Star Wars day, Napoli in prima fila

da | Apr 9, 2018 | Cultura&Spettacolo, Vivere Napoli | 0 commenti

Star Wars. Da piazza del Plebiscito all’Archeologico, dove sarà inaugurata la mostra “MannHero”

Gli esperti non hanno dubbi. Tra pochissimo Napoli sarà interessata da un movimentato “attacco alieno” con personaggi sui generis che s’impossesseranno (positivamente) della città. Il 4 maggio, in occasione dello Star Wars day, giornata mondiale dedicata alla saga cinematografica cult creata da George Lucas, Partenope ricoprirà, infatti, un ruolo di spicco ospitando uno degli eventi più suggestivi legati a “Guerre Stellari”.

Un’occasione megagalattica anticipata da immagini teaser realizzate dall’Accademia del Fantastico, che mostrano grosse astronavi sorvolare la metropoli. Organizzato da Italian Zoetrope in collaborazione con le associazioni Satyrnet e Galaxy, con l’alto patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e con la partecipazione della 501st Legion Italica Garrison, della Rebel Legion Italian Base, Saber Guild e dell’Italy Stronghold – Mandalorian Mercs Costume Club, gruppi di costuming ufficialmente riconosciuti da Lucas Film, l’appuntamento prenderà il via con una grande parata che da piazza del Plebiscito, attraverso via Toledo, si concluderà al Museo Archeologico Nazionale, dove sarà possibile vivere una vera e propria Star Wars Experience in compagnia dei propri eroi. Dai mitici Stormtrooper a Darth Vader passando per la Principessa Leila e Han Solo.

Con i gruppi di costuming internazionali sfileranno anche la Galactic Academy Varykino Campus Italia, il club Dark Side of Naples e la Jedi Generation, storico gruppo dedicato alle performance acrobatiche ispirate alla saga. Nel tardo pomeriggio, il Mann accoglierà i fan, grazie all’esperienza di Ciro Sapone e al coordinamento entertainment di Gianluca Falletta, all’inaugurazione della mostra “MannHeroGli Eroi dall’Antichità alle Guerre Stellari”, in calendario fino a luglio.

Ad affiancare Sapone, che ha lavorato con Lucas durante le riprese di Episodio 1 e 2 alla Reggia di Caserta, la direzione scientifica dell’archeologo Mario Grimaldi. L’evento, fortemente voluto dal direttore Paolo Giulierini, rientra tra le tante iniziative edutainment e creative in programma nei prossimi mesi nel museo di Napoli. Il parallelismo si innesterebbe sul mito degli Skywalker nato dalla penna di Lucas, che sarebbe ispirato alle epopee classiche. “MannHero”, tra gli eventi di Comic(on) off, difatti, vede come fulcro dell’allestimento la dimostrazione che gli eroi di qualsiasi era, prima di essere tali, sono innanzitutto uomini.

Ecco quindi Anakin, Luke, Leia e Rey trasformarsi in sculture, affreschi e mosaici, che condurranno a esplorare una “galassia lontana lontana”. Il 5 maggio, i festeggiamenti si sposteranno alla Reggia di Caserta, che ha fatto da set ad alcune scene di Episodio I e II, mentre domenica 6 si tornerà al Mann dove, grazie alle più moderne tecnologie immersive, gli ospiti troveranno nel Salone della Meridiana la statua di Atlante che sorregge la “morte nera”, l’Ercole Farnese affiancato dalla maschera di Darth Vader e il Naoforo della sezione egiziana con al collo una stele con la statua di Han Solo ibernato nella grafite. Tra le altre chicche, numerosi pezzi originali e riproduzioni di scene epiche della saga firmate dall’associazione ADFL, Adulti Fan dei Lego.

Successo per il Festival delle Arti

Successo per il Festival delle Arti

Grande festa per la cerimonia finale della rassegna di Noi per Napoli giunta alla sua VI edizione Olga De Maio e Luca Lupoli, noti artisti lirici del mondo musicale partenopeo, vincitori di numerosi concorsi internazionali, Pavarotti International, Mascagni, Mario...

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

  Un altro straordinario ritratto di Napoli è l’oggetto del “classico” di questa settimana, parliamo di Neapocalisse saggio sociologico dal solido impianto narrativo, pubblicato a Napoli nel 1990. L’opera invero risaliva al decennio precedente frutto della...

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

La recensione di questa settimana riguarda il denso quaderno di appunti di un grandissimo pianista e compositore meridionale il quale, poco più che cinquantenne, appartiene all’olimpo dei classici del pianismo mondiale. Parliamo di Francesco Libetta, grande musicista...

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te