La fine del Regno delle due Sicilie, 1861

da | Feb 19, 2018 | Sud100cento | 0 commenti

Il 13 febbraio abbiamo commemorato, con immutata tristezza e come oramai facciamo puntualmente da qualche anno, la fine del Regno delle due Sicilie, avvenuta nel 1861 a Gaeta, ultimo baluardo di resistenza, dopo novantaquattro giorni di assedio e di estenuanti bombardamenti per mano delle truppe sabaude in connivenza con i poteri forti della monarchia inglese e dei traditori della nostra Patria identificabili in alcuni corrotti soldati borbonici e latifondisti meridionali che avevano trovato maggiore convenienza nello stringere accordi con i sanguinari usurpatori italiani . E fu così che il nuovo vessillo tricolore padano si issò sostituendo la nostra amata bandiera. La nostra Terra divisa, in quel tempo, in 22 province di cui 15 nel Sud continentale e 7 in Sicilia, contava 76 distretti a loro volta suddivisi in 684 circondari che comprendevano 2189 comuni i cui confini geografici , demarcati da 686 cippi, andavano dall’Abruzzo alla Sicilia. L’ annessione al nuovo Regno e la conseguente colonizzazione ha cercato di cancellare il nostro passato, tanto che in molti si riconoscono nella bandiera italiana dimentichi della propria storia e del vessillo che ci identificava. Infatti, lo stemma riprodotto nell’immagine, ufficialmente introdotto con un decreto reale il 21 dicembre 1816, non identifica solo i Borbone ma fu anche un omaggio alle casate che dominarono il Regno nei secoli precedenti: dagli Svevi agli Angioini, dagli Aragonesi agli Asburgo, ai Farnese. In cima sovrasta la Corona Reale con la croce cristiana, testimonianza della profonda fede dei Borbone collocati sul trono per “volontà e grazia divina” e non come oggi per i governi italiani per grazia delle Bce. L’emblema, sintesi di tante tradizioni, è arricchito inoltre dai corollari degli Ordini Cavallereschi sui quali i Borbone detenevano autorità e che venivano concessi ai discendenti delle grandi famiglie reali o alle più illustri personalità per meriti speciali. Sarebbe giusto quindi che anche nelle Istituzioni presenti nel nostro territorio (acclarata mestamente la nostra colonizzazione), si potesse dar lustro, così come accade per la Serenissima di Venezia al nostro stemma, prima che la ventata di globalizzazione faccia scomparire definitivamente la nostra residua identità soppiantata non più solo da uno sbiadito tricolore ma da una sempre più ingombrante presenza di una bandiera azzurra con le stelle simbolo di un’Unione Europea pronta a mangiare in un boccone anche quel po’ di residuo di sovranità italiana. Facciamo in modo che questo auspicio non resti una mera utopia, considerato che finanche allo stadio san Paolo, trincerandosi dietro un assurdo regolamento, se sbandieri la nostra bandiera sei sottoposto al sequestro del vessillo. E tutto questo non aiuta di certo a far pace col nostro passato, passato che gli italiani, ignobilmente, vogliono per forza farci obliare.

Borse di studio per allievi delle superiori

Maggio 1860, lo sbarco dei Mille a Marsala

Maggio 1860, lo sbarco dei Mille a Marsala

Maggio 1860, così ebbe inizio la colonizzazione del Regno. Esattamente 158 anni fa, l’11 maggio 1860, indisturbato per ordine del corrotto comandante borbonico Acton e protetto dal benevolo occhio della marina inglese, ufficialmente di stanza nel porto per proteggere...

Agricoltura spaziale, Napoli è pioniera

Agricoltura spaziale, Napoli è pioniera

Agricoltura Spaziale. Il primo esperimento è tutto partenopeo. Gli studenti di Agraria della Federico II e del Liceo scientifico Silvestri di Portici sono i vincitori di un concorso dell’Asi Carote spaziali nei nostri piatti. Sembra un menù futuristico ma forse sarà...

Napoli, arriva Cest Eat il “panaro” che sfida Just Eat

Napoli, arriva Cest Eat il “panaro” che sfida Just Eat

È rivoluzionaria e napoletana la risposta italiana al colosso di consegna di cibo a domicilio più famoso al mondo. Si chiama Cest Eat e viene da Napoli la piattaforma che si propone di sfidare Just Eat, il servizio leader mondiale nella consegna di cibo a domicilio,...

25 aprile, cosa abbiamo da festeggiare?

25 aprile, cosa abbiamo da festeggiare?

25 aprile? Napoli si era liberata da sola già nel 1943 Il 25 aprile è una di quelle date simboliche che assumono, per il popolo italiano e le istituzioni, un’importanza esageratamente rilevante atte a ricordare, ipocritamente, l’anniversario della Resistenza militare...

Il dialetto napoletano va in aula

Il dialetto napoletano va in aula

L’Accademia Napoletana ha inviato una richiesta per riconoscere il napoletano come lingua e bene immateriale dell’Unesco. Il presidente dell’accademia, Massimiliano Verde, crede che sia necessario tutelarlo dai rischi che potrebbero derivare dal progressivo esaurirsi...

Dal Palio Nazionale delle Botti ai Gigli

Dal Palio Nazionale delle Botti ai Gigli

Sabato 7 aprile, alla vigilia della Pasqua Ortodossa, io e le mie amiche ci siamo date all'escursionismo, affrontando con coraggio i famosi “1200 scalini” che collegano l’ameno paesino di Furore (Costiera Amalfitana) al sottostante Fiordo, uno spettacolo della natura...

Macroregione del Sud

Macroregione del Sud

Macroregione. Entro giugno ne servono 500mila: presentato il programma Con le firme apposte sul documento di costituzione del Comitato Promotore, parte ufficialmente la possibilità, per tutti i meridionali di buona volontà, di lavorare alla realizzazione di una...

Addio a Zì Tonino: l’ultimo sciuscià di Napoli

Addio a Zì Tonino: l’ultimo sciuscià di Napoli

Si è spento nella giornata di ieri alle 10:30 Antonio Vespa, per tutti "Zì Tonino" o "Zì Tony", l’ultimo sciuscià di Napoli Con lui se ne va uno dei più antichi mestieri napoletani, il lustrascarpe, simbolo dell’umiltà e del vivere alla giornata. Con la sua “nennella”...

Battipaglia, la memoria del 9 aprile 1969

Battipaglia, la memoria del 9 aprile 1969

È passato quasi mezzo secolo da quel 9 aprile 1969 quando Battipaglia, importante comune della piana del fiume Sele, balzò tragicamente agli onori della cronaca nera per l’assassinio di due giovani vite da parte delle forze dell’ordine intervenute in maniera violenta...

Vodafone lancia la rete 4.5G a Napoli

Vodafone lancia la rete 4.5G a Napoli

È arrivata in Italia la prima rete mobile 4.5G di Vodafone con una velocità fino a 550 Megabit al secondo, nelle città di Napoli, Roma e Palermo. Lo riferisce una nota, spiegando che sarà possibile navigare al quadruplo della velocità rispetto alla rete 4G,...

Voto, no a interpretazioni semplicistiche

Voto, no a interpretazioni semplicistiche

Le elezioni politiche del 4 marzo hanno espresso nuovi confini geopolitici ridisegnando un'improbabile cartina geografica che restituisce, a Sud e nei nostri sogni, il Regno delle due Sicilie. Fautore di questo involontario ritorno al passato è il fascino esercitato...

Finita (finalmente) la campagna elettorale

Finita (finalmente) la campagna elettorale

Finalmente, è finita. Non se ne poteva più della campagna elettorale e di tutta l’ipocrisia italiota che si porta appresso. Una campagna elettorale che certamente non passerà alla storia per i contenuti, come ha testimoniato il ritorno allo stupidario...

Napoli e Milano capitali di due Italie diverse

Napoli e Milano capitali di due Italie diverse

Milano e Napoli, le vere capitali d’Italia ma di due Italie diverse. Differenze tra le due città narrabili da molti punti di vista, non solo storici e antropologici. Due città diverse e divise per ricchezza, stato sociale, consumi, lavoro e politica ma egualmente...

Doppio appuntamento con “Il Brigante”

Doppio appuntamento con “Il Brigante”

Nella ricorrenza dei mille anni di Melfi, la storica testata Il Brigante organizza per venerdì 16 e sabato 17 marzo un appuntamento che vedrà incontrarsi informazione, movimenti e associazioni per un sano confronto che dia maggior voce e forza alle istanze del...

Online, ecco come vendere di più sul web

Online, ecco come vendere di più sul web

Due ricercatori napoletani hanno inventato un algoritmo che permette di avere una classifica aggiornata sui prodotti più richiesti in rete dagli acquirenti. Parliamo di Stanislao e Giuseppe Montagna, due giovani partenopei che dopo tre anni di studi, durante i quali...

Diego Fusaro, torinese e meridionalista:

Diego Fusaro, torinese e meridionalista:

Potremmo iniziare con una domanda: che attinenza c’è tra il simpatico e colto prezzemolino Diego Fusaro, filosofo torinese, con le rimostranze del Sud? Beh c’è, eccome se c’è, considerando come elemento probatorio l’onestà intellettuale che contraddistingue la sua...

Borse di studio per allievi delle superiori

Borse di studio per allievi delle superiori

La Regione Campania ha pubblicato sul Burc un avviso che garantirà interessanti opportunità agli studenti delle scuole superiori. Per l’anno scolastico 2017/2018, sono state messe a disposizione 12.380 borse di studio, del valore di 400 euro l’una e per uno...

Carnevale a Napoli, tradizione fin dal ‘400

Carnevale a Napoli, tradizione fin dal ‘400

Feste, feste… il Carnevale è la festa del disordine, carnemlevare, eliminare la carne, festa pagana, che a Roma si legava ai Baccanali (in onore di Bacco, dio del vino, della vendemmia, dei piaceri dei sensi e del divertimento) ma soprattutto ai Saturnali (in onore di...

Stockfellas: La finanza approda alla Blockchain

Stockfellas: La finanza approda alla Blockchain

La novità. È nata in Campania ed è “hi-tech” la prima società italiana di trading decentralizzata. Ha sede anche nel Regno Unito “John, una cosa che ti posso garantire, anche in questo mercato, è che io non chiedo mai ai miei clienti di giudicarmi per i profitti, gli...

Ragazzini che scimmiottano i boss

Ragazzini che scimmiottano i boss

Arturo da una parte e le ultime “stese” dall’altra, ennesime vittime di una microcriminalità sfacciata e impunita che imperversa in tutte le metropoli del mondo ma che quando succede a Napoli desta clamore. I grossi numeri delle rapine consumate in pubblica via e gli...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te