Metrò, troppi ritardi: “È una vergogna”

da | Feb 27, 2018 | Cronaca | 0 commenti

Trasporti. I napoletani si scagliano contro i disservizi della Linea 1: studenti e lavoratori costretti a uscire con due ore di anticipo

Metropolitana di napoli troppi ritardi

Passeggeri in attesa sui binari

La metropolitana di Napoli, riconosciuta come la più bella d’Europa tanto da classificarsi al primo posto della top 10, sta creando forti disagi ai cittadini a causa dei suoi frequenti ritardi. Sarà anche vero che è piacevole attraversare le diverse gallerie della metro, stazioni spettacolari ricche di arte contemporanea, basti ricordare quella di via Toledo della linea 1 che ricrea un cielo tempestato di stelle. Ma la domanda sorge spontanea, a cosa serve tanta bellezza se poi il servizio di trasporto non è efficiente? Ormai i napoletani sono stufi di tale disservizio, che ogni giorno riserva spiacevoli sorprese e che crea non indifferenti disagi. Nelle ore di punta, ovvero la mattina, la maggior parte dei lavoratori e degli studenti sono costretti ad uscire di casa con ben due ore di anticipo, per non rischiare di arrivare in tardo. Giulia, studentessa universitaria, racconta: “Quando prendo la metropolitana per andare all’università, spesso la trovo eccessivamente affollata. Le persone non riescono nemmeno a entrare e a volte sono obbligata ad aspettare la corsa successiva. Se invece riesco a salire sul vagone, mi sembra di soffocare per mancanza di spazio”. Un’altra passeggera, invece, è solita prendere il metrò per andare a lavoro e dice: “Un vero e proprio stress! A volte mi capita di comprare il biglietto di 1 euro e 60 centesimi che dura 90 minuti, e se scade mentre sono in attesa che arrivi il treno in ritardo, sono forzata a comprarne un altro”. La rabbia, che ormai si è trasformata in frustrazione, tocca tutte quelle persone che hanno pagato profumatamente il loro abbonamento e che, non avendo la possibilità di utilizzare mezzi di trasporto alternativi, sono costretti a rassegnarsi e a continuare a prendere il metrò. Lo sdegno appare evidente nelle parole di Anna che esordisce dicendo: “È una vergogna! Io sono un’onesta cittadina che paga regolarmente la tessera di abbonamento, è un’indecenza, un carro bestiame”. Alla domanda: “Continuerai a prendere la metro o hai pensato a qualche mezzo di trasporto alternativo?” c’è chi ha risposto: “Onestamente no. Visto il traffico presente in città, il bus diventa ancora più problematico”. Ebbene sì, in una città trafficata come Napoli, di certo la macchina non risolverebbe il problema. Per non parlare degli autobus, che sono ormai definiti dei veri e propri fantasmi da attendere per ore e ore. Carla, insieme alle sue compagne di liceo, ogni giorno prende la metro da Chiaiano per andare a scuola, munendosi di tanta pazienza, in quanto dice: “Io ho l’abbonamento perché se mi affidassi ai pullman andrei a scuola una o due volte alla settimana. Arrivo spesso tardi alle lezioni e quando c’è sciopero della metro, il ritardo a scuola diventa un’intera assenza”. Un ragazzo universitario si sfoga dicendo: “Io come utilizzatore se pago il biglietto, pretendo un servizio efficiente. Per colpa dell’inefficienza, invece, faccio tardi all’università. Mi è capitato di arrivare con un’ora e mezzo di ritardo all’esame e trovarmi costretto a rifarlo”. Le colpe di tutto questo caos vengono da tutti addebitate al vertice, alla società partecipata al 100% dal Comune di Napoli, l’Anm, che presenta in modo chiaro ed evidente un problema di gestione dei servizi.

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Posillipo e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio teso all'applicazione della normativa anti Covid-19, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in una spiaggia di via Posillipo per...

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te