Presunti preti pedofili di Ponticelli e Aversa

da | Apr 7, 2018 | Cronaca | 0 commenti

Sabato 7 e domenica 8 aprile all’esterno del Duomo di Napoli si terrà il Sit-In voluto dalle vittime dei preti pedofili: don Silverio Mura e don Maurizio Palmieri.

Stamattina, all’esterno del Duomo di Napoli si è riunito un sit-in promosso dall’associazione Rete l’Abuso che si occupa delle giovani vittime che hanno subito abusi sessuali dai sacerdoti. Tra loro uno coperto da una maschera di Anonymous ha denunciato di aver subito abusi all’età di 13 anni, nel 1989 dal prete del quartiere di Ponticelli.

La questione, sotto il profilo penale è coperta da prescrizione, ma il ragazzo ha intrapreso una causa civile, in attesa di giustizia da parte delle legge e di un sano provvedimento della Chiesa. Il giovane dichiara: «Voglio che si faccia giustizia e che la Chiesa butti fuori questo prete ed altri come lui, come ha detto più volte il Papa.  Quella vicenda mi  ha stravolto la vita. Dopo la denuncia ho anche perso il lavoro».Gli esponenti della Rete l’ Abuso hanno puntato l’indice anche contro il cardinale Crescenzo Sepe, reo secondo le loro affermazioni, di non aver imposto alcuna restrizione al sacerdote colpevole di violenze. Negli ultimi tempi si moltiplicano le vicende che vedono come protagonisti ecclesiastici accusati di violenze sessuali. Nel corso degli ultimi anni tante sono le vittime che intendono uscire allo scoperto per denunciare la sofferenza causata da i loro carnefici.

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Posillipo e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio teso all'applicazione della normativa anti Covid-19, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in una spiaggia di via Posillipo per...

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te