Battipaglia, la memoria del 9 aprile 1969

da | Apr 10, 2018 | Sud100cento | 0 commenti

È passato quasi mezzo secolo da quel 9 aprile 1969 quando Battipaglia, importante comune della piana del fiume Sele, balzò tragicamente agli onori della cronaca nera per l’assassinio di due giovani vite da parte delle forze dell’ordine intervenute in maniera violenta e brutale nel tentativo di disperdere un corteo di protesta di chi chiedeva solo pane e promesse mantenute.

Battipaglia, che Ferdinando II di Borbone fonda come colonia agricola atta a ospitare gli sfollati del terremoto che colpì il vallo di Diano e parte della Basilicata e che un decreto regio del 1929 di un sabaudo usurpatore fa diventare città, fu distrutta completamente dai bombardamenti degli Alleati anglo-americani (i cui costi di ricostruzione, paradossalmente, li anticiperanno gli americani con il piano Marshall e li ripagherà l’Italia diventando colonia a tutti gli effetti) fu ricostruita completamente con un pessimo piano regolatore che non contemplò nemmeno un sistema fognario, nel 1948 contava quasi 10mila abitanti che nell’illusione del boom economico degli anni 50, all’inizio del 1961, diventarono 35mila perché alle tradizionali aziende di trasformazione di prodotti agricoli si affiancarono per qualche lustro diverse industrie.

battipaglia 1969

Teresa Ricciardi e Carmine Citro | Battipaglia 1969

Lotte partitiche fratricide, pressapochismo, menefreghismo ma soprattutto le possibili ingerenze di un sindaco di Salerno decisamente “salerno-centrico” (Alfonso Menna, un De Luca ante litteram potremmo definirlo, che probabilmente dirottò le scelte di industriali, in larga parte del Nord, all’interno del territorio della città di Salerno certi della benevolenza del sindaco che, coincidenza, in quel tempo aveva anche la carica di presidente dell’istituto finanziario della Cassa per il Mezzogiorno, ente che erogava i finanziamenti a coloro che decidevano di investire nel Sud Italia), causarono una forte crisi.
Cominciarono così, a Battipaglia, i malcontenti e la disoccupazione e di fronte al pericolo della decisione di chiudere le aziende storiche del territorio, da parte della Saim (società agricola industriale del Mezzogiorno): lo zuccherificio (prodotto dalla barbabietola) e il tabacchificio ATI, gli animi dei battipagliesi si esasperarono ulteriormente e quella che fu una giornata di proteste per rivendicare il sacrosanto diritto al lavoro, contro le cattive politiche governative, fu strumentalizzata e bollata come manifestazione eversiva. Nulla di nuovo se non l’ennesima vergogna tutta italiana.

Il testo della canzone “Battipaglia” di Franco Trincale

Battipaglia nove aprile
tutti in piazza sono scesi
rossi, bianchi, d’ogni colore
per difendere il lavoro.
Come sempre li padroni
la sbirraglia hanno mandato
con i mitra caricati
come ad Avola e Viareggio.
Chista è storia di oggi
storia di povera gente
ammazzata come cani
per difendere lu pani.
Nella terra di Campania
dove Cristo s’è fermato
scorre il sangue nella strada
della gente più sfruttata.
Carmine si chiamava
lu guaglione assassinato
e Teresa la maestra
che lu core ci hanno squarciatu.
E la storia si ripete
come sempre c’è l’inchiesta
gli assassini restan fuori
e i poveri in galera.
Un’occasione per unire il Sud

Un’occasione per unire il Sud

Le prossime regionali in Calabria, dopo la prematura dipartita della governatrice Jole Santelli, saranno l’ennesimo banco di prova per testare e consolidare, con una tappa in più, quella mai sopita idea di unione politica con testa, cuore e sede nella nostra amata...

I Savoia, una stirpe che l’Italia protegge

I Savoia, una stirpe che l’Italia protegge

Una norma italiana del 2002 consentì il rientro degli eredi della sanguinosa dinastia. Un rientro in Patria per i discendenti che si rivelò un vero e proprio boomerang per il Governo italiano al quale i Savoia, non paghi di questa benevolenza concessa per volere...

Cambiare la toponomastica? Abbiamo scoperto che si può fare

Cambiare la toponomastica? Abbiamo scoperto che si può fare

Cambiare la toponomastica? Se ci sono davvero volontà e giuste motivazioni si può. È questo il messaggio che arriva dopo aver intitolato, meritatamente, al nostro compianto Diego Armando Maradona, con una semplice delibera del Consiglio comunale di Napoli, lo stadio...

L’8 dicembre: più di una festa

L’8 dicembre: più di una festa

In questa data si celebra l’Immacolata Concezione, patrona del Regno delle due Sicilie ma anche altro L’otto dicembre, una data che un tempo non rappresentava soltanto un’importante ricorrenza religiosa per il popolo del Regno delle due Sicilie profondamente devoto...

L’eroe che ha difeso Napoli dall’Italia

L’eroe che ha difeso Napoli dall’Italia

La morte del campione argentino, che si sentiva napoletano, vista attraverso il calcio come fattore identitario Sappiamo tutti che il Napoli Calcio non è solamente la squadra di calcio della città di Napoli nonché la più blasonata dell’Italia meridionale. Ed è anche...

Perché comprare prodotti del Sud Italia, ora più che mai

Perché comprare prodotti del Sud Italia, ora più che mai

“Compra Sud” (locuzione che racchiude oramai diverse associazioni, movimenti e politiche di acquisto)  nasce, esclusivamente, dall’amore per la nostra Terra, il Sud Italia vittima passiva di reiterate spoliazioni. Si sente il bisogno, in tempi di crisi globali, di...

Cenerentola e Lady Oscar sono napoletane

Cenerentola e Lady Oscar sono napoletane

Cenerentola, favola dei fratelli Grimm, diventata famosa soprattutto per la trasposizione cinematografica Disney, in realtà era una fiaba del ‘600 di Giambattista Basile: La Gatta Cenerentola. Faceva parte della collana “Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de...

Giro d’Italia? Meglio delle Due Sicilie

Giro d’Italia? Meglio delle Due Sicilie

di Gennaro De Crescenzo* Il dibattito in questi giorni è vivace: il Giro d'Italia anche quest'anno ha di fatto cancellato il Sud con l'eccezione di una fugace apparizione pugliese e abruzzese, tra San Giovanni Rotondo e Vasto-L'Aquila. In queste ore una provocazione...

Pulcinella: origini e segreti della maschera simbolo di Napoli

Pulcinella: origini e segreti della maschera simbolo di Napoli

Pulcinella, la maschera partenopea più irriverente della Commedia dell’Arte affonda le sue origini nelle antiche rappresentazioni teatrali romane, le Atellanae. Qualcuno infatti lo associa a Maccus, personaggio ghiottone delle Atellanae, altri a Kikirrus per la sua...

Populismo, intelligenza artificiale e lavoro

Populismo, intelligenza artificiale e lavoro

Il futuro deciso dai potenti riuniti al Lingotto Ancora una volta gli uomini del Sud anticipano tutti e profetizzano il ruolo del Bilderberg. Come accade da ben 64 anni, da quando per la prima volta si tenne, almeno ufficialmente, la prima conferenza presso l’hotel De...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te