Pink Project, il Palazzo delle Arti “in rosa”

da | Feb 26, 2018 | Cultura&Spettacolo, Vivere Napoli | 0 commenti

il Progetto. Mercoledì una giornata nel segno della prevenzione del tumore al seno tra performance e installazioni dell’artista

Il Palazzo delle Arti di Napoli si tinge di rosa per un interessante progetto al femminile proiettato verso la prevenzione del tumore al seno. Questa insolita relazione tra arte e scienza prenderà forma nello storico Palazzo Roccella di via dei Mille che, dal 2005, offre i propri spazi per incontri con l’arte contemporanea e fenomenologie annesse.

Il Pan, inteso anche come centro dinamico di cultura, è uno spazio aperto al dibattito sui temi più attuali, infatti, oltre a mostre, convegni, presentazioni ed altri eventi di carattere culturale, dà impulso anche a manifestazioni d’interesse pubblico e sociale, come la prevenzione di alcune malattie e la conoscenza di altre attività inerenti al mondo medico-scientifico. In quest’ottica verrà ospitato “Pink Project”.

Un progetto fotografico firmato dalla poliedrica artista Francesca Tilio, che sarà presentato mercoledì 28 febbraio a partire dalle 12. Un progetto che esprime e comunica un’esperienza diretta di guarigione dal tumore al seno, con il preciso obiettivo di offrire uno spunto creativo e divulgativo sull’importanza della prevenzione. “Al di là di ogni previsione medica – dichiara Francesca Tilio – sono diventata mamma di una bambina: Pink Project sono Io, mia figlia ed ogni donna. Ovunque”.

Trait d’union, il colore rosa e il suo simbolismo cromatico, che nell’immaginario collettivo da subito rimanda al mondo femminile, molto presente soprattutto nella comunicazione dell’evento. La testimonianza di una guarigione verrà rappresentata attraverso una parrucca rosa utilizzata dalla fotografa jesina e da un abito della sua mamma, anch’esso pink, abbinati a performance e installazioni.

L’evento è sostenuto dall’Azienda Ospedaliera Universitaria di Napoli e dal Rotary Club Campania. Sono previsti inoltre interventi di radiologi, chirurghi plastici, oncologi e senologi. Tra le innumerevoli attività che ospita il Pan, questa assume un taglio decisamente diverso e sicuramente un carattere forte, come le donne che trovano il coraggio di affrontare un male, sconfiggerlo e rinascere.

Una testimonianza artistica, che racconta un’esperienza e dà sostegno a quanti, con il proprio talento, continuano a favorire la prevenzione e la diagnosi precoce contro il male del secolo. Pink Project, con ingresso libero, sarà aperto dalle 12 alle 19 del 28 febbraio e tutte le donne che vorranno sostenere la causa potranno, per l’occasione, farsi fotografare con una parrucca rosa presso il set allestito ad hoc negli spazi del Pan.

Il fumetto d’autore ora sbarca nei musei

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

  Un altro straordinario ritratto di Napoli è l’oggetto del “classico” di questa settimana, parliamo di Neapocalisse saggio sociologico dal solido impianto narrativo, pubblicato a Napoli nel 1990. L’opera invero risaliva al decennio precedente frutto della...

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

La recensione di questa settimana riguarda il denso quaderno di appunti di un grandissimo pianista e compositore meridionale il quale, poco più che cinquantenne, appartiene all’olimpo dei classici del pianismo mondiale. Parliamo di Francesco Libetta, grande musicista...

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te