Diego Fusaro, torinese e meridionalista:

da | Feb 27, 2018 | Sud100cento | 0 commenti

Potremmo iniziare con una domanda: che attinenza c’è tra il simpatico e colto prezzemolino Diego Fusaro, filosofo torinese, con le rimostranze del Sud? Beh c’è, eccome se c’è, considerando come elemento probatorio l’onestà intellettuale che contraddistingue la sua oramai celeberrima arte oratoria.

Lui, da sempre profondo assertore della questione meridionale, è consapevole che per ripartire dal Mezzogiorno si ha necessità della riscoperta delle profonde radici culturali che risalgono alla Magna Grecia. Riscoperta finalizzata al recupero dell’Identità come valore fondamentale da contrastare all’appiattimento dei popoli.

Le tesi antisistemiche, antiglobaliste di Fusaro, molto scomode per il sistema imperante, sono state affermate anche a Gaeta nella scorsa settimana in occasione della consueta commemorazione annuale della triste data (13 febbraio 1861) che sanciva, con la capitolazione di Gaeta, la fine del regno delle due Sicilie. Un’Italia che continua a violentare la Storia, a nascondere le nefandezze ed i crimini perpetrati per unirla, non fa che male.

Noi non intendiamo spezzare l’Italia in due territorialmente, benché i Poteri l’abbiano già fatto economicamente da ben 157 anni. Non ci temessero, perché intendiamo – per il momento – trovare solo una pace interiore: ristabilire, senza poterla elemosinare dall’intellettuale di turno (che per spirito di profonda gratitudine assurgiamo a nostro benefattore), la verità storica, i reali motivi che hanno sancito la decisione di invadere un Regno glorioso senza dichiarazione di guerra né motivazioni alcune se non quelle grette e meschine.

Vogliamo riabilitare la figura dei Briganti, ritenuti criminali quando non erano altro che eroi e patrioti e compiangerli in un giorno della memoria che ancora beffardamente ci viene negato. Vogliamo essere liberi di promuovere il nostro territorio, i nostri prodotti, le nostre tradizioni, il nostro folklore.

Ed è per questo che diciamo grazie a Diego Fusaro perché le sue parole restino impresse ed indelebili: “L’unificazione dell’Italia è stato un gesto di inaudita violenza, una pagina scritta nel sangue: rapine, omicidi e sfruttamento ne furono i momenti fondamentali. Il Nord aggredì il Sud e lo “piovrizzò”, per riprendere l’efficace formula di Gramsci: ne sfruttò le risorse come base per lo sviluppo industriale a Torino, Milano e Genova. E condannò il Sud al ruolo di perenne subalterno. A suffragarlo è, oltretutto, il mistero dell’oro di Napoli: la città più ricca e fiorente della penisola sprofondò nella miseria, a unificazione avvenuta, per via della vorace rapacità del Nord. Ma – si sa – la terra è rotonda e si è sempre a sud di qualcun altro. Ora, infatti, l’Italia tutta intera, il Nord virtuoso e il Sud sprecone, scopre di essere la questione meridionale dell’Europa unita: che, come è noto, ha per capitale Berlino e per moneta il Marco tedesco”.

https://www.quotidianonapoli.it/2018/02/26/borse-studio-all…-delle-superiori/

Google adesso parla pure Napoletano

Google adesso parla pure Napoletano

La notizia. Il nuovo update di Gboard per Android ha previsto l’inserimento di alcuni dialetti italiani tra le lingue disponibili “Non si abita un Paese, si abita una lingua. Una patria è questo e nient’altro” affermava il celebre filosofo Emil Michel Cioran. E a...

È del Sud il 14% della ricchezza del Nord

È del Sud il 14% della ricchezza del Nord

Presentato il giorno 7 novembre il rapporto Svimez 2017 sui dati economici del Sud è stato puntualmente ignorato dai media italiani. La prima notizia che balzerebbe nell’immediato è che il Sud parrebbe uscire dalla crisi stagnante, facendolo a piccoli passi e in...

Napolitani e Napolegni: e la lingua napoletana?

Napolitani e Napolegni: e la lingua napoletana?

Una delle cose che mi ha lasciato più perplesso durante le registrazioni del nostro programma televisivo “Brigantiggì” è stata certamente la constatazione che i napoletani, pur vantandosi di possedere una propria lingua, riconosciuta a livello mondiale, spesso non...

L’auto in doppia fila ti blocca?

L’auto in doppia fila ti blocca?

Tecnologia. Un giovane imprenditore napoletano lancia l’App con cui richiamare i trasgressori “In una città dove la macchina è un’esigenza “Mo Veng” è l’applicazione che riduce lo stress”. Questo è il motto alla base dell’applicazione realizzata da un giovane...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te