Il dialetto napoletano va in aula

da | Apr 23, 2018 | Cultura&Spettacolo, Sud100cento | 0 commenti

L’Accademia Napoletana ha inviato una richiesta per riconoscere il napoletano come lingua e bene immateriale dell’Unesco.

Il presidente dell’accademia, Massimiliano Verde, crede che sia necessario tutelarlo dai rischi che potrebbero derivare dal progressivo esaurirsi della tradizione orale (un dialetto che al suo interno racchiude un ricco patrimonio culturale). L’associazione di promozione sociale I Lazzari ha avuto l’idea di lanciare un corso linguistico gratuito per imparare il napoletano: un valido modo per difendere la lingua e preservarla nel tempo.

Il corso

La lezione inaugurale si è svolta all’interno del Palazzo Venezia è stata introdotta da una serie di quesiti: il napoletano è una lingua o un dialetto? Perché studiarlo? Che impatto ha la comunicazione dialettale sui social network? Il corso formativo si struttura in dieci lezioni (storia, ortografia, grammatica, etimologia) e comprende esercitazioni scritte e di lettura per insegnare bene la corretta forma scritta e la giusta pronuncia, riponendo l’attenzione sugli errori più comuni e studiando l’etimologia dei vocaboli per capirne la storia e l’origine. A fine corso verrà anche rilasciato un attestato di: “Lazzara/o verace”.

“L’uso del napoletano era un fatto ideologico, era una difesa. Era il desiderio di non accettare le regole per non tradire la mia cultura, le mie origini” così esordiva Massimo Troisi parlando della sua lingua, una lingua che sentiva sua e gli apparteneva al punto da identificarsi.

Una frase detta in napoletano, grazie all’enfasi dialettale, rende il concetto da subito più chiaro. Non servono tante parole per farsi capire, un esempio? I love you, tradotto: te voglio bbene assaje, è n’ata cosa! Allora impariamo a voler bene al dialetto e a tenercelo stretto:

gghiammo bbello, ja’, pecché ‘o nnapulitano s’ha dda sapè parlà e sscrivere bbuono!

Musica, ecco “Niente è niente”

Musica, ecco “Niente è niente”

Il nuovo progetto musicale degli artisti partenopei Olga De Maio e Luca Lupoli che unisce pop e lirica Si chiama “Niente è niente” il nuovo progetto discografico del soprano Olga De Maio e del tenore Luca Lupoli, noti artisti lirici partenopei ed internazionali,...

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

Il retroscena del libro del noto giornalista-scrittore sul santo protettore degli ammalati “Ho avuto due infarti nel giro di nove mesi, e ogni volta dicevo ‘San Ciro, pensaci tu, patrono del paese’. Sto ancora qui, e allora ho scritto un libro sul millenario culto del...

Il Gran Concerto di Capodanno

Il Gran Concerto di Capodanno

Musica, canto, danza e spettacolari acrobazie circensi al Teatro delle Palme Il Gran Concerto di Capodanno: tra musica, canto, danza e spettacolari acrobazie circensi per festeggiare l’arrivo del nuovo anno in allegria e spensieratezza. Il primo gennaio 2022, alle ore...

L’album omaggio a Pino Daniele

L’album omaggio a Pino Daniele

Il nuovo disco strumentale del musicista napoletano Sergio Esposito dedicato al grande artista “In questo viaggio appassionato non è stato semplice individuare, tra le tante e diverse ‘perle’ del suo repertorio, quelle che meglio potessero adattarsi al nostro organico...

I grandi concerti delle festività

I grandi concerti delle festività

Due incredibili appuntamenti con la musica e il belcanto con gli artisti dell’associazione Noi per Napoli L’8 dicembre con la Festa dell’Immacolata si entra e si inizia a vivere, respirare l’atmosfera vera e propria del Natale e l’associazione culturale Noi per Napoli...

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Grande successo ieri sera al ristorante Le Stanze a Capo Posillipo degli Alma Partenopea per un concerto sold out davanti a un pubblico entusiasta per la loro musica. La band composta da Gianni Guarracino alla chitarra, Andrea Carboni alle percussioni e Leo D’Angelo...

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te