Pompei, la lotta agli scavi illegali fa scoprire un’area nuova a Civita Giuliana

da | Mag 14, 2018 | Cultura&Spettacolo, Storia | 0 commenti

Pompei. A Civita Giuliana individuati importanti reperti tra cui la sagoma di un cavallo

Il fascino del passato non finisce mai di sedurre e di riattrarre a sé l’attenzione donando, a piccole dosi, di volta in volta, un elemento in più della suamisteriosa realtà. Questa volta è una sorprendente scoperta fatta nell’area di Civita Giuliana, nella zona Nord fuori le mura del sito archeologico di Pompei, ad attirare l’attenzione, prima delle forze dell’ordine e degli esperti e poi della pubblica opinione. Gli investigatori del Comando Gruppo Carabinieri di Torre Annunziata e del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Napoli infatti stavano indagando su attività illecite relative a cunicoli clandestini da parte di malviventi che mettono a rischio l’enorme patrimonio archeologico e culturale locale perché lo depredano per poi rivenderlo anche fuori i confini nazionali. Materiale prezioso, dunque, disperso nel mondo. Dallo scorso agosto poi è partita un’operazione congiunta assieme al Parco Archeologico di Pompei e alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, con il supporto logistico dei Vigili del Fuoco, che ha permesso un intervento di scavo in loco ed ha portato ad interessanti scoperte che hanno offerto spunti di analisi e studio. A presentare questa operazione culturale alla stampa è stato il Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei Massimo Osanna assieme ai rappresentanti dell’équipe che hanno lavorato a questo progetto.

“C’è una sinergia molto singolare dietro a questa interessante scoperta – ha dichiarato il direttore – e rappresenta una prova ulteriore di quanto la collaborazione tra istituzioni sia fondamentale non solo per la tutela del territorio ma, come in questo caso, anche per la conoscenza e speriamo presto anche per la fruizione”. Grete Stefani, direttrice degli Scavi di Pompei, ha ringraziato per il supporto il team di lavoro del cantiere di scavo riferendo che: “Lo scavo è stato particolarmente complesso in quanto hanno dovuto scavare nella cenere consolidata perché la costruzione del solaio del primo piano ha retto alla caduta dei lapilli quindi è rimasto con una stratigrafia molto particolare che ha consentito di realizzare i calchi”. Nella zona di scavo è stato rinvenuto anche un terreno agricolo del ‘79 d.C.– ha poi aggiunto – sistemato con delle conchette che raccoglievano l’acqua piovana in modo che le piante avessero anche un’irrigazione naturale. Inoltre sono stati rinvenuti calchi di radice di pianta che sono oggetto di studio per stabilire che tipi di piante erano coltivate nel terreno”.

Il ritrovamento è stato fatto in un ambiente di servizio di una grande villa suburbana conservata in maniera eccezionale. Va detto che si trova all’interno della proprietà privata della famiglia Russo che si è messa a disposizione dell’arte e della sua tutela. Dall’esplorazione dei locali sono emersi diversi reperti quali: anfore, utensili da cucina, una parte di un letto in legno, di cui è stato possibile realizzare il calco, e una tomba del periodo post 79 d.C. quindi successivo all’eruzione, probabilmente di età imperiale, che custodiva lo scheletro di un defunto di sesso maschile, di età tra i 40 e 55 anni. Si tratta di una sepoltura a cassa di tegole con tumulo e tubo fittile per le libagioni, posta sulla cresta del muro meridionale dell’edificio. Una pratica rituale funeraria dell’epoca vedeva il tubulo in corrispondenza del cranio del defunto, che era supino e con un chiodo in ferro sull’omero destro, affinché le offerte raggiungessero in modo diretto il destinatario. “Gli oggetti rinvenuti erano in ottimo stato di conservazione – afferma l’archeologa da campo Serenella Scala, che con un team di esperti ha seguito gli scavi – proprio perché il flusso piroclastico li ha mantenuti e li ha inglobati, c’è bisogno di un restauro ma sarà veloce perché i vari pezzi sono componibili”. Una curiosità è che sul letto in legno sono stati trovati reperti riconducibili ad un tessuto, forse usato come una sorta di lenzuolo. Ma ciò che rende affascinante questi ritrovamenti è anche il fatto che, attraverso la tecnica dei calchi, per la prima volta è stato possibile restituire la sagoma integra di un cavallo rinvenuto in una zona identificata come la stalla.

La tecnica dei calchi, poi, ha permesso di identificare una mangiatoia la cui struttura, probabilmente costruita in materiale deperibile, è ancora visibile unicamente grazie al calco in gesso. “Dalle prime rilevazioni fatte si può ipotizzare che si tratti di un cavallo di pregio e non da soma – dichiara l’archeo-zoologa Chiara Corvino questa ipotesi nasce anche da un confronto con gli equidi dell’epoca; si sono considerati anche gli ibridi come il bardotto e il mulo ma al momento l’ipotesi più plausibile è quella iniziale. Anche perché l’animale ha un’altezza all’incirca di 1,50m, considerevole per quel tempo storico. I finimenti che indossava inoltre sono di pregio e con diverse decorazioni: morsi in metallo e piccole borchie in bronzo. L’equide ritrovato deve essere stato un animale di rappresentanza anche perché i finimenti ritrovati rappresentano un indicatore della ricchezza del padrone”.

Insomma si è solo all’inizio di un interessante progetto volto all’individuazione di varie “ville” in loco ma soprattutto ad interrompere la pratica di scavi clandestini che provocano brecce nei muri antichi, danneggiano gli intonaci, rovinano oggetti e privano la comunità scientifica di reperti preziosi.

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

La nascita di Neapolis

La nascita di Neapolis

Seconda tappa nel viaggio alla scoperta della storia della nostra città dalla fondazione ad oggi Una terra baciata dagli dei: a Nord alture imponenti che proteggevano dai venti, a Sud lo scenario di uno splendido mare, ad Est il misterioso pennacchio del Vesuvio e ad...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

La sirena Partenope

La sirena Partenope

La storia di Napoli dalla nascita ai giorni nostri. La leggenda delle origini della città Dalla leggenda della sirena Partenope all’insediamento di Cuma Napoli (Neapolis, nuova città) ha almeno tremila anni di storia, senza contemplare il periodo preistorico del...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te