Dieci vittorie consecutive

da | Feb 27, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

Dieci vittorie di fila per il Napoli, ma c’è dell’altro. È Napoli-Juventus non solo per il campionato in corso ma anche per gli annali della Serie A. Con la vittoria in trasferta a Cagliari, il Napoli 2017/18 di Sarri e la Juventus 2013/14 di Conte sono le due squadre a detenere il record assoluto di punti fatti dopo le prime 26 giornate, ben 69, considerando anche il ricalcolo dei punteggi dei campionati in cui la vittoria valeva 2 punti. Fino alla settimana scorsa, le due squadre condividevano il record relativo alle prime 25 giornate con l’Inter 2006/07 di Mancini, quella che beneficiò della retrocessione d’ufficio della Juventus, dalla quale prelevò pure Ibrahimovic e Vieira. Quell’Inter pareggiò contro l’Udinese a San Siro alla 26ma giornata e salì a “soli” 67 punti, come la Juventus di Capello dell’anno precedente, poi punita dalla giustizia sportiva.

I 69 punti del terzo Napoli di Sarri e della terza Juventus di Conte sarebbero ovviamente superiori anche ai potenziali 68 dell’attuale Juventus di Allegri, che dovrà recuperare la partita casalinga contro l’Atalanta rinviata per neve, e questo dà l’esatta dimensione dell’anomala situazione in corso, mai verificatasi prima d’ora, con due squadre a passo da record assoluto e separate da un solo punto. La Juventus 2013/14 di Conte, alla 26ma giornata, aveva 8 punti di vantaggio sulla seconda (Roma) e chiuse il campionato a +17. L’Inter 2006/07 di Mancini, alla stessa giornata, distanziava addirittura di 11 punti la prima inseguitrice (Roma) e trionfò con un +22. Napoli e Juventus avrebbero entrambe la possibilità di battere il record assoluto di punti ottenuti in un campionato, che appartiene proprio alla Juventus 2013/14 con 102 punti. Per gli azzurri è potenzialmente raggiungibile quota 105; i bianconeri possono provare a toccare quota 104. Anche il record, come lo scudetto, potrebbe passare per il big-match del 22 aprile.

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te