Una panchina rossa per dire NO alla violenza sulle donne

da | Mar 24, 2018 | Cronaca, Vivere Napoli | 0 commenti

Una “panchina rossa”, un simbolo per ricordare le vittime dei femminicidi, per gridare “NO” alla violenza sulle donne e promuovere una cultura della parità.
Ora anche al quartiere Arenella-Vomero, su iniziativa della Municipalità 5.

 

Il progetto, lanciato già dallo scorso anno dagli Stati Generali delle Donne, si propone come un percorso di sensibilizzazione e comunicazione rivolto ai Comuni, alle associazioni, alle scuole e alle imprese di tutta Italia.

Ignorare il fenomeno e non sostenere chi subisce violenze, significa non comprendere appieno il problema e demandare ad altri quello che è il ruolo di noi tutti. Educare all’eguaglianza e alla valorizzazione delle differenze è un compito che si addice a ciascuno indipendentemente dal ruolo sociale ricoperto. Pertanto, speriamo che realizzare una testimonianza concreta sul territorio Arenella-Vomero della lotta di ognuno di noi alla violenza, possa rappresentare il miglior modo per non dimenticare quel che troppo spesso dimentichiamo: l’amore verso gli altri“ hanno dichiarato unitamente il presidente della Municipalità Paolo de Luca, l’Assessore alle Politiche Sociali Valentina Barberio e tutte le Consigliere della Municipalità.

La panchina è stata inaugurata questa mattina alle 12.30, in via Scarlatti, all’altezza del civico 79. A realizzarla, su invito della Municipalità, Mauro Maurizio Palumbo, un uomo prima che un artista, che ha messo a disposizione il suo impegno e la sua arte per questo progetto, un contributo che è insieme un messaggio e un invito, perché queste iniziative e il contrasto quotidiano alla violenza di genere non restino una “questione di donne tra donne”.

La panchina rossa del quartiere collinare si aggiunge a quelle già presenti da qualche mese sul territorio napoletano, che creano una rete reale e simbolica di denuncia sociale, un messaggio di sensibilizzazione continua e costante, anche alla luce dell’atto di vandalizzazione che, nei giorni scorsi, ha interessato proprio una di queste panchine, quella collocata a piazza San Vitale a Fuorigrotta, macchiata con della vernice scura. Il gesto che ha amareggiato e scosso profondamente le Istituzioni e la cittadinanza è indicatore della necessarietà di continuare con ancora più forza il percorso avviato, per combattere l’ignoranza e ogni forma di violenza.

Napoli, picchia la compagna e scaraventa la figlia per terra davanti a una “panchina rossa”

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te