Napoli fa incetta di nomination ai David

da | Feb 19, 2018 | Cultura&Spettacolo | 0 commenti

Grande successo per le pellicole napoletanenella prima fase del premio David di Donatello 2018, gli “Oscar” del cinema italiano per intenderci. Sono infatti ben 4 i film girati a Napoli, e che parlano di Napoli, che hanno trovato grandi consensi ed ottenuto un importante numero di candidature al premio italiano che consegna riconoscimenti alle eccellenze del settore. Qualche settimana fa in queste pagine abbiamo affrontato l’argomento del periodo positivo di Napoli quale set naturale di grandi produzioni come fiction, documentari, film, e in questi giorni è arrivata anche la conferma dell’indice di gradimento. Obiettivo raggiunto anche grazie al lavoro della Film commission Campania. Le candidature sono state votate dall’8 al 31 gennaio 2018 da 1289 giurati su 1491 componenti la Giuria dell’Accademia. Le pellicole che hanno ottenuto il maggior numero di nomination nelle cinquine sono Ammore e malavita dei Manetti Bros con ben 15 nomination, Napoli velata di Ferzan Ozpetek con 11 nomination e La Tenerezza di Gianni Amelio con 8 nomination. Gatta Cenerentola, che vede alla regia Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnierie Dario Sansone, con le sue 7 nomination ha ottenuto un primato, ovvero per la prima volta un prodotto animato è in lizza per la categoria “miglior film” avendo tra l’altro come diretti “avversari” 4 film tradizionali. Il film d’animazione prodotto dalla napoletana Mad Entertainment con Skydancers e distribuito in Italia da Videa ha raccolto consensi e critiche positive grazie al lavoro fatto dall’entourage che ha realizzato un film ben fatto che regala emozioni ma anche un senso di impotenza, sullo sfondo una Napoli onirica piena di mistero, degrado ma anche ricordi grazie alla tecnologia avanzata della nave Megaride, teatro delle vicende. Le voci dei protagonisti sono di Massimiliano Gallo, Maria Pia Calzone, Alessandro Gassman, Mariano Rigillo e Renato Carpentieri. Commossa la reazione dei produttori del film, Luciano Stella e Maria Carolina Terzi, “MadEntertaint – fanno sapere – desidera ringraziare l’Academy italiana per aver creduto così fermamente in un’opera innovativa come Gatta Cenerentola”. Ammore e malavita, sin dalla sua presentazione alla 74esima Mostra del Cinema di Venezia, aveva dato prova di essere un prodotto originale, convincente e pieno di contaminazioni uscendo dai soliti schemi – non dai contenuti! – e offrendo un racconto fluido e scorrevole confezionato in un musical. Tra le nomination ottenute: miglior film, miglior regia, miglior attrice e miglior attore non protagonista (Claudia Gerini e Carlo Buccirosso). Candidatura meritata da entrambi perché i personaggi che interpretano fanno sorridere ed allo stesso tempo infastidire lo spettatore. Insomma, Ammore e malavita convince, vincerà pure? La Napoli velata di FerzanOzpetek è stata apprezzata soprattutto per l’interpretazione e la direzione, infatti concorre, tra le altre, per Miglior regia, per Miglior attrice e attore protagonista con Giovanna Mezzogiorno ed Alessandro Borghi e come Miglior attrice e attore non protagonista con Anna Bonaiuto e Peppe Barra. La Tenerezza, che vede protagonista un intenso Renato Carpentieri che concorre come Miglior attore protagonista, ha ottenuto 8 candidature tra le quali Miglior Film, Miglior regia, Migliore musicista per Franco Piersanti e Miglior scenografo per Giancarlo Basili. Per completezza di informazione citiamo infine la napoletana Valeria Golino in lizza come miglior attrice protagonista per il film Il colore nascosto delle cose, e il film Gramigna – Volevo una vita normale di Sebastiano Rizzo, candidato al premio David giovani. Il film è tratto dal libro omonimo scritto da Michele Cucuzza e Luigi Di Cicco che narra le vicende di Luigi, il figlio di un boss della camorra. Adesso bisogna attendere il 21 marzo per il verdetto finale della sessantottesima edizione, e quindi per conoscere il nome dei vincitori. Andrà infatti in onda un programma in prima serata condotto da Carlo Conti su Rai 1 che rivelerà tutti i risultati.

Elena Foresta, viaggio da Napoli al piccolo schermo

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

Arte e musica in streaming

Arte e musica in streaming

Sei testimonial d’eccezione per la rassegna del treatro Trianon Viviani “Suoni contro muri” Il Covid ha letteralmente paralizzato cinema e teatri. La cultura sta soffrendo più di tutti i settori (insieme al turismo) gli effetti letali della pandemia. Ma a Napoli c’è...

Corradino superstar. Graus, boom di vendite

Corradino superstar. Graus, boom di vendite

È un bilancio 2020 più che lusinghiero per la casa editrice napoletana Graus Edizioni che nonostante la pandemia da Covid-19, lo smart working, le restrizioni e il divieto di organizzare eventi può esibire confortanti successi di vendita delle sue pubblicazioni. “Non...

Addio al grande musicologo e critico Paolo Isotta

Addio al grande musicologo e critico Paolo Isotta

Non un libro questa settimana ma il commosso omaggio ad un autore mancato appena pochi giorni fa, il quale lascia un ricordo indelebile in chi lo ha conosciuto. Parliamo di Paolo Isotta, professore emerito del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, uno tra i...

Tav e malgiustizia, scoop napoletano

Tav e malgiustizia, scoop napoletano

Un libro-intervista sull’odissea di un manager torinese costretto a trasferirsi e a lavorare a Dubai All’epoca il caso occupò a lungo la ribalta della cronache nazionali. Uno dei tanti scandali giudiziari finiti in una bolla di sapone, con tanto di calvario subito da...

’Nce vurrìa nu miraculo?

’Nce vurrìa nu miraculo?

Nun se po’ suppurtà c’ ’a Reggione e ll’Asl Na1 ritardanno ’a riqualificazzione d’ ’o spitale ‘San Gennaro’ Naturalmente nun sto’ pparlanno ’e san Gennaro ’o prutettore ’e Napule, che ’e miracule ’e ffa. Parlo ’e ll’antico spitale napulitano che pporta ’o nomme ’e...

Ll’anno ’e draghi? No, d’ ’o Voje…

Ll’anno ’e draghi? No, d’ ’o Voje…

’A cummunetà cinìse tene a Nnapule na tradezzione longa e ’mpurtante accummenciata ô XVIII seculo Vuje forze manco ’o ssapiveve ca mo mmo simmo trasute int’a ll’anno d’ ’o Voje (o Vùfero), animale sìmmolo ’e cuòccio e fforza d’anema. Però ’o ssapevano buono ’e 12.500...

Teatro, la casa diventa scena

Teatro, la casa diventa scena

Oggi in diretta sulla pagina Facebook del Suor Orsola Benincasa il progetto “Screen Life Theatre” “Screen Life Theatre”. La casa che diventa scena. Azioni performative che dalle case degli attori raggiungono le case degli spettatori. Sono le nuove frontiere del teatro...

Carnevale in tempo di pandemia

Carnevale in tempo di pandemia

Quest’anno i festeggiamenti saranno diversi dal solito: prevarranno le regole sulla tradizione Il Carnevale è la festa del disordine, carnem levare, eliminare la carne, una festa pagana, che a Roma si legava ai Baccanali, in onore di Bacco, dio del vino, della...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te