Invio del 730 precompilato: da oggi possibili le modifiche

da | Mag 8, 2018 | Rubrica Fiscale | 0 commenti

Modello 730 precompilato:
dal 2 maggio accettazione e invio

Dal 2 maggio, è possibile accettare, modificare e inviare all’Agenzia delle Entrate il modello 730 precompilato tramite l’applicazione web. Anche sul modello Redditi PF 2018 precompilato si può intervenire modificandolo, ma può essere inviato alle Entrate a partire dal 10 maggio 2018. L’operazione 730 precompilato chiude i battenti il 23 luglio, mentre per il modello Redditi la saracinesca si abbassa il 31 luglio.

Dal 7 maggio parte la compilazione assistita.

Ma il 2018 si connota per una importante novità: dal 7 maggio inizia la ”compilazione assistita”, che offre al contribuente la possibilità di modificare un singolo documento di spesa o aggiungerne uno che manca (ad esempio, uno scontrino della farmacia non presente nel Sistema tessera sanitaria).

Chi accetta non deve dimostrare i documenti giustificativi delle spese detraibili.

I contribuenti ed i professionisti hanno avuto a disposizione 15 giorni – dal 16 aprile scorso – per visualizzare i dati utilizzati dall’Agenzia delle Entrate per elaborare le dichiarazioni precompilate. Ora è venuto, però, il momento di decidere. Chi accetta totalmente il precompilato o effettua modifiche che non incidono sulla determinazione del reddito si assicura dal controllo formale dei documenti che attestano le spese sostenute e, dopo l’invio della dichiarazione, il cittadino può considerare terminata la questione reddituale 2018. Se ci si è affidati ai Caf, saranno questi, che appongono il “bollino blu” sulla dichiarazione (il visto di conformità), a dover esibire, a richiesta, la documentazione al posto degli assistiti.

Chi modifica può essere soggetto al controllo formale.

Il contribuente può però decidere di apportare modifiche alla precompilata: si considera modificata se si effettuano variazioni o integrazioni dei dati indicati nella dichiarazione che incidono sulla determinazione del reddito o dell’imposta, comprese le variazioni che, anche se non modificano il risultato finale della dichiarazione, intervengono sui singoli importi del modello 730 precompilato. Se viene presentata una dichiarazione modificata, il contribuente non beneficia dello scudo previsto per il caso dell’accettazione e può essere soggetto al controllo formale.

Il ripensamento è possibile fino al 20 giugno.

Dopo la trasmissione della dichiarazione, è consentito annullare l’invio effettuato e procedere con uno nuovo fino alla data del 20 giugno 2018. L’annullamento sarà possibile una sola volta.

Dati precaricati.

Nel 2018 sono state aumentate le tipologie di spese inserite nel 730 precompilato e per alcune di esse deve essere data conferma da parte del contribuente. È il caso del sisma bonus, che prevede detrazioni fiscali per la messa in sicurezza degli edifici, delle spese sanitarie, della tassa Airbnb, degli affitti universitari fuori sede.

730/2018 Editabile.

L’agenzia delle Entrate comunica che è disponibile online la versione del 730/2018 compilabile direttamente al computer. Per visualizzare il modello è sufficiente disporre di un programma adatto alla lettura e alla stampa di file in formato pdf. Dopo la sua compilazione, il modello, che non si può inviare telematicamente, va presentato al sostituto d’imposta o al soggetto che presta l’assistenza fiscale.

Reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è stato un punto focale della campagna del M5s e potrebbe vedere la luce nel 2019. E’ rappresentato da un contributo monetario che lo Stato garantisce alle famiglie in difficoltà che non percepiscono reddito o con redditi molto bassi, in...

Piano nazionale Industria 4.0: incentivi fiscali

Piano nazionale Industria 4.0: incentivi fiscali

Industria 4.0, anche detta quarta rivoluzione industriale, è il fenomeno più quotato del momento in tema di innovazione, definito, pertanto, come il processo che porterà alla produzione industriale del tutto automatizzata e interconnessa. In Europa sono scattati una...

Nuove imprese a tasso zero

Nuove imprese a tasso zero

“Nuove imprese a tasso zero” è l’incentivo, promosso da Invitalia, per i giovani tra i 18 e i 35 anni e le donne, in tutta Italia, che vogliono diventare imprenditori. In caso di compagine societaria, la maggioranza numerica e delle quote dovrà essere composta da...

Beni strumentali: la “Nuova Sabatini”

Beni strumentali: la “Nuova Sabatini”

Istituita dal decreto-legge n. 69-2013, la Nuova Sabatini è l’agevolazione messa a disposizione dal MISE con l’obiettivo di facilitare l’accesso al credito delle imprese e accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese. La misura sostiene gli...

E-commerce: obblighi fiscali per l’apertura.

E-commerce: obblighi fiscali per l’apertura.

Oggi l’E-commerce rappresenta una grande opportunità di business, per di più associato al Social Commerce, ovvero sfruttando la sinergia dei social network per la vendita grazie all’interazione tra utenti e allo scambio di feedback. Ma se da un lato è vero che,...

Deduzioni e detrazioni: quali differenze.

Deduzioni e detrazioni: quali differenze.

Spesso si crea confusione tra spese deducibili e spese detraibili, ma in realtà, deduzione e detrazione non sono sinonimi. Le detrazioni fiscali, o gli oneri detraibili, sono quelle spese che possono essere sottratte direttamente dall’importo delle imposte da pagare,...

Crowdfunding: una forma di finanziamento in espansione

Crowdfunding: una forma di finanziamento in espansione

Il 'crowdfunding' è un particolare tipo di finanziamento collettivo che, sfruttando le potenzialità di Internet, consente a coloro che hanno delle idee o delle necessità, ma non i tutti i fondi per realizzarle o soddisfarle, di provare ad accedere a risorse economiche...

Artigiancassa: cos’è e cosa fare

Artigiancassa: cos’è e cosa fare

Il Prestito Artigiancassa è un tipo di finanziamento a tasso fisso o variabile, destinato all'acquisto di beni e servizi strumentali all’attività d’impresa e destinato all'impresa artigiana. Si definisce impresa artigiana quella in cui vengono creati dei manufatti e...

Il 5 per mille come funziona?

Il 5 per mille come funziona?

Tutti conoscono il 5 per mille, ma come funziona? Ecco in cosa consiste e i due modi per devolverlo Si sente tanto parlare del 5 per mille, ma non tutti gli italiani ne comprendono appieno il significato, cerchiamo allora di fare un po’ di chiarezza. Che cos’è il 5...

2019: addio alle detrazioni fiscali per l’edilizia?

2019: addio alle detrazioni fiscali per l’edilizia?

Nella legge di bilancio 2019 potrebbe essere avviato il tanto temuto taglio delle agevolazioni fiscali, frutto dell’introduzione della flat tax. La revisione del sistema fiscale porterà, inevitabilmente, ad una revisione delle deduzioni e detrazioni ad oggi in essere...

SPID obbligatorio entro il 2018

SPID obbligatorio entro il 2018

SPID è l’acronimo di sistema pubblico di identità digitale e consente l’accesso ai servizi online delle pubbliche amministrazioni. L’Agenzia delle Entrate ha reso noto che, entro il 2018, i contribuenti dovranno adeguarsi al nuovo sistema, in quanto le credenziali...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te