Aurelio De Laurentiis è come la città di Napoli

da | Mag 14, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

Sparisce, riappare e poi urla contro tutti Aurelio De Laurentiis è come la città: non sa essere “normale”

Il ritratto del presidente del Napoli, artefice della rinascita azzurra dalla serie C ai sogni scudetto. A modo suo

Est modus in rebus, tutto qui. Si vive in un’epoca già volgare di suo. E almeno in certi ambiti si vorrebbe una maggiore delicatezza. Anche nelle parole, perché poi è inutile dire: i bambini ci guardano. C’è una vecchia regola che raccomanda: azionare il cervello prima di aprire la bocca.

Ecco, sembra fatta apposta per Aurelio Primo

Presidentissimo e amministratore oculato (e unico). E malato di onnipotenza scurrile: dal “siete delle merde” ai colleghi in Lega allo “strunz” appioppato ad un collaboratore del sindaco accomunato ad una pattuglia di fessi. C’è un’altra cosetta da dire. Che Aurelio Primo è molto vicino – per indole e modo di fare – ai politici che, come si sa e stiamo vedendo in questi giorni, dicono tutto ed il contrario di tutto.

I fatti:

ci si aspettava una maggiore vicinanza alla squadra nel momento topico del campionato. Ha ritenuto di farsi da parte fisicamente. Ma quando ha visto che de Magistris ha impugnato il kalashnikov del rivoluzionario ed ha tuonato contro il Palazzo del calcio e lo Stato, non ha potuto fare a meno di esternare. E l’ha fatto in maniera soft. Senza accanirsi troppo contro la società rivale storica. Poi, c’è stata la contestazione del popolo sanpaolino sintetizzabile in due slogan: “Sarri, uno di noi” e “Presidè, caccia ‘e sorde”. Tutto molto sciatto e ingeneroso.

E quindi

toccato sul vivo e sull’ipotetica tasca, Aurelio Primo s’è rizelato. Ed è esploso: contro il Comune per i lavori allo stadio (una querelle che a mio sommesso avviso vede de Magistris dalla parte della ragione) e contro il Palazzo del calcio che avrebbe contribuito al furto di otto punti. Tutti da verificare, ma ciò comporta conti noiosi e fastidiosi dovendo calcolare in entrata e in uscita.

Detto questo

descritto il personaggio che ama se stesso più di Narciso, non si può non riconoscere ad Aurelio Primo il dono doppio di imprenditore e amministratore di successo. Sarebbe da ciechi, da ottusi non constatarlo. Tralascio la storia vecchia, la società acquistata per un pugno di dollari e ricordo al colto ed all’inclita che la cavalcata del Napoli – dalla serie C in poi – è stata semplicemente fantastica. All’inizio della vicenda, quando mancavano anche i palloni, ma con un pubblico appassionato e caliente che tanto ha contribuito alle sorti della squadra azzurra: con speranza, lacrime, gioie ed incassi. Neanche nell’epoca d’oro maradoniana l’azzurro del Napoli è stato anno dopo anno in prima fila nell’Europa che conta, che porta fama e soldi.

Certo, si gradirebbe un altro passetto in avanti

Per poter programmare nuovi successi, in Italia e in Europa. O meglio: tentare di ottenerli. Acquisire la mentalità dei vincenti che non è certo quella delle scelte. Per chiarirci: punto allo scudetto e quindi giochicchio in tutte le altre manifestazioni. E qui mi trovo d’accordo con Aurelio Primo che spesso ha rimproverato alcune scelte (fisime) di Sarri che, comunque, ha dato alla squadra il volto della bellezza. Riconosciuta in tutta Europa ed anche più in là. Ma non è questo il momento (c’è una inevitabile ricostruzione in arrivo) di guardarsi – presidente ed allenatore – come separati in casa. Si parlino, decidano, programmino. Anche per rispetto di un bene comune: la squadra. Che con poco potrà avere un futuro sempre più radioso. Insomma, c’è un appello da fare, essere “normali” in questa martoriata città, almeno quando si parla di calcio.

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l'Udinese, al Maradona finisce 5-1, azzurri al secondo posto in attesa delle sfide di domani. Il Napoli strapazza l'Udinese - Dopo essersi insediati in zona Champions, gli azzurri cercano di consolidare la posizione in classifica, Gattuso schiera...

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te