Camaldoli, scuola elementare inagibile

da | Mar 19, 2018 | Cronaca | 0 commenti

La scuola elementare di Napoli, la Nazareth Musto, è chiusa da più di venti giorni in quanto la struttura non è più in sicurezza, a causa di un’infiltrazione d’acqua che ha causato il crollo dei solai e numerose crepe. Anche il Plesso Guantai non è più agibile e i bambini sono stati “sfrattati” dalla loro scuola e portati nella sede centrale, il Plesso Santa Croce. Le mamme dei rispettivi bambini hanno organizzato una riunione per parlare con il consigliere comunale, Ruggiero, e far sentire la loro voce per tutelare il diritto allo studio dei loro figli.

Nel Plesso di Santa Croce stanno riscontrando numerosissimi disagi, una delle mamme racconta: “La situazione anche a Santa Croce non è delle migliori, in quanto anche lì ci sono delle problematiche. I nostri bambini, bambini di 3 anni, si trovano in un refettorio. Hanno unito due classi dell’infanzia e i bimbi vivono in una condizione di forte disagio. Non sanno nemmeno dove appendere i loro giubbini!”. E aggiunge: “Mio figlio prima andava a scuola volentieri, invece ora, da quando lo hanno spostato nel Plesso Santa Croce, trova mille scuse per non andare e le maestre mi riferiscono, lamentandosi, che a mezzogiorno già vuole andare via. Un vero trauma per un bambino: cambiare scuola e svegliarsi prima del solito. Inoltre si aggiunge anche il problema con le mamme della nuova struttura, che a causa di questa situazione si sentono come invase dall’arrivo di altri bambini”. La rappresentate delle mamme spiega: “Una scuola nuova, ma che comporta molti problemi per noi mamme che abitiamo ai Camaldoli. Molti bimbi non stanno andando a scuola da circa 20 giorni, in quanto ci sono anche mamme che non hanno la macchina per accompagnarli nel nuovo Plesso. Alcuni alunni hanno le aule, altri sono collocati nei corridoi. Sono stati cambiati anche gli orari di entrata ed uscita per non creare disagi agli studenti che già frequentavano il Plesso, evitando che si creasse il caos”.

Già dal lontano 2016 il consigliere comunale ha fatto richiesta di intervento, allegando la documentazione fotografica, onde scongiurare una disgrazia, dato il pericolo per gli alunni. Il 29 agosto 2017 è stata indirizzata una richiesta di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria nei Plessi scolastici della VIII Municipalità. Ma da una serie di sopralluoghi effettuati con relativa documentazione fotografica, purtroppo è stato constatato che nulla è stato fatto, in quanto le aree esterne risultano ancora in totale abbandono e gli interventi indicati non sono stati effettuati. Un’ulteriore richiesta di urgente intervento è stata indirizzata da poco, il 13 marzo scorso, alla Procura della Repubblica, al prefetto, al sindaco del Comune di Napoli, al presidente della Municipalità, all’assessore all’Istruzione e alla Scuola, e al dirigente di servizio P.R.M. Nonostante sia stato ribadito agli Organi competenti, di provvedere urgentemente, per ora nessuno si è attivato con interventi di manutenzione. Soluzioni valide alternative non ce ne sono, proprio come ci spiega la rappresentante delle mamme dicendo: “Non pretendiamo che in 20 giorni ci restituiscano il Plesso Guantai, ma almeno ci aspettiamo che sistemino il Plesso Nazareth Musto”. Ora si attendono notizie dalla preside, previste per martedì 20. Notizie che dovrebbero indicare le date di inizio e di fine dei lavori. Le mamme non perdono la speranza e lottano, perché studiare è un diritto! Ed è disumano e ingiusto che a pagare per questa situazione siano proprio dei bambini.

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Sicurezza, occupazione, esperienza di gioco. Ecco le tre risposte che il gambling italiano deve dare al futuro. Da quando per la prima volta, per contrastare la diffusione della pandemia Covid 19, i lavoratori del settore del gioco legale hanno dovuto tirare giù la...

Vomero, donna muore in un incendio

Vomero, donna muore in un incendio

Allarme al Vomero attorno alle 12 vigili del fuoco ambulanze e forze dell'ordine dirette verso piazza Fuga. Angoscia dei genitori con i figli che anche stamattina nelle vicine scuole. Una donna 94enne è morta carbonizzata. Al momento si sa che l'incendio era in una...

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

Vaccinarsi contro il Covid in farmacia a Napoli è già realtà ma da oggi, grazie all’iniziativa privata, nei locali della “Croce verde” si potranno “curare” anche il disagio e la solitudine delle persone più deboli. L’idea è semplice e nasce dalla sinergia tra la...

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Nei giorni scorsi un uomo è rimasto ferito a un passaggio a livello nei pressi della stazione di Casalnuovo. All’arrivo della chiamata alla Sala Operativa del Compartimento Polfer di Napoli si è subito attivata la macchina dei soccorsi: sul posto è giunto personale...

Restituire la fiducia ai giovani

Restituire la fiducia ai giovani

di Cinzia Rosaria Baldi * Intervista a Emilia Narciso neo presidente Unicef Campania L’Unicef  Italia in questi giorni  festeggia  i trent’anni dalla ratifica nel nostro Paese della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, diritti messi direttamente...

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

È stato completato e consegnato all’Amministrazione Comunale il progetto esecutivo del Lungomare di Napoli, dal titolo "Riqualificazione ciclo-pedonale del Lungomare di Napoli, tratto compreso tra Piazza Vittoria e il Molosiglio". Il progetto, esito di una gara...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te