Il calcio italiano è da riformare

da | Mar 27, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

L’analisi. La pausa del campionato e gli impegni della Nazionale impongono una riflessione sullo stato di salute del calcio italiano

Lo stop del campionato e le due amichevoli della nazionale, per molti ritenute inutili visto che l’Italia al mondiale russo non ci sarà, consentono un attimino di riflessione sul nostro movimento calcistico con la Federcalcio ancora commissariata e la Lega che da poco ha eletto all’unanimità il suo presidente nella figura di Gaetano Miccichè, uomo di potere, legato al carro politico e della grande finanza bancaria, attualmente numero uno del gruppo IMI S.Paolo-Intesa.

La sua nomina, a mio sommesso avviso, non promette nulla di buono sulle auspicate riforme invocate da tutto l’ambiente dopo il KO contro la Svezia e il permanente commissariamento della FIGC ancor più mi fa dubitare sulla reale volontà non solo dei presidenti ma di tutta la classe dirigente calcistica di una concreta rigenerazione morale ed economica da imprimere a tutto il movimento. Un sistema da riformare, soprattutto solo a chiacchiere, e nel quale, da sempre, convivono con difficoltà anime troppo diverse (i grandi club con i piccoli club, i grandi professionisti accanto a quelli piccoli, falsi dilettanti con quelli veri…). Mi piace riscrivere, avendola conservata gelosamente, a riprova che nel calcio, come ne Il Gattopardo di Tommasi da Lampedusa si vuole che “tutto cambi affinchè nulla cambi”, una frase del grande Candido Cannavò che, agli albori degli anni Duemila, descrivendo il movimento calcistico in Italia scrisse che “esiste una democrazia circolare che naturalmente è una falsa democrazia… Non si dimette nessuno perché non c’è un’opposizione ma solo un enorme e totale coinvolgimento che diventa complicità”.

A distanza di anni, dunque, e nonostante il calcio sia diventato azienda vera, nulla è cambiato nei fatti, nelle dinamiche e soprattutto nei personaggi che, di volta in volta, sono messi alla guida di un carrozzone sempre più sgangherato, come confermano i risultati del campo culminati con la clamorosa eliminazione dal mondiale dopo 60 anni. Probabile che la metamorfosi del calcio in industria che produce spettacolo ma richiede investimenti sempre più consistenti ma mirati ed oculati, renda assai difficile (?) il suo governo per dirigenti che spesso non hanno né l’autorevolezza né la competenza per imporre ai tesserati nuove regole in un sistema più democratico, o che addirittura li… “costringe” a subire le scelte di tesserati di club ricchi e potenti. Perciò la grande svolta del sistema calcio non può essere realizzata senza un radicale cambiamento nel reclutamento, nella preparazione, nella selezione di un nuovo personale dirigente delle strutture federali, che obbedisca alla logica di un professionismo serio e di una reale democrazia, che non esiste nel nostro calcio. Più che di nomina di tecnici da strapagare, dunque, si tratta di delineare regole chiare, precise, che devono riguardare regolamento e statuto ma anche gestione dei bilanci di Federazione, Lega e club, ancora troppo… permissivi, come ha dimostrato Striscia la notizia con diversi servizi in cui sono venuti fuori chiaramente i mezzucci e gli illeciti ancora in uso e a cui si ricorre per eludere il fisco.

C’è un altro aspetto che non va sottaciuto e cioè che la Federazione, essendo ancora la prosecuzione della diverse componenti del “sistema calcio”, finisce per essere il posto dove conflitti e risentimenti esplodono anche per motivi di lana caprina; conflitti magari nati proprio in Lega dove ripicche e polemiche sono argomenti vecchi come il cucco e dove ”contano” sempre i soliti noti. Forse è arrivato il momento di creare una Superlega, veramente autonoma ed organizzata e gestita con le finalità di un’azienda, separando in modo netto il mondo degli iper professionisti da quello federale, disegnando una nuova formula di calcio in cui i ruoli siano chiari e separati e dove tutti possono chiedere e ottenere a patto che diano un contributo reale a favore dell’intero movimento e non per se stessi. Miccichè, legatissimo ai carrozzoni politici e finanziari è davvero l’uomo in grado di garantire la svolta tanto invocata da tutti nell’immediato dopo Svezia? E sono in grado di dire la verità i tanti soloni ed opinionisti che vivono beati e lautamente pagati con le loro performance televisive, dove parlano e straparlano di tattica ma si tengono ben lungi dall’accusare un sistema che allo stato ha più rovine di Pompei? Io credo di no! Meditate gente, meditate…!




Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

Dodici puntate alla fine del romanzo

Dodici puntate alla fine del romanzo

Gattuso deve guidare il Napoli alla conquista di un posto in Europa, possibilmente in Champions League Cessate le antiche turbolenze, dimenticati - per ora - i velenosi e traditori contatti del presidente con altri allenatori dopo la “fatal” Verona, e stoppate...

Il gap italiano con i top club europei

Il gap italiano con i top club europei

Le notti d’ Europa, nonostante i progressi e la strada della gioventù intrapresa da Mancini con la sua nazionale, hanno confermato il gap ancora esistente tra i nostri top club e i club europei, anche quelli di non primissimo livello, come hanno dimostrato...

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

In questi anni mandati via giocatori che sarebbero invece tornati molto utili Il Napoli in questi ultimi anni non è stato sempre avveduto in fase di mercato. Ci sono su piazza e perfettamente impiegati tanti calciatori, acquistati e non valutati correttamente, che...

Haaland, che rimpianto per Adl

Haaland, che rimpianto per Adl

Il centravanti norvegese fu trattato per primo dal Napoli, ma chiedeva uno stipendio troppo alto L’occasione della vita sprecata. Un rimpianto senza fine: il Napoli avrebbe potuto acquistare per una cifra diciamo quasi irrisoria il fuoriclasse del presente e del...

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna, doppietta del capitano azzurro che apre le marcature e nel momento in cui la squadra di Mihajlovic la riapre, il magnifico si carica i suoi sulle spalle e firma il definitivo 3 a 1. -Insigne trascina il Napoli- Dimenticare...

Napoli, serve la testa giusta

Napoli, serve la testa giusta

Contro il Bologna gli azzurri devono sbloccare al più presto il risultato Assistendo tra l’incredulo e lo sconcertato al finale di Sassuolo-Napoli ho pensato subito al lapidario giudizio che Mourinho dette di Balotelli: “Ha un solo neurone che gli funziona a...

La Lega Calcio allo sfascio

La Lega Calcio allo sfascio

Il caso-Napoli non ha insegnato nulla ai presidenti delle società. Ci ricascano con il Torino L’atteggiamento della Lega Calcio sulla vicenda Lazio-Torino è davvero imbarazzante. Lascia interdetti. Come è possibile che il mondo del calcio, nella sua versione...

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Ci sono momenti nella vita, nei quali comprendi che qualcosa si è rotto. Qualcosa in cui credevi, qualcosa che ti ha portato tanto vicino al successo memorabile che quasi te lo senti addosso. La sconfitta, pardon, il pareggio subito a Reggio, a partita praticamente...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te