“La fine del mondo” si chiama Napoli

da | Apr 10, 2018 | Cronaca, Cultura&Spettacolo, Vivere Napoli | 0 commenti

«Napoli può sembrare una città qualunque: caos, violenza, delinquenza metropolitana, ma ha una sua specialità, qualcosa che la fa vibrare: le emozioni quando meno te le aspetti ti inchiodano e non puoi più andare via. Chi sopravvive a Napoli, sopravvive alla sua capacità di turbare e sa che quello che vive quando la attraversa non lo proverà mai più altrove». Così Renato Carpentieri, voce narrante de La fine del mondo, il cortometraggio realizzato dagli studenti del corso di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle arti di Napoli, presentato lo scorso 6 aprile al cinema Modernissimo.
Ilario Franco è l’interprete di un racconto della città che si snoda attraverso vicoli, volti, panorami, le sue tante bellezze e le mille contraddizioni. Un ritratto toccante, poetico a tratti, eppure realistico: Napoli come Marte, «semplicemente diversa»; Napoli senza regole, almeno quelle scritte; Napoli città dell’estro, della creatività, dell’ingegno; Napoli,  dove la «confidenza è un bisogno interiore»;  Napoli città della vera felicità che però è l’«amica intima» e non l’opposto della «pucundria»; Napoli e i napoletani capaci di resistere a tutto, di trasformare i limiti in risorse, dove ogni cosa è un superlativo, Napoli «la peggiore città più bella del mondo».

L’evento ha anticipato l’edizione 2018 di #cuoredinapoli, il progetto promosso e ideato dagli studenti del corso in NTA  dell’Accademia di Belle Arti in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, la Municipalità 2 e alcune associazioni e privati che agiscono sul territorio, che avrà luogo il prossimo 21 aprile ai Quartieri Spagnoli.
Lo spazio del quartiere, che già da due mesi alla Fondazione Foqus ospita i 150 allievi al lavoro per la preparazione dell’evento, sarà lo scenario per la realizzazione di una “una grande scultura antropologica relazionale”, un richiamo artistico per l’intera comunità invitata a partecipare anche semplicemente postando immagini, video, tweet sui social network, alla creazione di un flusso di condivisione, appartenenza, riappropriazione del territorio, meraviglia, compiacimento, amore per Napoli, per una città che è davvero la «fine d’o munno».

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Posillipo e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio teso all'applicazione della normativa anti Covid-19, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in una spiaggia di via Posillipo per...

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te