Più felici a 70 che a 20: da anziani si vive meglio

da | Mar 7, 2018 | AssistenzAnziani, Salute | 0 commenti

Felicità fa rima con vecchiaia. È questo quello che afferma TruthAbout Age, una ricerca della società di marketing Mc Cann che smentisce uno dei più tradizionali e consolidati stereotipi legati all’età. La compagnia ha intervistato un campione di 24.000 persone comprese tra i 20 e i 70 anni, provenienti da 29 diversi Paesi del mondo. Dall’analisi dei risultati emerge come la fase dell’invecchiamento sia percepita dalla maggioranza degli intervistati, ben il 70%, come un momento nel quale riassaporare la libertà di trascorrere le giornate in maniera attiva e felice, praticando attività prima trascurate per mancanza di tempo o a causa del lavoro. Ampio spazio anche all’amore in questa fase di vita: “Non è mai troppo tardi per un appuntamento romantico” dichiarano gli over 65. Se guardiamo all’Italia, gli anziani interpellati sostengono di poter curare di più l’alimentazione e la pratica di un’attività sportiva e di non percepire affatto il peso dell’età che avanza, contrariamente a più del 50% dei ventenni che appaiono, invece, più ansiosi e spaventati dall’idea della morte. Lo studio pare confermare quanto già emerso da precedenti ricerche, come quella dell’Università del Queensland, pubblicato sulla rivista Usa Psychology and Aging che metteva a confronto la soddisfazione sociale di due gruppi di età (gli over 65 e 18-30enni) davanti alla medesima esperienza: a essere maggiormente soddisfatti erano i più anziani. Insomma se, come previsto dalle più recenti indagini statistiche, in Italia, Paese “più vecchio d’Europa”, nel 2030 gli anziani saranno il 26,5% della popolazione, almeno potremo star sereni: sarà un Paese abitato da cittadini felici.

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te