Il calcio italiano è da riformare

da | Mar 27, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

L’analisi. La pausa del campionato e gli impegni della Nazionale impongono una riflessione sullo stato di salute del calcio italiano

Lo stop del campionato e le due amichevoli della nazionale, per molti ritenute inutili visto che l’Italia al mondiale russo non ci sarà, consentono un attimino di riflessione sul nostro movimento calcistico con la Federcalcio ancora commissariata e la Lega che da poco ha eletto all’unanimità il suo presidente nella figura di Gaetano Miccichè, uomo di potere, legato al carro politico e della grande finanza bancaria, attualmente numero uno del gruppo IMI S.Paolo-Intesa.

La sua nomina, a mio sommesso avviso, non promette nulla di buono sulle auspicate riforme invocate da tutto l’ambiente dopo il KO contro la Svezia e il permanente commissariamento della FIGC ancor più mi fa dubitare sulla reale volontà non solo dei presidenti ma di tutta la classe dirigente calcistica di una concreta rigenerazione morale ed economica da imprimere a tutto il movimento. Un sistema da riformare, soprattutto solo a chiacchiere, e nel quale, da sempre, convivono con difficoltà anime troppo diverse (i grandi club con i piccoli club, i grandi professionisti accanto a quelli piccoli, falsi dilettanti con quelli veri…). Mi piace riscrivere, avendola conservata gelosamente, a riprova che nel calcio, come ne Il Gattopardo di Tommasi da Lampedusa si vuole che “tutto cambi affinchè nulla cambi”, una frase del grande Candido Cannavò che, agli albori degli anni Duemila, descrivendo il movimento calcistico in Italia scrisse che “esiste una democrazia circolare che naturalmente è una falsa democrazia… Non si dimette nessuno perché non c’è un’opposizione ma solo un enorme e totale coinvolgimento che diventa complicità”.

A distanza di anni, dunque, e nonostante il calcio sia diventato azienda vera, nulla è cambiato nei fatti, nelle dinamiche e soprattutto nei personaggi che, di volta in volta, sono messi alla guida di un carrozzone sempre più sgangherato, come confermano i risultati del campo culminati con la clamorosa eliminazione dal mondiale dopo 60 anni. Probabile che la metamorfosi del calcio in industria che produce spettacolo ma richiede investimenti sempre più consistenti ma mirati ed oculati, renda assai difficile (?) il suo governo per dirigenti che spesso non hanno né l’autorevolezza né la competenza per imporre ai tesserati nuove regole in un sistema più democratico, o che addirittura li… “costringe” a subire le scelte di tesserati di club ricchi e potenti. Perciò la grande svolta del sistema calcio non può essere realizzata senza un radicale cambiamento nel reclutamento, nella preparazione, nella selezione di un nuovo personale dirigente delle strutture federali, che obbedisca alla logica di un professionismo serio e di una reale democrazia, che non esiste nel nostro calcio. Più che di nomina di tecnici da strapagare, dunque, si tratta di delineare regole chiare, precise, che devono riguardare regolamento e statuto ma anche gestione dei bilanci di Federazione, Lega e club, ancora troppo… permissivi, come ha dimostrato Striscia la notizia con diversi servizi in cui sono venuti fuori chiaramente i mezzucci e gli illeciti ancora in uso e a cui si ricorre per eludere il fisco.

C’è un altro aspetto che non va sottaciuto e cioè che la Federazione, essendo ancora la prosecuzione della diverse componenti del “sistema calcio”, finisce per essere il posto dove conflitti e risentimenti esplodono anche per motivi di lana caprina; conflitti magari nati proprio in Lega dove ripicche e polemiche sono argomenti vecchi come il cucco e dove ”contano” sempre i soliti noti. Forse è arrivato il momento di creare una Superlega, veramente autonoma ed organizzata e gestita con le finalità di un’azienda, separando in modo netto il mondo degli iper professionisti da quello federale, disegnando una nuova formula di calcio in cui i ruoli siano chiari e separati e dove tutti possono chiedere e ottenere a patto che diano un contributo reale a favore dell’intero movimento e non per se stessi. Miccichè, legatissimo ai carrozzoni politici e finanziari è davvero l’uomo in grado di garantire la svolta tanto invocata da tutti nell’immediato dopo Svezia? E sono in grado di dire la verità i tanti soloni ed opinionisti che vivono beati e lautamente pagati con le loro performance televisive, dove parlano e straparlano di tattica ma si tengono ben lungi dall’accusare un sistema che allo stato ha più rovine di Pompei? Io credo di no! Meditate gente, meditate…!




Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona è ancora pari al Maradona, al gol di Simeone risponde Di Lorenzo, non basta l'assedio del Napoli per scardinare la difesa avversaria. Napoli-Verona, è la partita del ritorno dei gruppi organizzati, almeno quelli della curva A, ma è anche la partita che...

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per conquistare la vetta. Dopo il vantaggio dei padroni di casa con Emreli, nel secondo tempo Zielinski e Mertens la ribaltano su due calci di rigore, poi Lozano e un bellissimo gol di Ounas fissano il punteggio sull'1-4. Rimonta a...

Il derby lo decide Zielinski

Il derby lo decide Zielinski

Salernitana ko. Nonostante una prestazione non delle migliori da parte del Napoli, la decima vittoria è servita Derby che mancava da tantissimo in serie A, quella tra le due campane Napoli e Salernitana è una partita che presenta importanti riscontri per chi si...

Il Napoli riparte, Bologna ko

Il Napoli riparte, Bologna ko

Il Napoli riparte dopo il pareggio di Roma, Bologna ko sotto i colpi di Fabian Ruiz, gol bellissimo e Insigne, doppietta su rigore. Il Napoli riparte - Ripartire e riprendere la marcia vincente, questo è l'obbiettivo della serata dei ragazzi di Spalletti, il Milan con...

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto, il toro alla fine deve cedere alla furia di Osimhen che la risolve con uno stacco perentorio, azzurri a punteggio pieno dopo 8 giornate. Magico Napoli - Inizio della partita molto equilibrato, per l'ottimo schieramento tattico di entrambe...

Napoli, adesso infilza il Toro

Napoli, adesso infilza il Toro

Il match con i granata per continuare la serie positiva e magari allungare ancora sulle inseguitrici A caccia dell’ottava meraviglia, il Napoli, nell’arena del Maradona cercherà di matare un Toro sempre difficile da battere. È ancora vivo il ricordo della partita...

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti, al Maradona gli azzurri non riescono, in dieci, a contenere lo Spartak Mosca, finisce 2-3 ma tutto è ancora possibile. Prima caduta - Ottima partenza per il Napoli che impiega solo 11 secondi per passare in vantaggio,...

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari finisce 2 a 0, azzurri nuovamente primi in classifica e sesta vittoria consecutiva su sei giornate di campionato, Osimhen la sblocca poi è lui stesso a procurarsi il rigore nel secondo tempo, trasformato da Insigne per il 2 a 0 finale. Napoli Cagliari...

Napoli: che sorpresa!

Napoli: che sorpresa!

Grande inizio di stagione. E i tifosi tornano a seguire la squadra con passione Dopo appena cinque giornate di campionato è pericoloso azzardare pronostici soprattutto in chiave partenopea, ma in generale si può affermare che le previsioni della vigilia secondo cui la...

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Sampdoria, Osimhen incontenibile firma una doppietta, doppio assist di Insigne e Lozano, Ruiz raddoppia mentre il sigillo è di Zielinski. Cinque vittorie su cinque e azzurri primi a punteggio pieno. Poker bis - Seconda vittoria...

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Napoli spettacolare, 4 gol all'Udinese nella Dacia Arena, Osimhen e Rrahmani nel primo tempo, Koulibaly e Lozano per il tris e il poker nella ripresa, unica squadra a punteggio pieno. Napoli spettacolare - Chiamato all'ennesima vittoria in campionato, per conquistare...

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina e spreca tanto, va sotto di due gol e nel secondo tempo, con Osimhen la pareggia a 3 minuti dalla fine. Il Napoli domina a Leicester - Partita ricca di emozioni quella che va in scena al Leicester City Stadium, per la prima di Europa League. Il Napoli...

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, a 5 minuti dalla fine il senegalese firma il gol vittoria, Juventus KO al Maradona e -8 in classifica. Ancora Koulibaly- Napoli Juventus non può essere una semplice partita, è la partita più sentita del campionato, orario insolito di sabato alle 18...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

Napoli-Venezia 2 a 0, prima vittoria dell'era Spalletti nel giorno del suo battesimo al Diego Armando Maradona e finalmente ritornano i tifosi allo stadio. Napoli-Venezia è anche la prima partita di Spalletti, da allenatore del Napoli, nell'impianto di Fuorigrotta...

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Il sorriso stanco di Eriksen su un volto ancora visibilmente sofferente è l’ennesimo campanello d’allarme all’Uefa ed al suo presidente, Ceferin, di una situazione ormai arrivata al limite per come l’organismo di Nyon sta gestendo il calcio europeo. Ceferin dopo la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te