Street Art, Tvboy elegge Napoli come musa

da | Apr 17, 2018 | Cronaca, Cultura&Spettacolo | 0 commenti

Street Art. Tvboy, divenuto celebre per il “bacio tra Salvini e Di Maio”, ha riempito le strade del centro storico con i suoi graffiti

Non solo i grandi maestri del passato hanno prediletto Napoli come tela per le proprie opere. Da qualche anno, infatti, la street art ha individuato nella nostra città un grandioso potenziale artistico. Questa volta tocca a Tvboy, esponente del movimento NeoPop, che deve la sua popolarità ai suoi chiacchieratissimi graffiti. Come dimenticare il celebre stencil del bacio tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini, comparso nella capitale proprio nel giorno dell’insediamento del nuovo Parlamento e rimosso in brevissimo tempo.

Ebbene, Tvboy ha di recente scelto i vicoli di Napoli per la sua urban art. Ecco, dunque, troneggiare Totò a vico Figurari, rappresentato mentre trattiene tra le mani una bomboletta spray. E non è il solo: accanto alla chiesa di San Nicola al Nilo si può ammirare Diego Armando Maradona, in veste di frate francescano con tanto di aureola, oltre a un’immancabile bandiera del Napoli. Non sarebbe potuto mancare Pino Daniele, anche lui raffigurato come un santo, mentre sorride e suona la chitarra in vico dei Panettieri.

Tvboy ha deciso di onorare anche Pompei della sua musa; tuttavia, il suo lavoro ha potuto godere di una permanenza molto breve sulle mura della città. Il murale rappresentava Papa Francesco nel gesto di sorreggere un cartello con su scritto “L’amore vince”, a manifestare contro l’omofobia. Le ragioni per cui l’artista avrebbe scelto proprio Pompei sono state spiegate sul suo profilo Instagram: il Papa sarebbe pronto a manifestare in prima linea al Gay Pride che si terrà in città a giugno, affinché anche in Italia vengano riconosciuti i diritti delle coppie omosessuali. La Protezione Civile è intervenuta prontamente a rimuovere il poster, situato nei pressi del Santuario della Beata Vergine del Rosario di Pompei. Tvboy non è stato però il primo artista di strada a decorare le mura della città di Napoli. Impossibile non menzionare Banksy, l’urban artist inglese dall’identità ancora ignota, che ha regalato a piazza Gerolonimi la sua Madonna con la pistola, al momento protetta da un plexiglass.

Successo per il Festival delle Arti

Successo per il Festival delle Arti

Grande festa per la cerimonia finale della rassegna di Noi per Napoli giunta alla sua VI edizione Olga De Maio e Luca Lupoli, noti artisti lirici del mondo musicale partenopeo, vincitori di numerosi concorsi internazionali, Pavarotti International, Mascagni, Mario...

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Sicurezza, occupazione, esperienza di gioco. Ecco le tre risposte che il gambling italiano deve dare al futuro. Da quando per la prima volta, per contrastare la diffusione della pandemia Covid 19, i lavoratori del settore del gioco legale hanno dovuto tirare giù la...

Vomero, donna muore in un incendio

Vomero, donna muore in un incendio

Allarme al Vomero attorno alle 12 vigili del fuoco ambulanze e forze dell'ordine dirette verso piazza Fuga. Angoscia dei genitori con i figli che anche stamattina nelle vicine scuole. Una donna 94enne è morta carbonizzata. Al momento si sa che l'incendio era in una...

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

Vaccinarsi contro il Covid in farmacia a Napoli è già realtà ma da oggi, grazie all’iniziativa privata, nei locali della “Croce verde” si potranno “curare” anche il disagio e la solitudine delle persone più deboli. L’idea è semplice e nasce dalla sinergia tra la...

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te