Maggio 1860, lo sbarco dei Mille a Marsala

da | Mag 8, 2018 | Storia, Sud100cento | 0 commenti

Maggio 1860, così ebbe inizio la colonizzazione del Regno.

Esattamente 158 anni fa, l’11 maggio 1860, indisturbato per ordine del corrotto comandante borbonico Acton e protetto dal benevolo occhio della marina inglese, ufficialmente di stanza nel porto per proteggere “esclusivamente” gli interessi economici derivanti dello sfruttamento delle fabbriche siciliane di zolfo e sale, l’“eroe dei due mondi” sbarcava a Marsala con la violenta truppa mercenaria di 1.162 uomini (tra cui, unica donna, la moglie del siciliano Francesco Crispi) su due imbarcazioni, il Piemonte ed il Lombardo, noleggiate dall’armatore Rubattino ai prezzolati garibaldini, grazie ad una sostanziosa fidejussione dei Savoia, di 500mila lire.

Cominciò e continuò così, con l’inganno, la corruzione, la spoliazione ed il depauperamento di tutte le ricchezze del Regno delle due Sicilie, la colonizzazione del Sud Italia e l’inizio della Questione Meridionale. Ben diversamente dall’agiografia risorgimentale, dobbiamo ricordare che il Sud venne invaso, senza dichiarazione di guerra, dagli indebitati Savoiardi e che l’11 maggio iniziò la tragedia umana di un intero popolo che, credendo che con l’avvento di Garibaldi avrebbe agognato alla possibilità di avere terre per vivere, si trovò da lì a poco, con un nuovo sovrano, un nuovo padrone e tasse decuplicate .

Fu gioco facile la conquista del Sud se consideriamo che Ferdinando II, erroneamente, assieme alla mancata e sempre promessa “riforma agraria”, mai aveva voluto rafforzare militarmente lo Stato, tanto da affermare di stare tranquillo in quanto il suo Regno era ”protetto dall’acqua santa e dall’acqua di mare” con evidenti riferimenti al Papato e all’agguerritissima marina borbonica che però nelle mani dei suoi fratelli, Leopoldo e Luigi, sospettati di aver corrotto, attraverso la massoneria, tutti i capitani delle navi da guerra duosiciliane a favore della causa italiana (da cui il detto napoletano “Mannaggia a marina”), consegnò di fatto il Regno dei Borbone alla dinastia dei Savoia.

Il resto è storia concorde nelle date e negli avvenimenti ma non nella lettura dei fatti la cui interpretazione, così come ci insegnano le nostre pregresse esperienze, è sempre scritta secondo la volontà del vincitore: Garibaldi proseguì la sua conquista ed assunse il titolo di dittatore della Sicilia in nome dell’Italia e del Re, nominando Salemi capitale d’Italia, la quale fu la prima ad assumere tale titolo e a conservarlo per un giorno. Proseguì nel continente grazie agli appoggi precostituiti di traditori e lestofanti al servizio degli inglesi e della causa italica, arrivò a Napoli il 7 settembre e con la battaglia del Volturno costrinse alla fuga Francesco II e la sua corte.

Successivamente si tennero i falsi plebisciti che sancirono l’annessione dei territori delle Due Sicilie al Regno sabaudo che fagocitò banche, riserve auree, fabbriche, risorse minerarie, imbarcazioni, beni demaniali facendo subire a quello che era, senza retorica e patetismi, il glorioso Regno delle Due Sicilie, non solo il danno ma anche la beffa di essere diventato colonia con un popolo emigrante suo malgrado, terra di manovalanza dei veri delinquenti dai colletti bianchi che non abitano certamente qui da noi, la parte piagnona che non riparte per i suoi limiti, la sanguisuga che succhia senza limiti le risorse pubbliche, il che, come studi rigorosi denunciano, non è affatto vero ma che fa tanto comodo alla tecnocrazia e ai politici senza scrupoli far credere che sia così perché in realtà il Nord non esisterebbe se il Sud si ribellasse. Ed allora siamo veramente convinti che lo sbarco di Garibaldi nelle nostre Terre sia qualcosa da celebrare?

La nascita di Neapolis

La nascita di Neapolis

Seconda tappa nel viaggio alla scoperta della storia della nostra città dalla fondazione ad oggi Una terra baciata dagli dei: a Nord alture imponenti che proteggevano dai venti, a Sud lo scenario di uno splendido mare, ad Est il misterioso pennacchio del Vesuvio e ad...

La sirena Partenope

La sirena Partenope

La storia di Napoli dalla nascita ai giorni nostri. La leggenda delle origini della città Dalla leggenda della sirena Partenope all’insediamento di Cuma Napoli (Neapolis, nuova città) ha almeno tremila anni di storia, senza contemplare il periodo preistorico del...

Un giorno della memoria per tutti

Un giorno della memoria per tutti

Non solo la Shoah: in Italia bisognerebbe ricordare anche le date che riguardano il massacro del Sud per unire l’Italia Mercoledì 27 gennaio è stata commemorata la Shoah, termine ebraico che indica una tempesta devastante, la giornata della memoria, per l’Olocausto...

Un’occasione per unire il Sud

Un’occasione per unire il Sud

Le prossime regionali in Calabria, dopo la prematura dipartita della governatrice Jole Santelli, saranno l’ennesimo banco di prova per testare e consolidare, con una tappa in più, quella mai sopita idea di unione politica con testa, cuore e sede nella nostra amata...

I Savoia, una stirpe che l’Italia protegge

I Savoia, una stirpe che l’Italia protegge

Una norma italiana del 2002 consentì il rientro degli eredi della sanguinosa dinastia. Un rientro in Patria per i discendenti che si rivelò un vero e proprio boomerang per il Governo italiano al quale i Savoia, non paghi di questa benevolenza concessa per volere...

Cambiare la toponomastica? Abbiamo scoperto che si può fare

Cambiare la toponomastica? Abbiamo scoperto che si può fare

Cambiare la toponomastica? Se ci sono davvero volontà e giuste motivazioni si può. È questo il messaggio che arriva dopo aver intitolato, meritatamente, al nostro compianto Diego Armando Maradona, con una semplice delibera del Consiglio comunale di Napoli, lo stadio...

L’8 dicembre: più di una festa

L’8 dicembre: più di una festa

In questa data si celebra l’Immacolata Concezione, patrona del Regno delle due Sicilie ma anche altro L’otto dicembre, una data che un tempo non rappresentava soltanto un’importante ricorrenza religiosa per il popolo del Regno delle due Sicilie profondamente devoto...

L’eroe che ha difeso Napoli dall’Italia

L’eroe che ha difeso Napoli dall’Italia

La morte del campione argentino, che si sentiva napoletano, vista attraverso il calcio come fattore identitario Sappiamo tutti che il Napoli Calcio non è solamente la squadra di calcio della città di Napoli nonché la più blasonata dell’Italia meridionale. Ed è anche...

Perché comprare prodotti del Sud Italia, ora più che mai

Perché comprare prodotti del Sud Italia, ora più che mai

“Compra Sud” (locuzione che racchiude oramai diverse associazioni, movimenti e politiche di acquisto)  nasce, esclusivamente, dall’amore per la nostra Terra, il Sud Italia vittima passiva di reiterate spoliazioni. Si sente il bisogno, in tempi di crisi globali, di...

L’impero e la “peste antonina”

L’impero e la “peste antonina”

Tra le grandi epidemie che hanno seminato distruzione e morte nell’antichità abbiamo già parlato della peste di Atene. Ma anche l’antica Roma fu sconvolta da una terribile pandemia, conosciuta con il nome di “peste antonina” o “peste di Galeno” dal nome di colui che...

Quando la peste decimò Atene

Quando la peste decimò Atene

Il Coronavirus, dopo aver seminato panico e morte in Cina e in alcune nazioni dell’Asia, sta ora provocando una strage senza limiti in Europa, con particolare accanimento in Italia. Ma la storia dell’antichità è costellata da epidemie del genere, che provocarono...

Chiesa dei Santi Cosma e Damiano: restauro quasi ultimato

Chiesa dei Santi Cosma e Damiano: restauro quasi ultimato

Sono trascorsi due anni e finalmente possiamo dire che il restauro della Chiesa dei Santi Cosma e Damiano può considerarsi quasi ultimato. I lavori della chiesa, ubicata in largo banchi nuovi e di proprietà della Curia arcivescovile, sono stati formalizzati nel 2017,...

Via Carbonara: una storia tra sangue e rifiuti

Via Carbonara: una storia tra sangue e rifiuti

Procedono i lavori del Grande Progetto UNESCO in via Carbonara. Ci troviamo in una zona fuori dalle mura della città di Napoli, un luogo che nel lontano medioevo era chiamato ad carbonetum: destinato a raccogliere i rifiuti fuori dalle mura cittadine. Via Carbonara...

Porta Capuana: lavori a rilento del GP UNESCO

Porta Capuana: lavori a rilento del GP UNESCO

Porta Capuana: una porta maestosa affiancata da due torri che rappresenta il più antico ingresso alla città di Napoli. Il Grande Progetto UNESCO ha stanziato circa 1.500.000 euro per riqualificare l'intera area di Porta Capuana, ma, ad oggi, i lavori procedono a...

Ischia: la piccola Islanda

Ischia: la piccola Islanda

L'accostamento dell'isola d'Ischia all'Islanda viene fatto per la presenza di numerose sorgenti termali ad elevata temperatura. Ischia è venuta a formarsi attraverso una serie di attività effusive (colate di lava e duomi) ed esplosive (tufi) di numerosi vulcani. Il...

Procida e il miracolo di San Michele Arcangelo

Procida e il miracolo di San Michele Arcangelo

Procida, la più piccola isola del Golfo di Napoli, presenta una distanza minima dalla terraferma ed è collegata con un piccolo ponte alla vicina isola di Vivara. Le sue coste danno vita a meravigliose baie e promontori molto ambiti soprattutto nel periodo estivo. Gli...

Capri: la leggenda della campanella di San Michele

Capri: la leggenda della campanella di San Michele

Capri, una tra le isole più belle al mondo, è di sicuro tra le colonne portanti del turismo in Italia. Un'isola ricca di bellezza e fascino che cela anche alcune leggende. Tra queste la più antica è quella della campanella di San Michele. La leggenda vede come...

La storia mitologica sull’origine di Ischia

La storia mitologica sull’origine di Ischia

Non tutti sanno che le origini di Ischia, la nota isola verde, sono legate ad un'antichissima storia mitologica. Una storia, a metà strada tra mito e leggenda, che inizia con la furiosa lotta dei Titani che presero d'assalto l'Olimpo, rivoltandosi contro il re degli...

La leggenda sulla ninfa che ha dato il nome alla città di Amalfi

La leggenda sulla ninfa che ha dato il nome alla città di Amalfi

Ogni anno la costiera amalfitana dà il benvenuto a un fiume di turisti, italiani e stranieri, mossi dalla curiosità di visitare le bellezze storiche-artistiche e paesaggistiche che regala l'intera costiera. Tra le mete più ambite ritroviamo la città di Amalfi. Di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te