17, 2018 | Cultura&Spettacolo | 0 commenti

Troppi diritti:
l’Italia tradita dalla libertà

Il Sabato delle Idee al San Carlo per la presentazione del libro di Alessandro Barbano con il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani e il vicepresidente del CSM Giovanni Legnini

Venerdì 18 Maggio ore 17.00

Foyer Teatro San Carlo
via San Carlo n. 98 – Napoli

ingresso libero

Da Scampia al San Carlo con al centro del dibattito i diritti. Dopo il lancio del progetto per lo sviluppo delle periferie napoletane venerdì 18 Maggio alle 17 “Il Sabato delle Idee” fa tappa al Teatro San Carlo di Napoli (con ingresso libero) per la presentazione del volume del direttore de “Il Mattino”, Alessandro Barbano: “Troppi diritti. L’Italia tradita dalla libertà” (Mondadori Editore).

Ad aprire il dibattito, coordinato da Paolo Graldi, già direttore de “Il Mattino” e de “Il Messaggero”, ci saranno Lucio d’Alessandro, Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, Gaetano Manfredi, Rettore dell’Università degli Studi di Napoli, Federico II e il fondatore de “Il Sabato delle Idee”, Marco Salvatore, direttore scientifico dell’IRCCS SDN di Napoli.

Per discutere dei temi del libro ci saranno, insieme con l’autore, Massimo Adinolfi, docente di Filosofia della comunicazione all’Università di Cassino ed editorialista de “Il Mattino”, Biagio De Giovanni, già presidente della Commissione per gli affari istituzionali dell’Unione Europea e Rettore emerito dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” , Giovanni Legnini, vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura, Antonio Tajani, presidente del Parlamento Europeo e Serena Sileoni, vicedirettore dell’Istituto Bruno Leoni “Idee per il libero mercato”.

Dalla politica alla sanità: tutti i mali del ‘dirittismo’

Presentazione del volume di Alessandro Barbano

L’ipertrofia dei diritti come causa del declino italiano: è questa la lucida diagnosi di Alessandro Barbano nel volume “Troppi diritti”. Si tratta di un virus che ha infiltrato il discorso pubblico e da decenni blocca ogni tentativo della politica e della società di riscattarsi. È ciò che si definisce dirittismo’, malattia che esibisce un sintomo ormai sotto gli occhi di tutti: la crisi della delega, ossia la rinuncia a qualsiasi mediazione tra gli interessi di uno o di pochi e quelli di tutto il corpo sociale.

È accaduto nel campo politico, dove il dirittismo si è tradotto in aperta diffidenza nella classe dirigente e nel diffuso astensionismo; nel campo del sapere, dove manca il criterio della meritocrazia; e nella sanità, dove vale per tutti l’esempio del movimento contro i vaccini. E, altrettanto grave, è accaduto nel campo dei media, dove strumenti come Internet, Facebook, Twitter hanno scalzato la mediazione della carta stampata, stravolgendo spesso il messaggio veicolato.  La combinazione di diritti e tecnica si è così tramutata in un fattore di indebolimento e disgregazione della stessa democrazia. Quello di Barbano è un viaggio nel pensiero di un Paese tradito dalla libertà, in cui nessuna élite ha più il coraggio di dire il vero e di fare i conti con minoranze organizzate sotto la bandiera dei diritti acquisiti. Dal palazzo alla piazza, dai giornali alla Rete, dalla scuola alla giustizia, il discorso pubblico non è più al servizio della democrazia. Troppi diritti racconta con chiarezza come ciò sia accaduto e che cosa fare per uscire da una simile, pericolosissima, crisi epocale.

L’autore – Alessandro Barbano

Giornalista e saggista, dal 2012 è direttore del quotidiano “Il Mattino” di Napoli. Laureato in giurisprudenza all’Università di Bologna, ha alle spalle quasi quarant’anni di professione. Ha insegnato all’Università La Sapienza di Roma, all’Università del Molise, alla Link Campus University e all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, dove fa parte del comitato scientifico della Scuola di Giornalismo. È autore di saggi dedicati al giornalismo e libri su temi di carattere politico e sociale: Professionisti del dubbio (1997), L’Italia dei giornali fotocopia (2003), Degenerazioni. Droga, padri e figli nell’Italia di oggi (2007), Dove andremo a finire (2011). Nel 2012 ha pubblicato il Manuale di giornalismo, scritto in collaborazione con Vincenzo Sassu, adottato come libro di testo in molte Università italiane.

 

 

 

Eventi e musica, Mooks si allarga

Eventi e musica, Mooks si allarga

Nella libreria del Vomero sarà inaugurato un piano dedicato all’intrattenimento Aprirà le porte al pubblico lunedì 19 luglio il nuovo hub del Mondadori bookstore di via Luca Giordano targato Mooks, un nuovo piano della grande libreria vomerese dedicato...

Allamentarse nunn’ abbasta  cchiu’…

Allamentarse nunn’ abbasta cchiu’…

A lengua napulitana verace va scumparenno Sempe cchiù pperzone s’allamentano pecché ’a lengua napulitana verace va scumparenno e ppecché pure cchille che ancora l’ausano spisso nu’ ssapeno scrivere manco doje righe senza piglià zarre e rrancefellune. E overamente...

Il premio Liburia a Salvio Zungri

Il premio Liburia a Salvio Zungri

La sesta edizione del prestigioso evento condotto dall’attore Gabriele Blair e dall’artista Anna Capasso Si è svolto giovedì 15 luglio, nel Chiostro della Parrocchia del S.S. Rosario ad Afragola in provincia di Napoli con inizio alle ore 19 il “Premio Liburia 2021”,...

Happening di scrittori  nella cornice di Sant’Angelo

Happening di scrittori nella cornice di Sant’Angelo

Sabato 17 luglio 2021, nella suggestiva cornice del molo turistico “Pablo Neruda” di Sant’Angelo d’Ischia, ventotto tra scrittori, imprenditori, artisti, docenti, autori emergenti ed esperti di comunicazione saranno i protagonisti della diciassettesima edizione del...

Successo per il Festival delle Arti

Successo per il Festival delle Arti

Grande festa per la cerimonia finale della rassegna di Noi per Napoli giunta alla sua VI edizione Olga De Maio e Luca Lupoli, noti artisti lirici del mondo musicale partenopeo, vincitori di numerosi concorsi internazionali, Pavarotti International, Mascagni, Mario...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te