Tutti i nomi celebri dei personaggi di Totò

da | Apr 15, 2018 | Cultura&Spettacolo | 0 commenti

I personaggi di Totò.  Questo articolo è dedicato ad Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio. Non lo conoscete? Strano. Si tratta infatti del principe della risata Antonio De Curtis, in arte Totò.

Oggi decorrono 51 anni dalla sua morte e noi, a proposito di denominazioni, abbiamo voluto omaggiarlo analizzando alcuni nomi dei personaggi che ha interpretato ma anche dando una chicca su uno dei suoi film. Cominciamo con Mastr’Agostino Miciacio nel film che lo strappò all’anonimato San Giovanni decollato, in Totò a colori poi è Antonio Scannagatti. Con il nome di Felice Sciosciammocca è presente in tre film: Un turco napoletano, Miseria e nobiltà e Il medico dei pazzi.

Nel film Totò, Fabrizi e i giovani d’oggi è il furbo cavalier Antonio Cocozza, mentre in Chi si ferma è perduto è il dispettoso Antonio Guardalavecchia, che guarda caso ha una moglie attempata, contrapposto a Peppino De Filippo che interpreta Peppino Colabona con una moglie bonazza! Come non ricordare Antonio Capurro ne I due marescialli nella scena in cui un disperato Vittorio De Sica gli dice «Capurro ti ho tanto cercato…» e in onore delle incipienti elezioni non può mancare all’appello Antonio La Trippa nel film Gli onorevoli con il famoso «Vota Antonio, vota Antonio». Un discorso a parte lo abbiamo voluto lasciare per Nicolino Capece in Fifa e Arena in cui Totò è un farmacista che per uno strano gioco del destino viene scambiato per un feroce assassino che ammazza le donne senza pietà perché la sua foto, per uno scambio di identità, viene pubblicata su un giornale locale.

Da quel momento iniziano le sue disavventure fatte di equivoci e risate. Non vi ricorda niente? Ebbene sì. Il mostro di Roberto Benigni che, guarda caso, comincia proprio con lo scambio fortuito della foto del malcapitato con un feroce assassino dal quale si dipana la storia. Inutile aggiungere chi ha copiato chi, basta solo dire che Fifa e arena è uscito nel 1948, Il mostro nel 1994. Volendo essere precisi anche il titolo scelto da Benigni non è originale infatti è preso in prestito da una pellicola del 1977 diretta dal regista Luigi Zampa, con Johnny Dorelli e Sydne Rome.

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te