In Polonia si guadagna più che a Napoli

da | Apr 10, 2018 | Cronaca | 0 commenti

La ricerca. I dati dell’Istituto europeo di statistica rivelano che un partenopeo percepisce mediamente 16.100 euro all’anno

I Paesi dell’Est sono considerati come degli Stati in fase di stallo, per quanto riguarda l’economia. Ma a quanto pare chi si trova davvero in una situazione di incertezza sono proprio i napoletani.

polonia, reddito medio, 300 euroÈ proprio vero, non stiamo scherzando. I dati dell’Istituto europeo di statistica rivelano, infatti, che il reddito medio annuo di un cittadino di Napoli è di 16.100 euro, 300 euro in meno rispetto al reddito medio di un cittadino polacco. L’economia della Polonia nel 2017 è cresciuta del 4,6 per cento; grazie alla forza della domanda interna e, agganciandosi alla ripresa dei grandi partner commerciali occidentali, primo fra tutti la Germania, ha raggiunto il ritmo di espansione più rapido d’Europa degli ultimi sei anni. Bisogna anche ricordare che da quando la Polonia è entrata nell’Unione Europea, nel 2004, il PIL polacco è più che raddoppiato.

Ma fino a qualche decennio fa la Polonia faceva parte dei paesi europei in fase di sviluppo, dopo che era stata impoverita drasticamente dalle guerre e dagli accordi internazionali. Napoli, pur essendo una città costantemente in crescita, sia dal punto di vista turistico che da quello culturale, soffre ancora di numerosi problemi legati all’occupazione e allo sviluppo economico più in generale, che acuiscono il divario con le città del Nord Italia (tanto è vero che è Milano la città con il reddito più alto della Penisola).

Va precisato che i dati non considerano solo quanto le persone producono, ma tengono in conto anche il diverso costo della vita. Affitti più alti e beni più economici, servizi a buon mercato o meno: tutti fattori che nella vita concreta contano almeno quanto lo stipendio che si percepisce. La crisi economica ovviamente non ha fatto che incrementare questo sistema: la recessione in Campania ha comportato una caduta dell’economia dell’1,8%. In questa speciale classifica dell’Istituto europeo di statistica è stato calcolato che il reddito medio dei cittadini che vivono da “Roma in su” è nettamente superiore in confronto con il Sud.

L’unico fiore all’occhiello per il meridione risulta essere, incredibilmente, la città di Catanzaro, con un reddito medio annuo di 20.000 euro. Quella di Napoli, d’altra parte, non è neppure l’area più povera d’Italia: il primato spetta, infatti, a Medio Campidano, in Sardegna, con un reddito di 11.200 euro all’anno. L’area d’Europa con il PIL più alto è invece la parte occidentale di Londra, il cuore finanziario della Gran Bretagna, dove la media supera addirittura i 150 mila euro all’anno. In Germania e in Francia poi, sono tantissime le aree dove il PIL è di settantamila o ottantamila euro.

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Sicurezza, occupazione, esperienza di gioco. Ecco le tre risposte che il gambling italiano deve dare al futuro. Da quando per la prima volta, per contrastare la diffusione della pandemia Covid 19, i lavoratori del settore del gioco legale hanno dovuto tirare giù la...

Vomero, donna muore in un incendio

Vomero, donna muore in un incendio

Allarme al Vomero attorno alle 12 vigili del fuoco ambulanze e forze dell'ordine dirette verso piazza Fuga. Angoscia dei genitori con i figli che anche stamattina nelle vicine scuole. Una donna 94enne è morta carbonizzata. Al momento si sa che l'incendio era in una...

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

Vaccinarsi contro il Covid in farmacia a Napoli è già realtà ma da oggi, grazie all’iniziativa privata, nei locali della “Croce verde” si potranno “curare” anche il disagio e la solitudine delle persone più deboli. L’idea è semplice e nasce dalla sinergia tra la...

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Nei giorni scorsi un uomo è rimasto ferito a un passaggio a livello nei pressi della stazione di Casalnuovo. All’arrivo della chiamata alla Sala Operativa del Compartimento Polfer di Napoli si è subito attivata la macchina dei soccorsi: sul posto è giunto personale...

Restituire la fiducia ai giovani

Restituire la fiducia ai giovani

di Cinzia Rosaria Baldi * Intervista a Emilia Narciso neo presidente Unicef Campania L’Unicef  Italia in questi giorni  festeggia  i trent’anni dalla ratifica nel nostro Paese della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, diritti messi direttamente...

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

È stato completato e consegnato all’Amministrazione Comunale il progetto esecutivo del Lungomare di Napoli, dal titolo "Riqualificazione ciclo-pedonale del Lungomare di Napoli, tratto compreso tra Piazza Vittoria e il Molosiglio". Il progetto, esito di una gara...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te