Maggio 1860, lo sbarco dei Mille a Marsala

da | Mag 8, 2018 | Storia, Sud100cento | 0 commenti

Maggio 1860, così ebbe inizio la colonizzazione del Regno.

Esattamente 158 anni fa, l’11 maggio 1860, indisturbato per ordine del corrotto comandante borbonico Acton e protetto dal benevolo occhio della marina inglese, ufficialmente di stanza nel porto per proteggere “esclusivamente” gli interessi economici derivanti dello sfruttamento delle fabbriche siciliane di zolfo e sale, l’“eroe dei due mondi” sbarcava a Marsala con la violenta truppa mercenaria di 1.162 uomini (tra cui, unica donna, la moglie del siciliano Francesco Crispi) su due imbarcazioni, il Piemonte ed il Lombardo, noleggiate dall’armatore Rubattino ai prezzolati garibaldini, grazie ad una sostanziosa fidejussione dei Savoia, di 500mila lire.

Cominciò e continuò così, con l’inganno, la corruzione, la spoliazione ed il depauperamento di tutte le ricchezze del Regno delle due Sicilie, la colonizzazione del Sud Italia e l’inizio della Questione Meridionale. Ben diversamente dall’agiografia risorgimentale, dobbiamo ricordare che il Sud venne invaso, senza dichiarazione di guerra, dagli indebitati Savoiardi e che l’11 maggio iniziò la tragedia umana di un intero popolo che, credendo che con l’avvento di Garibaldi avrebbe agognato alla possibilità di avere terre per vivere, si trovò da lì a poco, con un nuovo sovrano, un nuovo padrone e tasse decuplicate .

Fu gioco facile la conquista del Sud se consideriamo che Ferdinando II, erroneamente, assieme alla mancata e sempre promessa “riforma agraria”, mai aveva voluto rafforzare militarmente lo Stato, tanto da affermare di stare tranquillo in quanto il suo Regno era ”protetto dall’acqua santa e dall’acqua di mare” con evidenti riferimenti al Papato e all’agguerritissima marina borbonica che però nelle mani dei suoi fratelli, Leopoldo e Luigi, sospettati di aver corrotto, attraverso la massoneria, tutti i capitani delle navi da guerra duosiciliane a favore della causa italiana (da cui il detto napoletano “Mannaggia a marina”), consegnò di fatto il Regno dei Borbone alla dinastia dei Savoia.

Il resto è storia concorde nelle date e negli avvenimenti ma non nella lettura dei fatti la cui interpretazione, così come ci insegnano le nostre pregresse esperienze, è sempre scritta secondo la volontà del vincitore: Garibaldi proseguì la sua conquista ed assunse il titolo di dittatore della Sicilia in nome dell’Italia e del Re, nominando Salemi capitale d’Italia, la quale fu la prima ad assumere tale titolo e a conservarlo per un giorno. Proseguì nel continente grazie agli appoggi precostituiti di traditori e lestofanti al servizio degli inglesi e della causa italica, arrivò a Napoli il 7 settembre e con la battaglia del Volturno costrinse alla fuga Francesco II e la sua corte.

Successivamente si tennero i falsi plebisciti che sancirono l’annessione dei territori delle Due Sicilie al Regno sabaudo che fagocitò banche, riserve auree, fabbriche, risorse minerarie, imbarcazioni, beni demaniali facendo subire a quello che era, senza retorica e patetismi, il glorioso Regno delle Due Sicilie, non solo il danno ma anche la beffa di essere diventato colonia con un popolo emigrante suo malgrado, terra di manovalanza dei veri delinquenti dai colletti bianchi che non abitano certamente qui da noi, la parte piagnona che non riparte per i suoi limiti, la sanguisuga che succhia senza limiti le risorse pubbliche, il che, come studi rigorosi denunciano, non è affatto vero ma che fa tanto comodo alla tecnocrazia e ai politici senza scrupoli far credere che sia così perché in realtà il Nord non esisterebbe se il Sud si ribellasse. Ed allora siamo veramente convinti che lo sbarco di Garibaldi nelle nostre Terre sia qualcosa da celebrare?

Amalfi e il miracolo di Sant’Andrea

Amalfi e il miracolo di Sant’Andrea

Amalfi, una delle perle della Costiera Amalfitana, è un luogo ricco di storie e leggende, e tra queste, una è conosciuta con il nome di "miracolo di Sant'Andrea". La storia è ambientata nel periodo medioevale, quando la città di Amalfi era minacciata di essere...

Vietri sul Mare: la leggenda dei “Due Fratelli”

Vietri sul Mare: la leggenda dei “Due Fratelli”

Tra le bellezze della Costiera Amalfitana ritroviamo la nota Vietri sul Mare, un luogo sospeso tra mito e realtà, un luogo che è caratterizzato dalla presenza di due scogli identici che si posizionano tra la costa ed il mare. I due scogli in questione sono diventati...

Le origini dei laghi Flegrei: lago Lucrino e d’Averno

Le origini dei laghi Flegrei: lago Lucrino e d’Averno

Continua la nostra collaborazione con il geologo Bruno De Simone per concludere il capitolo sui laghi dei Campi Flegrei. Stavolta le nostre attenzioni sono rivolte sullo studio del lago Lucrino e a seguire del lago d'Averno. Il lago di Lucrino è un lago di barra...

Cenerentola e Lady Oscar sono napoletane

Cenerentola e Lady Oscar sono napoletane

Cenerentola, favola dei fratelli Grimm, diventata famosa soprattutto per la trasposizione cinematografica Disney, in realtà era una fiaba del ‘600 di Giambattista Basile: La Gatta Cenerentola. Faceva parte della collana “Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de...

Alla scoperta dei laghi: Fusaro e Miseno

Alla scoperta dei laghi: Fusaro e Miseno

Il geologo Bruno De Simone ha eseguito per molti anni degli studi sui laghi dei Campi Flegrei, e da tali studi, vi racconteremo cosa è emerso. Come è noto, i laghi dei Campi flegrei sono quattro: Fusaro, Miseno, Averno e Lucrino. Essi rappresentano ecosistemi...

Campi Flegrei nati da due eruzioni

Campi Flegrei nati da due eruzioni

I Campi Flegrei un tempo non esistevano. Questa terra, creata dall'attività costruttiva dei vulcani, è ricca di bellezze naturali e di un patrimonio archeologo e artistico inestimabile. Una terra dove si insediarono prima i greci e poi i romani. L'isola di Nisida, per...

Giro d’Italia? Meglio delle Due Sicilie

Giro d’Italia? Meglio delle Due Sicilie

di Gennaro De Crescenzo* Il dibattito in questi giorni è vivace: il Giro d'Italia anche quest'anno ha di fatto cancellato il Sud con l'eccezione di una fugace apparizione pugliese e abruzzese, tra San Giovanni Rotondo e Vasto-L'Aquila. In queste ore una provocazione...

Oggi Carlo di Borbone cambiò la storia

Oggi Carlo di Borbone cambiò la storia

di Gennaro De Crescenzo Era la mattina del 10 maggio del 1734, era un lunedì ed esattamente 285 anni fa la città di Napoli era pronta per una festa che non era nuova nella sua storia: stava per arrivare un nuovo re. Ma quella sarebbe stata una festa diversa perché...

Il naufragio di Costantino e la chiesa di San Giovanni

Il naufragio di Costantino e la chiesa di San Giovanni

Tra i frammenti della tradizione popolare napoletana ritroviamo un antico racconto che vede come protagonista l'imperatore Costantino e parte della sua famiglia. Il racconto narra di un terribile naufragio che colpì il re, la figlia Costanza e la nipote Patrizia,...

San Pietro, Candida e Aspreno

San Pietro, Candida e Aspreno

Questo racconto è stato trasmesso nei secoli oralmente, per tanto non ha mai avuto una stesura definitiva. Prima che la parola di Cristo arrivasse fino alla città di Napoli, i napoletani erano devoti agli dei pagani e dedicavano loro sacrifici e preghiere su di un...

Castel Capuano e le grida di Giuditta

Castel Capuano e le grida di Giuditta

Castel Capuano,che un tempo è stato sede della sezione civile e penale del tribunale di Napoli, risulta essere, prima ancora di Castel dell'Ovo, il più antico castello della città. Fu costruito nella metà del XII secolo, di origine normanna e prende il suo nome dalla...

La strega del Vesuvio

La strega del Vesuvio

Napoli e il Vesuvio, emblema di potenza distruttrice e di infinita bellezza, ma anche scenario di tante leggende. Tra queste quella della "Strega del Vesuvio", risalente al 1858, e tramandata solo oralmente, che inizia con un'irruenta eruzione del vulcano. Il fenomeno...

Quando Ribera temeva la “Pietà” di Stanzione

Quando Ribera temeva la “Pietà” di Stanzione

La  Certosa di San Martino è tra i più grandi complessi monumentali religiosi di Napoli. Sorge sulla collina del Vomero, vicino al Castel Sant'Elmo, e regala una splendida vista su tutta la città e il suo magnifico golfo. Contiene la chiesa dedicata a San Martino che...

Amore e gelosia a Palazzo Donn’Anna

Amore e gelosia a Palazzo Donn’Anna

Napoli è avvolta da molteplici miti e leggende che si nascondono tra le sue antiche strade e quartieri, dove il sacro e il profano si incontrano dando luce a storie misteriose. Ricco di fascino è il Palazzo Donn'Anna, una costruzione in tufo risalente al XVII secolo,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te