Impresa tentata solo in extremis

da | Feb 27, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

Il punto. Sfida con il Lipsia dai due volti per il Napoli con i titolari inseriti solo quando era troppo tardi

Il testa a testa in classifica con la Juventus, il record di vittorie consecutive in campionato pretendono di dimenticare in fretta il Lipsia, la Champions League e la Coppa Italia contro l’Atalanta. Ma l’amarissima eliminazione in Europa League dopo la sontuosa prestazione in terra tedesca impone almeno una riflessione senza alimentare rimpianti. Perché il Napoli ha scelto quasi deliberatamente di non superare il turno con la scellerata partita del San Paolo favorita dalle scelte di Sarri, salvo poi volersi riscattare nella gara di ritorno… Che logica c’è stata nei 180’ europei? Fin troppo facile per gli aedi di turno e sempre in servizio lodare la prestazione di Lipsia – dove Sarri, questa volta, senza snaturare l’essenza del suo credo calcistico ha schierato e “ritrovato” il suo Napoli pur rinunciando dall’inizio a Hysaj, Koulybali, Jorginho e Callejon – dimenticando in fretta la partita del San Paolo; e invece, a mio sommesso avviso, occorre soffermarsi proprio sugli errori commessi nei 180’ globali perché è riflettendo sugli errori che si può migliorare…

E allora mi chiedo e vi chiedo: perché schierare a Napoli una formazione senza alcun criterio dopo aver alimentato in conferenza stampa la sensazione di “fastidio” per la gara e la manifestazione europea quando dopo tre giorni al San Paolo scendeva in campo la modestissima Spal e invece, a distanza di sette giorni, a risultato compromesso o quasi, fai la partita da… Napoli quando dopo 96 ore devi affrontare la trasferta non certo facile di Cagliari? C’è qualcosa, a mio modo di vedere, che non torna e che chiama in causa direttamente Sarri ed il “provincialismo” che ancora accompagna certi suoi modi di interpretare il calcio fuori dal campo… Come ad esempio quel suo lamentarsi su tutto e tutti che è quasi un voler mettere le mani avanti per difendersi creando, consapevolmente o inconsapevolmente, alibi forti per i suoi giocatori.

E poco importa che si sia assunto la responsabilità per le scelte della gara d’andata e per la mancata qualificazione, perché ciò che resterà, a fine stagione, è quello che si sarà raccolto dopo dieci mesi di duro lavoro. Occorre perciò discutere sul perché un bravo, bravissimo allenatore e maestro di calcio, dopo tre stagioni ad alto livello, non sia ancora in grado di gestire al meglio la rosa a disposizione e affermarsi quindi come tecnico di spessore internazionale. Troppo semplice, anche se è corretto, affermare, come ha fatto: “Occorre allargare l’organico per essere competitivi su tre fronti”… Ma se l’organico a disposizione è quello – 18/19 giocatori – è su quello che devi giostrare… Ma poi mi vien da dire: come mai in Germania, senza 4 titolari hai stravinto contro una squadra che già al San Paolo non aveva dato la sensazione di essere superiore al “tuo” Napoli? Ribadisco il concetto: al di là dei valori dei componenti è solo un problema di migliore gestione della rosa.

Il Napoli ha un undici di valore assoluto ed un sistema di gioco che quando funziona produce un calcio di rara bellezza e redditizio. Ma un tecnico deve anche saper fare a meno di qualcuno dei suoi interpreti importanti senza per questo snaturare principi di gioco, mentalità e carattere della squadra. Cambi eccessivi, responsabilizzando tutte insieme le “seconde linee”, producono un gioco asfittico, perdente, dando alibi ai giocatori impiegati. Ricordate le parole di Ounas al termine della gara del San Paolo? Esiste, deve esistere un giusto mix che un allenatore bravo ed intelligente come Sarri non può ignorare o non conoscere dopo anni di dura gavetta. E infatti la dimostrazione l’ha data a Lipsia. Per l’Europa, quest’ anno, “non ci resta che piangere” pensando con amarezza a quello che sarebbe potuto essere. Resta solo – si fa per dire- il campionato, il vero obiettivo dall’inizio di stagione.

Sarri e il Napoli, coscientemente o no, hanno voluto giocarsi questa scommessa, da tutto o niente, ben sapendo che la Juventus, per organico e abitudine a vincere è più forte. C’è il rischio di implosione in caso di mancato successo però, volendo pensare positivo ed essere sinceramente ottimisti, piace credere che il Napoli di Lipsia, forte, concentrato e determinato possa essere lo stesso che vedremo ad aprile all’Allianz Stadium. Avanti, dunque, senza lamenti né timori. Ora Sarri e il Napoli hanno un solo obbligo: vincere e diventare campioni. Poi toccherà a De Laurentiis allargare l’organico per accontentare tecnico e tifosi.

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

Dodici puntate alla fine del romanzo

Dodici puntate alla fine del romanzo

Gattuso deve guidare il Napoli alla conquista di un posto in Europa, possibilmente in Champions League Cessate le antiche turbolenze, dimenticati - per ora - i velenosi e traditori contatti del presidente con altri allenatori dopo la “fatal” Verona, e stoppate...

Il gap italiano con i top club europei

Il gap italiano con i top club europei

Le notti d’ Europa, nonostante i progressi e la strada della gioventù intrapresa da Mancini con la sua nazionale, hanno confermato il gap ancora esistente tra i nostri top club e i club europei, anche quelli di non primissimo livello, come hanno dimostrato...

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

In questi anni mandati via giocatori che sarebbero invece tornati molto utili Il Napoli in questi ultimi anni non è stato sempre avveduto in fase di mercato. Ci sono su piazza e perfettamente impiegati tanti calciatori, acquistati e non valutati correttamente, che...

Haaland, che rimpianto per Adl

Haaland, che rimpianto per Adl

Il centravanti norvegese fu trattato per primo dal Napoli, ma chiedeva uno stipendio troppo alto L’occasione della vita sprecata. Un rimpianto senza fine: il Napoli avrebbe potuto acquistare per una cifra diciamo quasi irrisoria il fuoriclasse del presente e del...

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna, doppietta del capitano azzurro che apre le marcature e nel momento in cui la squadra di Mihajlovic la riapre, il magnifico si carica i suoi sulle spalle e firma il definitivo 3 a 1. -Insigne trascina il Napoli- Dimenticare...

Napoli, serve la testa giusta

Napoli, serve la testa giusta

Contro il Bologna gli azzurri devono sbloccare al più presto il risultato Assistendo tra l’incredulo e lo sconcertato al finale di Sassuolo-Napoli ho pensato subito al lapidario giudizio che Mourinho dette di Balotelli: “Ha un solo neurone che gli funziona a...

La Lega Calcio allo sfascio

La Lega Calcio allo sfascio

Il caso-Napoli non ha insegnato nulla ai presidenti delle società. Ci ricascano con il Torino L’atteggiamento della Lega Calcio sulla vicenda Lazio-Torino è davvero imbarazzante. Lascia interdetti. Come è possibile che il mondo del calcio, nella sua versione...

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Ci sono momenti nella vita, nei quali comprendi che qualcosa si è rotto. Qualcosa in cui credevi, qualcosa che ti ha portato tanto vicino al successo memorabile che quasi te lo senti addosso. La sconfitta, pardon, il pareggio subito a Reggio, a partita praticamente...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te